Vaticano, rimosso un cardinale: è accusato di abusi su un minore

Vaticano: rimosso da "ogni ministero pubblico" un cardinale americano. Theodore McCarrick è accusato di aver abusato di un minore quando era un semplice sacerdote della diocesi di New York. Il porporato si è dichiarato innocente

Un'altra bufera rischia di scuotere il Vaticano.

Dopo il caso del cardinale australiano George Pell, che al momento si trova nella sua nazione d'origine, dove si sta difendendo nel corso di un processo da accuse che non sono state rese note nei loro dettagli, un alto prelato è stato accusato di abusi sessuali ai danni di un minore. Si tratta del cardinale americano Theodore McCarrick, che in passato ha ricoperto anche "l'incarico" di arcivescovo di Washington.

Il porporato, stando a quanto si legge su Il Messaggero, potrebbe aver abusato di un minore una trentina d'anni fa, quando era un semplice sacerdote presso la diocesi di New York. Le accuse di cui si parla in queste ore, almeno, riguardano un presunto episodio avvenuto in quel periodo. La Santa Sede, nel frattempo, avrebbe già intimato all'alto prelato il ritiro a una vita privata fatta di preghiera e penitenza. La decisione sarebbe stata comunicata dal cardinale segretario di Stato Parolin, dopo un ordine ricevuto direttamente da Papa Francesco.

"Seppur sia sconvolto dal rapporto, e pur dichiarando la mia innocenza, ho ritenuto essenziale che le accuse fossero segnalate alla polizia, accuratamente investigate da un’agenzia indipendente, e consegnate al comitato di revisione dell’arcidiocesi di New York. Ho collaborato pienamente al processo", ha sottolineato McCarrick, come si apprende da una nota stampa riportata su Vatican Insider.

In Vaticano si sarebbe optato per il provvedimento di rimozione dal ministero per via di una testimonianza ritenuta credibile. Versione che sembrerebbe essere confermata dalle stesse parole del cardinale:"La mia tristezza è divenuta profonda – ha evidenziato il porporato americano nel comunicato citato - quando sono stato informato che le accuse erano state ritenute credibili e motivate. In obbedienza - ha aggiunto - accetto la decisione della Santa Sede, a non esercitare più alcun ministero pubblico". McCarrick ha comunque evidenziato di credere nella sua innocenza e di non avere alcun ricordo di quanto contestatogli.

Commenti

venco

Mer, 20/06/2018 - 21:51

Mamma mia, chissa quanti falsi preti ci sono ancora nella Chiesa.