Abusi sessuali, a giudizio il cardinale George Pell

Dopo 4 settimane di udienze, il cardinale australiano George Pell, prefetto della Segreteria per l'economia in Vaticano in congedo, è stato rinviato a giudizio per abusi sessuali

Dopo 4 settimane di udienze, il cardinale australiano George Pell, prefetto della Segreteria per l'economia in Vaticano in congedo, è stato rinviato a giudizio per abusi sessuali. Il magistrato di Melbourne Belinda Wallington ha stabilito che ci sono prove sufficienti perché il porporato, 76 anni, uno degli uomini più importanti della Curia di Roma, venga processato. Pell, che si è formalmente dichiarato "non colpevole" è accusato di abusi sessuali ai danni di minori avvenuti tra la fine degli anni Settanta e Ottanta a Ballarat, suo paese di nascita, e tra la fine degli anni Novanta e gli inizi del 2000 nella diocesi di Melbourne, dove era arcivescovo. I dettagli delle diverse accuse non sono noti ma oltre a quelle che lo vedono direttamente coinvolto vi sarebbero episodi di copertura di altri sacerdoti pedofili e perfino uno stupro. Sarà processato per alcuni casi di abuso ma la maggior parte delle accuse, soprattutto quelle più gravi, sono state respinte. Pell è arrivato in tribunale questa mattina verso le 9:30 per la decisione sul rinvio a giudizio scortato dalla polizia ed è andato via dopo il verdetto tra le urla di alcuni manifestanti. Il Papa aveva accettato la sua richiesta di congedo per potersi difendere. Le indagini che hanno portato Pell alla sbarra sono iniziate nel 2012, dopo 10 anni di pressione da parte delle presunte vittime.

"La Santa Sede prende atto della decisione emanata dall'autorità giudiziaria in Australia riguardante sua eminenza il cardinale George Pell. L'anno scorso il Santo Padre gli aveva concesso un periodo di congedo per potersi difendere dalle accuse che gli erano state contestate. Tale disposizione rimane tuttora valida". Lo rende noto il Direttore della sala stampa della Santa Sede, Greg Burke.

Commenti

Trinky

Mar, 01/05/2018 - 11:44

Figurati se franceschiello gli toglierà la porpora cardinalizia........

Ritratto di Memphis35

Memphis35

Mar, 01/05/2018 - 11:47

Porci con la tonaca.

Ritratto di Giano

Giano

Mar, 01/05/2018 - 13:44

Che brave persone questi preti, vescovi, cardinali. Solo che hanno interpretato male il motto di Gesù "Lasciate che i pargoli vengano a me". Infatti amano circondarsi di bambini, coccolarli, tenerseli vicini e stretti e non lesinare le carezze amorevoli. Quanta sensibilità e quanto amore per i bambini. Ma Gesù non intendeva in quel senso. Forse in seminario non glielo hanno spiegato bene. E questi sono i "buoni" seguaci di Gesù, figuriamo i cattivi seguaci del demonio.

Ritratto di jasper

jasper

Mar, 01/05/2018 - 15:00

E questo maialein insegnava assiduamente il Catechismo anche in Inghilterra.

Ernestinho

Mar, 01/05/2018 - 15:17

Che porco!

tRHC

Mar, 01/05/2018 - 15:38

Toh!! Un'altro porporato invischiato nelle schifezze piu' insulse,vediamo gli sviluppi!!!

Ritratto di Arduino2009

Arduino2009

Mar, 01/05/2018 - 16:28

Cosi campa la chiesa. E chi ne ha più c'è ne metta.

Ritratto di malatesta

malatesta

Mar, 01/05/2018 - 16:50

Loro, a differenza di noi comuni mortali, rispondono direttamente a Dio dei propri peccati secondo coscienza...forse per loro l'inferno, ammesso che esista, sara' molto duro.Ma qualche decennio di galera sulla terra non sarebbe male.

pensionato.stufo

Mar, 01/05/2018 - 18:04

Non ci posso credere. Il politicamente corretto ci insegna che gli omosessuali sono bravi, belli e buoni e che hanno sempre ragione. Glurb !!