Pensioni, arriva la quattordicesima: ecco chi ne ha diritto

Arriva la quattordicesima per i pensionati. Con la mensilità di luglio i pensionati ultra 64enni con redditi personali bassi si troveranno una cifra tra i 336 euro e i 504 euro

Arriva la quattordicesima per i pensionati. L'estate prova a rimettere in moto i consumi e così sull'assegno in tanti riceveranno un bonus tenendo conto però del reddito annuale. Con la mensilità di luglio i pensionati ultra 64enni con redditi personali bassi si troveranno una cifra tra i 336 euro e i 504 euro. A comunicarlo è l'Inps con il messaggio 2831/2016 pubblicato ieri. Il bonus sarà riconosciuto in misura piena ai pensionati con almeno 64 anni purchè abbiano un reddito personale inferiore a 9.787 euro, cioè inferiore a 1,5 volte il trattamento minimo inps per l'anno in corso (501,89 €). Mentre spetterà in misura parziale per i titolari di redditi sino a 10.290 euro annui.

Pensioni, le fasce per la quattordicesima

Di fatto le quattordicesime sulle pensioni verranno erogate per fasce in tre scaglioni: 336 euro;420 euro o 504 euro a seconda, rispettivamente, se l'interessato ha versato fino a 15 anni di contributi, fino 25 anni di contributi o più di 25 anni di contribuzione. Inanto l'Inps pensa di cambiare le politiche sulle carriere mobili. Non va bene che i lavoratori che cambiano lavoro, passando per esempio dal pubblico al privato o da un'azienda all'altra, debbano pagare per unificare i contributi pensionistici con hanno maturato con diversi enti o gestioni previdenziali. A dirlo è Tito Boeri, presidente dell' Inps, oggi all'università Bocconi di Milano durante il convegno "Over 65 e tecnologie: razionalità e rete personale determinano gli acquisti". "Oggi - spiega Boeri - il nostro sistema contempla penalizzazioni, perché fa pagare i costi di queste transizioni. Va cambiato, abbiamo bisogno di avere più mobilità dei lavoratori. Mi auguro che nel confronto tra sindacati e Governo si tenga conto anche delle ricongiunzioni onerose".

Commenti

unosolo

Mer, 29/06/2016 - 16:21

governo ladro , la sentenza della Corte Costituzionale mai rispettata e la Corte sminuita del suo ruolo neanche interviene al rispetto , spendiamo miliardi per mantenere la Corte Costituzionale e poi veniamo a sapere che il governo amici può non rispettare la sentenza ? allora aboliamo la Corte se non è all'altezza di far rispettare sentenze che emette.

bimbo

Lun, 18/07/2016 - 15:30

Calcolo o conticino di matematica: Se un lavoratore versa per 35 anni i contributi (pari ad un terzo dello stipendio) va in pensione a 67 anni anni, sapendo che l'eta media di vita è stimata intorno ai 78 anni, quindi godrebbe di soli 11 anni di pensione, e mi domando come fa l'INPS a dire che non ha soldi??