De Magistris marcia contro il governo: "In piazza a Montecitorio"

Il sindaco di Napoli annuncia l'iniziativa per indurre il governo a intervenire subito: " Con la cassa bloccata uccidete i diritti della città ed i diritti dei suoi abitanti. L'ingiustizia non è più tollerabile".

Arriva un maxi pignoramento al Comune di Napoli, da svariati milioni di euro, che sostanzialmente rischia di paralizzare le attività dell'ente e Luigi De Magistris suona la carica contro il governo: “Stufi della melina governativa, i tavoli istituzionali non bastano più. Mercoledì 21 febbraio ci ritroveremo a Montecitorio e Palazzo Chigi per chiedere al governo di intervenire immediatamente”.

Il sindaco di Napoli lancia la nuova mobilitazione dai social network. La condisce di accuse gravissime. E in un lungo post punta il dito: “Da 7 anni governiamo la Città di Napoli senza soldi, sommersi da pesantissimi debiti ereditati, in affanno finanziario ed economico costante. Eppure Napoli - con una potenza vitale - si è riscattata con il suo stupendo capitale umano, con la passione, con i talenti culturali, con le sue infinite bellezze. Siamo primi in Italia per crescita culturale e turistica. Da gennaio, però, abbiamo nuovamente le casse del Comune bloccate per un pignoramento di un debito risalente al 1981 - terremoto Irpinia - e siamo sotto la clava di debiti mostruosi del commissariamento rifiuti dell'epoca berlusconiana-bassoliniana”.

Quindi, rivendica che il Comune di Napoli è vittima di un trattamento iniquo: “Noi abbiamo bonificato il Comune dalle collusioni politica-affari-camorra, ripulito Napoli dai rifiuti, amministrato con correttezza e trasparenza e lo Stato, per tutta risposta, ci mette sotto assedio. Il Governo nei mesi scorsi ha preso impegni politici ed istituzionali per la risoluzione di tali vertenze - non addebitabili al Comune di Napoli - ma i risultati non arrivano. Con la cassa bloccata uccidete i diritti della città ed i diritti dei suoi abitanti. Come possiamo garantire servizi migliori alla nostra città se ci mettete gabbie finanziarie. L'ingiustizia non è più tollerabile. La pazienza non può essere senza limiti”.

Per queste ragioni, Luigi De Magistris decide di scendere in campo e di lanciare la lunga marcia verso Montecitorio: “A questo punto non bastano più i soli tavoli istituzionali. La città si sente offesa. Dopo mesi di lunga melina governativa, noi passiamo al contrattacco. La mattina di mercoledì 21 febbraio ci ritroveremo davanti Montecitorio e Palazzo Chigi per chiedere al Governo di intervenire immediatamente con fatti, come da impegni presi. Sarà l'occasione anche per discutere, in piazza, della questione debito che soffoca diritti, territori, bisogni. Da oggi parte l'organizzazione per un evento pacifico, politico, istituzionale, popolare. Per i diritti e per la giustizia. Napoli resiste, come sempre. Siamo stufi delle chiacchiere da campagna elettorale, rimoduleremo la lotta solo quando otterremo quello di cui abbiamo diritto. Che vergogna consentire il pignoramento della cassa della terza Città d'Italia, della capitale del mezzogiorno, per un debito dello Stato di quasi 40 anni fa. Si tratta di azioni chirurgiche, volete toglierci acqua e viveri, ma non ci avrete mai".

Commenti

VittorioMar

Lun, 12/02/2018 - 12:37

...CI MANCAVA !!...CHE DICE SAVIANO...??

Ritratto di giovinap

giovinap

Lun, 12/02/2018 - 13:05

guardate "trave"che avete nei vostri occhi e non la "pagliuzza degli altri, scommettiamo che al sud il c.d. farà il pieno e al nord segnerà il passo?

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Lun, 12/02/2018 - 17:53

@giovinap - difatti al sud votano tutti lega.

leopard73

Lun, 12/02/2018 - 18:16

QUESTO INCAPACE SI ATTACCA AI VETRI PUR DI RIEMERGERE DALLA FOGNA.

Cheyenne

Lun, 12/02/2018 - 19:03

giggino sparisci inetto e ladro

Ritratto di Elvissso

Elvissso

Mar, 13/02/2018 - 08:04

Giggino ha aperto tanti di quei cantieri che ha paralizzato Napoli.I cantieri stanno fermi ed a Napoli si circola come lumache (ecco lo smog annunciato)adesso non ha soldi e si lamenta.Se non sai amministrare fatti da parte e nu chiagnere.

Ritratto di giovinap

giovinap

Mar, 13/02/2018 - 09:07

leonida55,io sulla lega sono(quasi)sempre neutro,solo per che fa parte della coalizione e berlusconi,purtroppo,non raggruppa i partiti e gli uomini per ideali o programma politico,ma per aritmetica(come fannoanche le sinistre)se la lega non viene votata neanche al nord,per che dovrebbero votare al sud?le persone intelligenti(non come te)sanno che ora nel mirino della lega ci sono gli stranieri(io sono contrario all'invasione dei barbari)ma se con la bacchetta magica si cacciano via gli stranieri dall'italia,la lega opterà per cacciare i meridionali dal nord,poi vorranno cacciare quelli di origini meridionali(e quelli SIETE la maggioranza)e dopo i leghisti si scaglieranno contro le periferie del nord,e dopo si scaglieranno contro i quartieri piccolo borghesi e dopo...