Manovra, deficit giù dal 2020. Addio alla Fornero senza penalizzazioni

Vertice a palazzo Chigi per trovare la quadra sul Def. 7 miliardi per il via a "quota 100". 10 miliardi sul reddito minimo

Un nuovo vertice a palazzo Chigi. Conte, Tria, Di Maio, Salvini, Moavero, Giorgetti, Castelli e Garavaglia intorno ad un tavolo per trovare la quadra sulla manovra. Dopo le critiche di questio giorni e con i segnali (negativi) arrivati dall'Europa e dai mercati, l'esecutivo ha limato il testo della nota di aggiornamento del Def che di fatto è propedeutico alla manovra. Per il 2019 la stima del deficit resta a quota 2,4 per cento. Per il 2020 però la previsione si sposta al 2,1 per cento e per il 2021 va all'1,8 per cento.

Sul fronte delle pensioni c'è una sostanziale novità: la riforma della Fornero partirà da inizio anno e le risorse destinate al nuovo sistema per l'uscita dal lavoro dovrebbero passare da 8 miliardi a 7 miliardi. Confermato il reddito di cittadinanza che di fatto costerà nella manovra ben 10 miliardi. Inoltre verrà destinato un miliardo di euro ai centri per l'impiego. Prevista anche una stretta sulle banche con il taglio delle detrazioni. Altra novità importante è la trasmissione telematica degli scontrini fiscali che punta a recuperare risorse dalla lotta all'evasione. In una conferenza stampa che si è tenuta subito dopo il vertice, Conte ha illustrato i punti del Def e le previsioni sul deficit: "I numeri del rapporto debito/Pil saranno più virtuosi: adesso è al 130,9 ma scenderemo sotto il 130% nel 2019 fino al 126,5% nel 2021". E sulle stime per il taglio del debito è intervenuto anche il ministro del Tesoro, Giovanni Tria: "Avevamo detto che avremmo ridotto il rapporto debito Pil. Per quanto riguarda il debito scenderemo di oltre 4 punti percentuali, negli ultimi 3 anni è stata di 0,6%". E ancora: "Avevamo promesso di aumentare il tasso di crescita perché volevamo eliminare il gap di crescita con l’Ue. Arriveremo a dimezzare il gap con l’Ue nel primo anno".


Salvini: "Manovra coraggiosa"

Sul via libera al Def da parte del governo è arrivato anche il commento del minsitro degli Interni, Matteo Salvini: "Ci i tengo a sottolinearne tre degli impegni presi con gli italiani e che saranno in questa manovra: il superamento della legge Fornero, che vedrà la possibilità, non l’obbligo, di andare in pensione con alcuni anni di anticipo rispetto alla vigliacca riforma Fornero, senza alcuna penalizzazione". E ancora: "Il secondo è la flat tax, un’aliquota fiscale fissa al 15% per le partite Iva - aggiunge - e per quel che concerne il mio ministero, un piano di assunzioni straordinario di donne e uomini per garantire più sicurezza nelle strade del nostro Paese". Per il segretario leghista "sono 3 aspetti che ci tenevo a sottolineare delle misure che sono in questa bella e coraggiosa manovra".

"Via prima senza penalizzazioni"

Il minitro degli Interni ha poi esplicitato le modalità con cui il nuovo sistema previdenziale va a sostituire la Fornero. Nelle scorse settimane si era parlato di un'uscita anticipata ma con penalizzazioni sull'assegno. Salvini ha voluto chiarire questo punto: "Tra gli impegni presi che cominciamo a mettere in pratica c’è il superamento della legge Fornero che vedrà la possibilità, e non l’obbligo, di andare in pensione con qualche anno di anticipo già dall’anno prossimo, senza alcun tipo di penalizzazione". Di fatto dunque la quota 100 non dovrebbe portare a tagli sul rateo della pensione. Adesso la manovra dovrà passare sotto la lente di Bruxelles e dei mercati. Un altro banco di prova che attende il governo.

Di Maio: "Ecco le quattro misure finanziate"

In conferenza stampa presente anche il ministro del Lavoro, Luigi Di Maio. Il capo politico del Movimento Cinque Stelle ha rivendicato le misure entrare nel Def: "Pensione di cittadinanza, reddito di cittadinanza, centri per l’impiego e fondo truffati per le banche: sono le quattro misure che verranno finanziate nel 2019, 2020 e 2021. Abbassiamo gli obiettivi di deficit, senza penalizzare le misure fondamentali di una legge di bilancio che per la prima volta ripaga il popolo italiano di tante ruberie e tanti sprechi". E ancora: "Le misure volute dal governo 'giallo verde' sono "il cuore di una legge di bilancio che, invece di far pagare i cittadini, ripaga i cittadini delle ruberie e degli sprechi del passato".

Di Maio, poi, aggiunge su Facebook: "Abbiamo definitivamente inviato il Def alle Camere e a Bruxelles". In questa "manovra del popolo", aggiunge, "ci siete tutti voi. Abbiamo mantenuto le promesse: in questa manovra ci sarà il reddito di cittadinanza, ci sarà la pensione di cittadinanza, ci saranno i rimborsi ai truffati delle banche che non abbiamo mai dimenticato, ci sarà un abbassamento delle tasse sull'Ires per tutte le imprese che assumono e per tutte le aziende che fanno investimenti".

Commenti

Happy1937

Mer, 03/10/2018 - 19:28

Cosi`nel 2020 se questi ignoranti fannulloni non si levano dai piedi saremo ben oltre la Grecia.

Ritratto di mortimermouse

mortimermouse

Mer, 03/10/2018 - 19:34

le intenzioni possono essere buone, ma quando si fanno cose con il M5S allora non sono buone, ma sono masochistiche! e di brutto!

leitz

Mer, 03/10/2018 - 19:49

Verrà ristabilita la rivalutazione delle pensioni?

Ritratto di niki 75

niki 75

Mer, 03/10/2018 - 19:57

Solo gli ARGUTI burocrati di Bruxelles potranno crederci; io proprio no. Classica PROMESSA DEL MARINAIO.

Ritratto di riflessiva

riflessiva

Mer, 03/10/2018 - 20:16

Ma chi è quell'allocco che crede ancora in voi buffoni. Non si scherza come irresponsabili allo sbaraglio, con i conti dell'Italia. Avete già cambiato tutti i numeri in meno di una settimana. Intanto a parte oggi le borse affondano e lo spread sale. Avete già bruciato più di 25 miliardi in 5 giorni. Praticamente il costo della vostro manovra. Prima ve ne rendete conto e ve ne andate è meglio per gli italiani e per l'Italia. Altro che manovra del popolo. Manovra contro i cittadini italiani. Poi dite che dimezzerete il gap con l'Europa. Confindustria prevede per i l2019 una misera crescita dello 0,9% Irresponsabili a casa

_rob

Mer, 03/10/2018 - 20:25

Praticamente resta tutto invariato per la mancetta a sfaticati, falsi invalidi e gente che ha passato una vita a giocare a carte nei bar e che ora prende la stessa pensione di un artigiano che ha lavorato e pagato tasse per una vita. Ciò che è stato tolto lo hanno tolto a chi lavora. Salvini mi hai deluso, non ti avevo votato per approvare le idee folli e inique dei grillini.

Uncompromising

Mer, 03/10/2018 - 20:41

Dopo le legnate sui denti da parte dei mercati, una limatina qua e una là sulle (nota bene) previsioni di deficit e via, si può cantare vittoria come prima, più di prima. Dicesi: lavorare "un tant al tocc".

opuslupus

Mer, 03/10/2018 - 20:46

Provate a spiegare perché per le pensioni d’oro avete proposto una legge che taglia in percentuale per ogni anno di uscita prima di avere raggiunto l’età per la pensione di vecchiaia, e invece con la eliminazione della Fornero nessuna penalità ? Salvini secondo me lei sa della scarsa sobrietà di junker perché probabilmente e suo compagno, pardon camerata, di bevute. Se esiste un minimo di cervello nella corte costituzionale , avete zero possibilità che questa roba passi.

greg

Mer, 03/10/2018 - 21:02

Che libro dei sogni!! Tipico di uno sfaticato come di Maio e dei suoi elettori sfaticati del meridione. Vorrei tanto capire cosa passa per la testa di Salvini

_rob

Mer, 03/10/2018 - 21:10

Salvini hai deluso.

Ritratto di Mauro Garlaschelli

Mauro Garlaschelli

Mer, 03/10/2018 - 21:13

...poi mi dicono che sono volgare...ma tu... luca romano...mi ci porti... ma come... questi Miracolosi del Governo gialloverde si riuniscono la centesima volta per far si che la patetica mozzarella nn gli rompa il cxxxo... e tu dici che la manovra deve ripassare sotto la lente di bruxelles... fai una cosa... la lente... mettitela vicino al buco del cxxo... come ci hanno guardato per selezionarci prima del corso Allievi Ufficiali dell Es... così vedono che fro... venduto sei... nn hai capito che questi nn gliene frega un cxxxo di merdeuropa... che nel 2020 ci sarà ancora un 2,4 e nel 2121 siamo...finalmente...fuori da euromerda...e con Savona Presidente della Repubblica Italiana...

kobler

Mer, 03/10/2018 - 21:34

Hanno preso un impegno ma voi sicuramente, massa critica, non fate altro che buttare benzina sul fuoco anziché acqua. Vi rode perché intendono mettere a posto l'Italia secondo Costituzione e non secondop mafie varie? Allora siete utenti mafiosi e non si scappa!!! Aspettavate quel Partito Delinquente a mettere a posto? Ah ah ah

Ritratto di riflessiva

riflessiva

Mer, 03/10/2018 - 21:57

aspetto il mio commento. Basta essere censurata. Non sono il vostro zimbello. Ne ho piene le ovaie di questo vostro trattamento infame

DemetraAtenaAngerona

Mer, 03/10/2018 - 22:10

Dunque se ho capito bene, per il 2019 grazie al 2,4 il M5* avrà 10mld per il RdC e la Lega 7mld per la Quota 100...evviva, andremo in pensione prima e non dovremo preoccuparci se perderemo il lavoro...ma è vero almeno per il 2019? Nel 2020 con il 2,1 e nel 2021 con 1,8 ci saranno meno MLD. Ma vediamo se realizzabile il RDC per il 2019, dunque 10mld diviso 6,5milioni di pretendenti direi di NO, possibile invece per 1milione circa...e per Quota 100? QUANTO COSTA – Consentire l’accesso alla pensione con la quota 100 potrebbe costare nel 2019 11,5 miliardi per arrivare a quasi 15 a regime, il terzo anno dall’avvio della normativa. Il calcolo arriva da Stefano Patriarca, a lungo consulente di Palazzo Chigi per la previdenza e ora responsabile della società di consulenza Tabula….dunque sembra di NO!

ToniDaRoma

Mer, 03/10/2018 - 22:13

Il taglio alle detrazioni fiscali per spese mediche e mutui equivale ad un'aumento delle tasse, quando la Lega diceva di volerle diminuire. Salvini hai perso il mio voto (e spero non solo il mio) e mi toccherà allora votare PD (!!!!) che avrebbe fatto meno danni dei giallo-verdi.

DemetraAtenaAngerona

Mer, 03/10/2018 - 22:16

Dunque se ho capito bene, per il 2019 grazie al 2,4 il M5* avrà 10mld per il RdC e la Lega 7mld per la Quota 100...evviva, andremo in pensione prima e non dovremo preoccuparci se perderemo il lavoro...ma è vero almeno per il 2019? Nel 2020 con il 2,1 e nel 2021 con 1,8 ci saranno meno MLD. Ma vediamo se realizzabile il RDC per il 2019, dunque 10mld diviso 6,5milioni di pretendenti direi di NO, possibile invece per 1milione circa...e per Quota 100? QUANTO COSTA – Consentire l’accesso alla pensione con la quota 100 potrebbe costare nel 2019 11,5 miliardi per arrivare a quasi 15 a regime, il terzo anno dall’avvio della normativa. Il calcolo arriva da Stefano Patriarca, a lungo consulente di Palazzo Chigi per la previdenza e ora responsabile della società di consulenza Tabula….dunque sembra di NO!**

Ritratto di LongJohn

LongJohn

Mer, 03/10/2018 - 23:18

Che bella foto..... questi prima dicono una cosa, poi tornano indietro e poi smentisco. Armata Brancaleone. Ma quello che mi fa ridere di più é Toninelli ahahah

Ritratto di wilegio

wilegio

Mer, 03/10/2018 - 23:26

_rob Mi corre l'obbligo di ricordarle che Salvini, col suo 17%, sta governando insieme a un partito che ha oltre il 32% dei consensi. Finora Salvini e la Lega hanno fatto anche troppo! Questa bandierina proprio non potevano toglierla ai grillini. Porti pazienza e vedrà che, prima o poi, Salvini riesce a risolvere anche questo rebus, ma, per il momento, non ci sono alternative.

Popi46

Gio, 04/10/2018 - 06:14

E ci saranno i “pagherò” che fin dagli anni ‘70 hanno fatto costantemente lievitare il debito pubblico. Davvero un cambiamento spettacolare.

Happy1937

Gio, 04/10/2018 - 06:32

Foto di una quaterna che portera’ l’Italia alla definitiva rovina. L’unica cosa apprezzabile e’ la politica di Salvini sulla migrazione, peraltro sempre annacquata dai 5Stelle. Se Salvini continuera’ a stare in questa compagnia di debosciati si logorera’ rapidamente. Non sembra avere imparato niente dai fallimenti di Fini, Casini , Alfano e compagnia di traditori.

moichiodi

Gio, 04/10/2018 - 06:41

Altra importante novità è la trasmissione telematica degli scontrini fiscali. Bugiardo giornale! La trasmissione già avviene per alcuni esercenti. È una legge ai tempi di renzi che va a regime!