SuperMario è il solo leader rimasto all'Europa

Ma per i tedeschi è una sciagura: "Gioca coi soldi dei nostri risparmiatori"

Quelli che non lo amano lo vedono così, il sigaro che sa di losco, con la punta che arde e brucia una banconota da cento euro. È la copertina del supplemento settimanale di Handesblatt, il quotidiano economico e finanziario della Germania che conta, quella dei consigli di amministrazione, delle grandi imprese, delle banche, preoccupata per l'export e sempre pronta a sputare contro gli straccioni dell'Europa terrona. Il titolo è: gioco pericoloso con i soldi dei risparmiatori tedeschi.

La faccia che accende il sigaro è quella di Mario Draghi, l'italiano dell'Eurotower, il capo scomodo della Bce. Eppure proprio questa copertina è il segno di quanto pesa il governatore. Draghi non è più solo un tecnico, ma è l'unico vero leader politico sul palcoscenico europeo. Il 2016 certifica che la Ue non è in grado di risolvere i problemi dell'Europa. Questo perché è un organismo burocratico e praticamente non politico, sopravvive sulle questioni ordinarie ma davanti a vere crisi va in tilt. Non ha una strategia comune sulla crisi economica. Non sa come affrontare le paure del terrorismo islamico. Si è rincantucciata alzando muri di fronte alle migrazioni, ricostruendo vecchie e pesanti frontiere. Non si riconosce neppure più come Europa, visto che alla fine ogni singolo Paese pensa a proteggersi le spalle e, con un certo cinismo, non esita a affogare gli altri. Il risultato è che vince il più forte, come nella foresta.

E il più forte è la Germania.La scelta di Draghi di usare il super bazooka della politica monetaria rappresenta però una discontinuità rispetto a questo scenario. È prima di tutto una scelta coraggiosa, non scontata, con anche una certa dose di rischio. Draghi sfida la Germania, pone un limite, segna un limite al potere del re della foresta. Lo fa in nome dell'Europa, ma con il salto imprevedibile dell'outsider. Ma soprattutto apre con i fatti una nuova stagione di filosofia economica. È finito il tempo del rigore e della paura. La crisi si supera con il rilancio degli investimenti e con tasse umane, con un capitalismo libero dalle obesità degli Stati spreconi. Sul secondo e terzo aspetto Draghi non ha il potere di fare nulla, ma sul primo sì. L'unico strumento che la Bce può usare è la leva monetaria. E il governatore lo ha usato per lanciare un segnale politico e culturale. Gli interessi, i timori e quel sottofondo di etica protestante che la Germania vuole imporre agli altri sta asfissiando il continente. Questo non significa sprecare risorse e aprire di nuovo i rubinetti dei conti pubblici.

Non significa sprecare i soldi dei contribuenti tedeschi, ma permettere a chi ha voglia di impresa di trovare risorse per scommettere sulle proprie idee e sul proprio lavoro. Tutto questo con la speranza che le banche torninoa prestare i soldi agli imprenditori invece di scommettere sulla cattiva finanza. Il rischio c'è, e su questo i tedeschi hanno ragione. Ma non si può neppure continuare a vivere nell'illusione che gli unici europei buoni e onesti sono quelli che vivono al di là del Reno.La mossa di draghi è anche un risposta politica alla soluzione poco democratica e liberale indicata da Berlino: un super ministro dell'economia europeo pronto a commissariare i governi nazionali. E' l'anti Draghi.

Commenti

goliotok

Sab, 12/03/2016 - 08:54

Ultimo leader dell'Europa? Macioce, ma lei è sicuro di essere sobrio? Non vede che Draghi, ormai, è una salma che cammina? Che questa eurozona è a un passo - finalmente - dal suo dissolvimento? Nonostante le miliardate mensili di euro date alle banche per continuare a tappare buchi e fare finanza speculativa - briciole, invece, per l'economia reale che così non potrà mai decollare - e tassi sotto zero, consacrando una stagnazione-depressione mai vista dagli trenta del secolo scorso? Leader, Draghi? Ma non scherziamo, è solo un burattino nelle mani dei grandi poteri finanziari, il Vero Potere. Il suo destino è segnato e presto lo faranno fuori, sarà il capro espiatorio di questo totale fallimento anche se lautamente pagato.

Ritratto di do-ut-des

do-ut-des

Sab, 12/03/2016 - 08:58

come possono dire che il mercato è fermo, che la gente non spende! Ma con tutti gli incentivi e le famiglie che corrono per accappararsi questi incentivi sostituendo o migliorando la casa, compreso le auto, come fanno dire che la gente non investe? Forse perchè per molti il gioco non vale la candela, meglio un buono sconto subito ed un pagamento in nero, che una spesa raddoppiata e con un ritorno in dieci anni della metà.

giovanni951

Sab, 12/03/2016 - 09:01

in effetti, tutti gli altri, sono solo dei piccoli miserabili neurocrati. E vigliacchi.

beale

Sab, 12/03/2016 - 09:47

non starei a formulare il panegirico di Draghi, caro Macioce, addirittura definendolo "il solo leader rimasto in Europa.Di leader non ha alcun chè, è un mix di tecnocrazia e burocrazia dosate nel laboratorio goldman sachs. non so cosa egli vedesse, ai tempi del governatorato in banca d'italia, nella virata in senso europeo. di tutta l'economia e sovranità italiane. sta facendo in grande (come numeri) ciò che si faceva in italia ai tempi della liretta - stampare denaro - e si stava bene. il fatto che si chiami Draghi ed abbia la cittadinanza italiana non mi inorgoglisce. se tutto sta andando a rotoli, è anche colpa sua. solo la viltà degli italiani, atavismi sudditi, consente a queste persone di continuare ad esercitare il potere nonostante gli innumerevoli errori commessi (vds Napolitano)in oltre 70 anni di vita politica.

Carlo_Rovelli

Sab, 12/03/2016 - 11:24

Draghi sta ora facendo solo un ulteriore favore alle banche, che potranno gestire i nostri emolumenti e risparmi a loro favore facendoci pagare carissime spese di gestione a fronte di zero interessi.

zingozongo

Sab, 12/03/2016 - 12:25

Grande Draghi !uno dei pochi italiani che ci fa ben figurare nel mondo, se poi riesce pure a far arrabbiare i crucchi e la merkelona..ahah tanto meglio vai superdrago

Caravaggio73

Sab, 12/03/2016 - 12:30

Comodo essere leader quando non sei nemmeno votato e non devi rendere conto al popolo.

Ernestinho

Sab, 12/03/2016 - 13:02

Non capirò mai la cosiddetta "economia". In parole povere i cittadini italiani, non le banche, diventeranno più poveri. Ad investire o a depositare i risparmi, con tutti i rischi che comporta, ci si perde. Non parliamo poi dell'acquisto di immobili, si viene considerati "ricchi" da spremere! Ed intanto i prezzi dei beni e servizi aumentano, le tasse invece ... pure. Gli stipendi e le pensioni restrano ... al palo! E noi dovremmo essere pure felici! Boh!

raffa910

Sab, 12/03/2016 - 13:12

Che orrore: Draghi leader politico !!!! E' il cameriere della finanza anglo-americana, ha tradito e rovinato l'Italia. Altro che SuperMario, SuperVERME !!