"Frogmore Cottage è l'ennesima sfrenatezza reale"

I cittadini inglesi hanno appena appreso di aver finanziato gran parte della ristrutturazione dell'immobile, una notizia che non li ha resi molto felici. Dai media sono partite delle critiche molto dure

Ristrutturare casa porta spesso via tempo e denaro, specie se l’immobile in questione è Frogmore Cottage, la residenza che la regina Elisabetta ha donato a Harry e Meghan. Oggi finalmente un report ufficiale ha svelato la cifra necessaria per i lavori: 2,4 milioni di sterline, pari a circa 2,7 milioni di euro, molti dei quali versati dai contribuenti.

Ebbene sì, perché nel Regno Unito esiste un fondo, il Sovereign Grant, con cui la Royal family paga tutte le spese reali, compresa la ristrutturazione degli immobili di proprietà. Esattamente un anno fa, fu annunciato un aumento pari a 1,24 pound per cittadino: ora è facile capirne il perché.

Frogmore Cottage è diventata una residenza unica, ottenuta dall’unione di cinque appartamenti. Ora è composta da una cucina e da bagni di lusso e da ampie camere da letto. È stato necessario rifare tutto il tetto e la pavimentazione, l’impianto elettrico, gas e idraulico, più gli infissi.

Il grosso dei lavori è durato circa sei mesi ed è stato concluso prima della nascita di Archie: mancano giusto delle piccole migliorie e poi Frogmore Cottage sarà pronta per accogliere i suoi nuovi padroni di casa.

La proprietà non era stata oggetto di lavori per alcuni anni ed era stata già destinata alla ristrutturazione- ha chiarito Michael Stevens, il responsabile dei conti della monarchia-. L'edificio è tornato ad avere una sola residenza e l'infrastruttura obsoleta è stata sostituita per garantirne il futuro a lungo termine della proprietà. Sostanzialmente tutte le rifiniture e gli arredi sono stati pagati dalle Loro altezze reali”.

Quindi, Harry e Meghan hanno finanziato solo i mobili, le porte e le finestre, tutto il resto è un “regalo” del popolo. Un dono fin troppo costoso, di cui i cittadini hanno preso solo ora coscienza. Sui social e sui media si sono scatenate le polemiche.

Sul Daily Mail, Richard Kay ha duramente criticato questa scelta, definendola l’ennesima “sfrenatezza reale”. Di fatto, pagare la ristrutturazione di Frogmore Cottage fa parte dei doveri del popolo nei confronti della corona, purché le cifre richieste siano contenute. I 2,4 milioni di sterline, secondo l’opinionista, sarebbero l’esempio lampante che Harry e Meghan non stiano rispettando la loro parte d’accordo, in quanto membri della Royal Family.

Eppure pare che Meghan Markle abbia dovuto “rinunciare” alla sua sala per lo yoga e a un’area della casa riservata alla madre Doria Ragland. Forse pensava che bastasse questo per non far "arrabbiare" gli inglesi.