Eurovision Song Contest: perché l'Italia è di diritto in finale?

I finalisti di diritto dell'Eurovision Song Contest sono definiti da una norma del regolamento: ecco perché l'Italia è sempre in finale e come funziona il tutto

In questo periodo dell'anno è una domanda piuttosto ricorrente: perché l'Italia accede direttamente alla finale dell'Eurovision Song Contest? La ragione va ricercata nel regolamento dell'ESC e in quelle nazioni partecipanti che si chiamano Big Five.

Le Big Five sono infatti Italia, Germania, Regno Unito, Francia e Spagna: si tratta dei cinque Paesi che hanno supportato economicamente l'"Unione europea di radiodiffusione" per prime e che ancora oggi la sostengono. Per un periodo, i Paesi sono stati solo 4, poiché proprio l'Italia si era ritirata dalla competizione - per poi ritornarvi - nel 1997.

Oltre ai Big Five quest'anno accede alla finale dell'Eurovision anche il rappresentante della Svezia, ovvero la nazione organizzatrice. Questi, che per il 2016 è Frans Jeppsson Wall, viene scelto all'interno del Melodifestivalen. Gli altri artisti che vanno direttamente in finale vengono scelti ognuno secondo un regolamento interno ai Big Five: il finalista francese Amir proviene da una selezione interna, mentre quella tedesca Jamie-Lee Kriewitz, i britannici Joe & Jake e la spagnola Barei sono individuati grazie a un vero e proprio contest simile a un talent show.

Il rappresentante italiano è spesso il primo classificato al Festival di Sanremo. Gli Stadio, però, hanno declinato l'invito alla finale per impegni precedentemente assunti e quindi la palla è passata alla seconda classificata, Francesca Michielin.