Il Canada garantirà la sicurezza di Harry e Meghan

A confermarlo sarebbe stato il quotidiano britannico "Evening Standard", secondo il quale sarà la Royal Canadian Mounted Police, le "giubbe rosse", a garantire l’incolumità dei duchi in terrà canadese

Il popolo britannico può tirare un sospiro di sollievo, quello canadese un po’ meno. Mentre lo storico vertice della famiglia reale sembra ormai essere agli sgoccioli, arrivano notizie dal Canada sulla gestione della sicurezza del principe Harry e di sua moglie Meghan Markle. Sembra infatti che sarà la Royal Canadian Mounted Police a garantire l'incolumità della vita dei duchi di Sussex una volta trasferitisi in Nord America.

La notizia arriva dal quotidiano inglese "Evening Standard", che ha spiegato che il Canada avrebbe accettato di garantire la sicurezza di Harry e Meghan e di coprirne interamente i costi. Saranno dunque le mitiche "giubbe rosse" a vigilare sulla sicurezza dei due esponenti della famiglia reale, gli stessi che assicurano protezione al Governatore Generale. Non si tratta di una decisione strana visto che la Royal Canadian Mounted Police è tenuta a garantire la sicurezza ai rappresentanti della Regina Elisabetta II in terra canadese.

La notizia, che inizia a far quadrare la situazione almeno a livello burocratico, farà sicuramente piacere al popolo di sua Maestà che, subito dopo l'annuncio di Harry e Meghan, aveva polemizzato proprio sulle questioni economiche legate all'addio dei due reali. Non saranno invece contenti i canadesi che, in qualità di membri del Commonwealth britannico, si vedranno aumentare le tasse per sostenere la spessa legata alla sicurezza dei duchi di Sussex. Un fatto che non era passato inosservato sin dalle prime indiscrezioni e che i cittadini del Canada avevano duramente criticato nei giorni scorsi.

La notizia arriva proprio mentre c'è grande attesa sull'esito del "vertice di Sandrigham". L'incontro degli esponenti senior della famiglia reale si sarebbe concluso da poco e a breve di dovrebbero conoscere le sorti del futuro di Harry e Meghan. Prima dell'incontro però la regina Elisabetta II avrebbe ricevuto rassicurazioni dal primo ministro canadese Justin Trudeau sull'impegno dello Stato a garantire, a sue spese, la sicurezza del nipote, di sua moglie e del piccolo Archie. In termini economici il Canada si prepara dunque a sborsare una cifra che si aggira intorno alle 600mila sterline l'anno. Una spesa non indifferente che i canadesi criticano visto che, per legge inglese, Harry e la sua famiglia devono essere protetti da Scotland Yard. Solo per il lungo periodo delle vacanze natalizie Harry e Meghan hanno avuto bisogno di dieci agenti che hanno collaborato, però, con la polizia canadese. Appare chiaro che l'onere non potrà essere a carico del Canada sin da subito ma che per un primo momento la polizia canadese dovrà essere affiancata da quella inglese.