Collovati chiarisce: ''Non sono maschilista ma le donne non parlino di tattica''

Avevano suscitato tanto clamore le parole di Fulvio Collovati, che tuttavia non sembra cambiare idea: ''Sono vicino alle donne per tante battaglie importanti ma non parlino di tattica''

Fulvio Collovati e l'universo femminile, l'ex difensore di Milan e Inter è tornato sull'argomento dopo il polverone, scatenato dalle sue dichiarazioni a Quelli che il calcio.

Arriva la rettifica ma solo in parte, Collovati difende le sue idee nonostante le critiche ricevute sul web di sessismo e maschilismo. E raggiunto telefonicamente dal Corriere della Sera ha provato a chiarire il suo punto di vista: ''Non vedo cosa ci sia di male nelle mie parole, non mi pare di aver sminuito nessuno. Ho solo parlato di tattica. Faccio fatica a comprenderla anche io a volte. Non sono affatto maschilista, anzi sono vicino alle donne per tante battaglie importanti''.

Gli stessi concetti insomma che aveva rivolto alla moglie di Fabio Peluso, in collegamento da Empoli: ''Ripeto parlavo di calcio e tattica. Penso ci siano concetti nel calcio difficili da comprendere e ci sono anche uomini che non capiscono nulla di 4-3-3. Mi sembra ci sia una reazione esagerata, si vuole creare un polverone ad arte ma alla fine ho soltanto espresso una mia opinione. Non sono maschilista, proprio no''.

Doveroso riconoscere però qualche eccezione come Carolina Morace, una vita nel calcio prima da calciatrice poi in panchina: ''No lei può perchè comunque ha anche il patentino che io peraltro non ho''. La moglie Caterina invece, per anni conduttrice di trasmissioni sportive sulle tv locali appoggia pienamente le idee del marito: ''E' assolutamente d'accordo con me, lei non si è mai troppo addentrata in certi argomenti''.

Arrivano successivamente le scuse di Collovati attraverso un tweet, non si sa quanto sentite ma di sicuro doverose per chiudere diplomaticamente la vicenda: ''Mi scuso se le frasi pronunciate in chiusura di trasmissione a Quelli che il Calcio pure in un clima goliardico, abbiano urtato la sensibilità delle donne. Me ne dispiaccio ma non era mia intenzione offendere nessuno, chi mi conosce sa quanto io rispetti l'universo femminile''.