Ronaldo fa 100 in Europa, il Real sgambetta in casa il Bayern

Il Bayern si fa male, malissimo da solo. Perde una partita da vincere, sbaglia un rigore, perde anche un uomo per doppio giallo, finisce sotto dopo essere andato in vantaggio sul Real furbissimo, perfido e vincente. Il profumo di finale anticipata non ha tradito, dunque football di lusso, senza isterie, tutta roba buona, rapida, velocissima nelle idee e nell'esecuzione, errori compresi anche un po' di casa nostra o quasi.

Arturo Vidal ha mandato in cielo il Bayern e tutta l'Allianz Arena di Monaco con un gol prepotente, Nicola Rizzoli ha fischiato un rigore inventato dal suo sodale di linea il barlettano Damato Antonio che gli ha suggerito, per interfono, che Carvajal aveva toccato, con il braccio, la conclusione di Ribery. Duplice errore fatale, quello di Damato e, a seguire, quello di Vidal che ha spedito in Germania est, quella che era, la palla del 2 a 0. Lui stesso, il cileno ipertatuato ed ex juventino, aveva sbloccato la partita anticipando, con una feroce frustata di testa, il povero Nacho in evidente ritardo.

Fino al pari, Bayern tosto, nonostante l'assenza di Lewandowski, il solito Robben hooligan della zona destra, tedeschi pratici, finalmente liberi dello stucchevole gioco di Guardiola ma irrobustiti dalle idee spicce di Ancelotti. Real Madrid, che con l'ex Carlito ha vinto la Decima, smarrito e jellato, con la traversa di Benzema, deviazione di Neuer, quando la sfida era ancora ferma sul pari, poi finalmente Ronaldo si è ricordato di se stesso, cancellando l'assenza dal gol che durava dal 12 di marzo, bellissimo il suo destro che ha fatto fessi Neuer e la sua orchestra.

Il pari ha caricato il toro di Madrid, superNeuer ha tolto a Bale il raddoppio, i tedeschi hanno dato l'impressione di essere storditi e l'espulsione di Xavi Martinez ha mandato insieme il progetto e la partita del Bayern che ha cercato il gol della liberazione offrendosi alla corrida spagnola che si è ritrovata di fronte il muro di Monaco, al secolo Neuer Manuel che, dopo mille miracoli, è crollato, facendo l'uovo, Cristiano Ronaldo lo ha punito, centesimo gol di coppa, facendogli passare tra le gambone il gol della vittoria. Al Bernabeu tutto è già scritto. Real in semifinale, secondo usi e costumi. Si gode a Madrid, si rosica a Barcellona. Brutta giornata per frau Merkel e i suoi compatrioti, Borussia Dortmund e Bayern kaput in casa. Almeno nel football, i tedeschi non contano più in Europa.