Valentino Rossi e le modifiche alla pista dopo la morte di Salom: "Sbagliate"

Il pilota pesarese non comprende le modifiche al tracciato della Catalogna dopo la morte di Salom: "Cambiare la curva 9 penalizza me e Lorenzo"

"Non capisco perché abbiano modificato anche la curva 9 dove non è successo niente, chi lo ha fatto forse è perché era meglio così per la sua moto e peggio per le altre, non per una questione di sicurezza". E' la presa di posizione di Valentino Rossi riguardo alla decisione di modificare in due punti i tracciato di Montmelò a seguito della morte del pilota 24enne Luis Salom durante le seconde libere di ieri in Moto2.

"La pista è cambiata tanto ed è una pista dove la nostra moto andava molto bene mentre oggi abbiamo avuto un sacco di problemi -prosegue il pilota Yamaha ai microfoni di Sky Sport-. Siamo molto in difficoltà per la gara soprattutto con la gomma davanti perché quella che fa tutta la gara non riusciamo a metterla in temperatura e cediamo un secondo e mezzo sia io che Lorenzo. Con l'altra gomma riusciamo ad essere un pochino più veloci, non so come faremo per domani".

Rossi e l'incidente di Salom

Il pilota pesarese è poi tornato a parlare dell'incidente in cui ha perso la vita Luis Salom: "Secondo me Salom ha avuto un problema tecnico, non è stata una caduta normale, se succede un problema tecnico ci sono 300 punti dove non ci sono abbastanza spazi di fuga perché sono progettati per una caduta normale". "La curva era comunque un punto abbastanza pericoloso, come era accaduto negli anni scorsi ad Antonelli che però non si è fatto niente ma è arrivato contro le barriere -prosegue il 9 volte iridato ai microfoni di Sky Sport-. Quando succedono queste cose diventa tutto relativo, noi siamo qui a fare la cosa che ci piace di più però tendiamo un po' a dimenticarci quali sono i rischi del mestiere. Conoscevo poco Salom, era un ragazzo molto giovane e molto simpatico, oggi è stata molto difficile".