I carabinieri addestrano la polizia di frontiera
Belbek: milizie filo russe bloccano l'aeroporto militare
Malula, il monastero distrutto
Hamas: "Abbattuto drone". Ma la conferma non c'è
Castiglione: alcuni senatori non seguiranno il Cav
Donetsk, roccaforte filo-russa in Ucraina

7 febbraio, la grande paura

Ieri sono rientrate  a Zintan  le milizie berbere impegnate da 26  giorni in aspri combattimenti con le tribù filo gheddafiane nel sud del paese. Quel ritorno, alla vigilia del fatidico venerdì 7 febbraio è – secondo molti -  assai sospetto. Ora  quelle stesse  colonne di mezzi e   armati possono partire per  Tripoli, raggiungerla in meno di due ore e appoggiare un’eventuale rivolta  contro il governo del premier Alì Zeidan e il Congresso Nazionale. In alternativa potrebbero decidere di contrastare un’eventuale sollevazione guidata dei loro principali nemici ovvero le milizie islamiste legate al partito della Giustizia e della Costruzione. A cura di Gian Micalessin, immagini e montaggio di Antonio Spanò

ilGossip

Annunci