Arrivano gli immigrati, albergatori in rivolta: "Allontanano i turisti"

In Valtellina gli albergatori protestano contro un collega che accetta di ospitare i profughi inviati dalla prefettura: "I turisti andranno altrove per l'estate: già hanno i profughi nelle loro città"

Un albergatore apre le porte ai profughi e su internet scatta immediata la rivolta dei colleghi.

Succede a Bormio, nell'alta Valtellina, dove il prefetto ha recentemente convocato un vertice con i sindaci, le comunità montane e i rappresentanti del mondo del volontariato per gestire l'emergenza immigrazione e il nuovo, massiccio, afflusso di profughi che si prevede per le prossime settimane. I funzionari della prefettura contattano i titolari di strutture alberghiere per raccogliere le disponibilità: arriva un coro di no, rotto solo dal settantenne Carlo Montini, titolare dell'Hotel Stella.

"Da mesi - dichiara l'albergatore al Giorno - non sono in grado di pagare l’affitto. Ora spero di risollevare le mie finanze: turisti non ne arrivano e quando giovedì sono stato contattato, via mail, dalla Prefettura per una mia eventuale disponibilità ho detto sì ai funzionari che mi hanno interpellato."

"La prefettura mi hanno detto che mi verrà corriposta una somma di 35 euro a persona al giorno, a pensione completa, di cui due euro e mezzo devo darli io a ogni ospite tutti i giorni. La Prefettura mi ha fatto sapere che, entro 10 giorni, mi riempiranno l’albergo: sono in grado di ospitare sino a 45 migranti".

Una disponibilità che, però, non è piaciuta agli altri albergatori della zona: "Non è possibile che unalocalità turistica come Bormio sia invasa da immigrati che non faranno altro che allontanare ancora di più i potenziali villeggianti - scrivono i colleghi di Montini su Facebook - Abbiamo imboccato una strada di declino che sembra inarrestabile..."

"Sono d’accordo nell’accoglierli, ma non in un centro storico e commerciale di un paese che vive di turismo - aggiunge sul social il commerciante Marco Majori - Se ami Bormio e il suo futuro fai girare questa mail e uniamoci!". Altri, come il titolare della boutique "Solo Moda", sottolineano il rischio che i nuovi arrivati possano disincentivare il turismo dei mesi estivi: "I vacanzieri già non ne possono più nelle loro città".

Considerazioni economiche che, però, non hanno trovato ascolto presso l'albergo Stella. Dove, comunque, per ora i clienti languono. E di fronte alla promessa di avere l'hotel pieno e 35 euro al giorno garantiti, non hanno saputo resistere.

Commenti

SanSilvioDaArcore

Lun, 20/04/2015 - 15:28

Chi è causa del suo mal...

cameo44

Lun, 20/04/2015 - 15:59

Questo albergatore viole risolvere i suoi problemi finanziari ancora una prova che questi sbarchi per alcuni sono una risorsa altro che ac coglienza è solo interesse come onestamente ha detto l'albergatore mi chiedo come mai abbiamo tante risorse per questi immigrati per garenti re loro un tetto e tre pasti caldi al giorno e non facciamo lo stesso per i proveri di casa nostra? i nostri politici dalla Boldrini al Pre sidente del Consiglio non provano un po di rossore quando vedono i poveri di casa nostra abbandonati a se stessi? sanno essere solidali solo con chi viene da lontano

fedeverità

Lun, 20/04/2015 - 16:18

E cosa vi aspettavi che venissero in vacanza,circondati dagli immigrati??

Blueray

Lun, 20/04/2015 - 16:22

L'albergatore deve essere alla disperazione perché a Bormio non so, ma nel suo albergo non ci andrà proprio più nessuno! Considerato che Bormio lavora estate e inverno con gli sport invernali, questo signore è meglio che cambi mestiere se non riesce a far quadrare i conti!

Ritratto di MARKOSS

MARKOSS

Lun, 20/04/2015 - 16:24

Ma dai i turisti sbavano nel vedere ciabattare nelle nostre strade piazze monumenti folle di cingalesi pakistani marocchini senegalesi nigeriani con un mazzo di calze in mano...

VittorioMar

Lun, 20/04/2015 - 16:43

Si incomincia a notare un sussulto di responsabilità civile e di amor proprio!!!

Ritratto di MARKOSS

MARKOSS

Lun, 20/04/2015 - 17:31

Blueray DAL SUO COMMENTO SI EVINCE IN MODO INEQUIVOCABILE CHE LEI E' UN DIPENDENTE STATALE COMPAGNO 80€....

Ritratto di oldpeterjazz

oldpeterjazz

Lun, 20/04/2015 - 17:34

Questo è niente. Il peggio deve ancora venire.

Ritratto di Alsikar.il.Maledetto

Alsikar.il.Maledetto

Lun, 20/04/2015 - 17:52

Attenzione! Questi albergatori che apparentemente rifiutano i 'crimp' (acronimo che sta per clandestini/rifugiati/immigrati/migranti/profughi), probabilmente lo fanno solo per giocare al rialzo con le richieste di denaro. Il contributo attuale del Ministero dell'Interno per ogni crimp è di 32,5 euro al giorno? Ebbene non vorrei che questo rifiuto nascondesse la pretesa di avere più soldi per accettare i crimp. E temo che il Ministero dell'Interno possa cominciare a farlo per convincere gli albergatori restii di tutta Italia.

Ritratto di DASMODEL

DASMODEL

Lun, 20/04/2015 - 18:07

...siamo costretti "già" a sopportare i clandestini che ciondolano in giro di continuo... chi può godersi una vacanza, li vede come fumo negli occhi, un po' di pace no? @ MARKOSS-16,24- bel commento davvero! Saluti. :-D

Ritratto di do-ut-des

do-ut-des

Ven, 08/05/2015 - 00:22

allora a Jesolo ci sono i vucumprà che ti rompono ogni 5 minuti a Cattolica e Rimini ci sono i vucumprà che ti rompono ogni 3 minuti a Vieste ogni minuto....ma dove cavolo posso stare in spiaggia in santa pace? A volte dovevo stare in acqua tutto il giorno.

eloi

Sab, 19/09/2015 - 18:17

Dice il gestore dell'albergo Stella che non riesce a tirare avanti per mancanza di clientela. Si evice che tale albergo lo è solo di nome. Forse struttura trascurata, servizi scadenti. Queste cose accodono in tutte la parti d'Italia se non sei moderno.