Lancia bimba dal cavalcavia, polemiche sui social: "Perché non soccorrete la 12enne?"

Un uomo ha lanciato la figlia della convivente da un viadotto sulla A14, minacciando di buttarsi se il corpo viene spostato. E sui social è polemica: "Si cede al ricatto"

Ha portato la 12enne figlia della compagna in cima a un viadotto della A14, a circa 40 metri d'altezza. L'ha costretta a scavalcare il parapetto, poi ha lasciato che cadesse nella scarpata, mentre lui restava aggrappato alla rete di protezione. E quando sono arrivati i soccorsi, Fausto Filippone ha minacciato per sei ore di lanciarsi anche lui nel vuoto se i soccorritori avessero provato ad avvicinarsi o - peggio - spostare il corpo della ragazzina.

La trattativa non è andata a buon fine, dal momento che il 49enne si è tolto ugualmente la vita, gettandosi proprio nel momento in cui i soccorritori avevano iniziato a gonfiare il tappeto che poteva salvargli la vita.

Intanto sui social montava la protesta degli utenti, indignati dal fatto che i soccoritori hanno ceduto al "ricatto" dell'uomo e non siano accorsi immediatamente a constatare le condizioni della 12enne: "Non mi do pace. Se c'era anche solo una possibilità su un miliardo che la piccola si salvasse vorrei capire perché non sono intervenuti subito (alle 13.30) i soccorritori. PERCHÉ?!", si chiede un'utente. "Sembrerebbe (ed utilizzo volutamente il condizionale sperando di essere smentito) che la vita di una bambina di 10 anni valga meno di quella di un folle bastardo", scrive un altro.

Sulle condizioni della piccola fin dall'inizio non c'erano molte speranze: a distanza non dava segni di vita e il suo corpo era in una zona di campagna, in un terreno al di sotto del viadotto, accanto ad un pilone. Quando i medici sono riusciti a raggiungerla hanno constatato che è morta sul colpo e non avrebbero potuto fare nulla per lei.

Commenti

manfredog

Dom, 20/05/2018 - 23:36

..dunque: forse i soccorritori avevano paura che, andando a soccorrere la bambina, lui, lanciandosi sotto nel vuoto, dove erano loro, avrebbe potuto cader loro sopra e quindi procurare un danno maggiore; quindi uno dei soccorritori avrebbe dovuto recarsi sopra al viadotto, dove era l'uomo, buttarlo giù di sotto mentre gli altri erano in sicurezza, e poi, sempre gli altri, una volta che l'uomo non poteva più arrecare danno, avrebbero provveduto a soccorrere la bambina. Che ci voleva..!!..povera bimba innocente.. mg.

vigpi

Lun, 21/05/2018 - 10:32

Si può sapere il nome del dirigente che ha ordinato di non accertarsi IMMEDIATAMENTE delle condizioni della bambina?? Non per altro, questo tizio è un eroe e va segnalato a tutta Italia.