Chieti, getta la figlia della convivente dal ponte. Poi si uccide

Non ci sono conferme ufficiali sulle condizioni della bambina. La convivente dell’uomo è morta a causa di traumi riportati nella caduta da un appartamento al quarto piano

Ha lanciato una bimba di 12 anni - figlia della convivente - dal ponte del viadotto dell'autostrada A14 in contrada Vallemerlo a Francavilla al Mare, in provincia di Chieti, poi ha bloccato per sei ore i soccorsi e alla fine si è gettato anche lui, mentre veniva gonfiato il tappeto che poteva salvargli la vita.

È stato un pomeriggio drammatico a Francavilla al Mare dove un uomo ha fatto cadere la ragazzina, Ludovica, da un cavalcavia. I due sono stati visti scavalcare il parapetto intorno alle 13,30 di oggi. Poco dopo la 12enne è scivolata o è stata lanciata da un'altezza di circa 40 metri mentre l'uomo - il 49enne Fausto Filippone - è rimasto aggrappato alla rete di protezione per oltre sei ore. A nulla è servito l'arrivo di un mediatore che dall’autostrada chiusa al transito ha cercato di convincerlo a scendere. L'uomo abitava a Chieti Scalo ed era un dirigente della Brioni. Per tutta la giornata ha urlato "Scusa per quello che ho fatto".

"La bimba non si muove"

Per ore i soccorritori hanno cercato di raggiungere il corpo della ragazzina, che fin dall'inizio sembrava non muoversi, ma Filippone gridava di non avvicinarsi e minacciava di buttarsi giù. Sul posto oltre a carabinieri, 118 e vigili del fuoco, anche il negoziatore e la famiglia dell'uomo. Ma alla fine non c'è stato nulla da fare: lui si è gettato e i medici legali non hanno che potuto constatare che la bimba era morta sul colpo.

Morta la compagna, caduta dal balcone

Secondo quanto riporta il quotidiano Il Centro, la convivente dell'uomo, madre della bambina, è stata ricoverata in gravi condizioni questa mattina all'ospedale di Chieti. La donna sarebbe morta qualche ora dopo il ricovero a causa dei traumi violenti riportati in una caduta dal quarto piano dell'abitazione. Non è chiaro se si tratti di un incidente o di un tentativo di suicidio, ma gli inquirenti ora mettono in relazione i fatti. Era stato proprio Filippone a lasciare la donna, la 52enne Marina Angrilli, al pronto soccorso. Poi era andato immediatamente via lasciando false generalità.

Commenti
Ritratto di mbferno

mbferno

Dom, 20/05/2018 - 16:42

Io spero si salvi ma,onestamente, la bimba dopo un volo di 40 metri......

fifaus

Dom, 20/05/2018 - 17:50

Se davvero ha buttato la ragazzina, non vedo perché tanti scrupoli nel non intervenire...

Ritratto di Dario Maggiulli

Dario Maggiulli

Dom, 20/05/2018 - 17:58

Se le cause sono da addebitare ad una separazione non voluta dal padre, con assegnazione della figlia alla madre, io chiamo in causa il legislatore che permette questa mostruosità. Ogni donna è liberissima di abbandonare il tetto coniugale, lasciando obbligatoriamente la prole al capo famiglia. E non vi saranno tragedie di sorta. - 17,58 - 20.5.2018

Ritratto di roberto_g

roberto_g

Dom, 20/05/2018 - 18:08

Dott. Basaglia, spero che non riposi in pace... non te lo meriti.

Fransino

Dom, 20/05/2018 - 18:12

Che lui si suicida ma almeno soccorrete la bambina. La causa di tutto questo? Problemi familiari a causa di non trovare lavoro? Il solito governo che pensa solo a se stesso. Complimenti, un bel paese...Se andate avanti così non dovete pagare più la pensione a nessuno e potete mettere tutto nelle vostre tasche

Ritratto di Nitrogeno

Nitrogeno

Dom, 20/05/2018 - 18:22

Prima butta la figlia a sfracellarsi poi.. "minaccia.."!? Ommemmrda!

steacanessa

Dom, 20/05/2018 - 18:24

Uno così, che non vuole sia soccorsa la figlia, va incoraggiato a buttarsi.

Ritratto di bonoitalianoma

bonoitalianoma

Dom, 20/05/2018 - 18:25

Più che saltare dalla finestra o buttarsi da un ponte l'andazzo generale indica una situazione comune: molti sono fuori di balcone ... vallo a dire ai nostri referenti della res pubblica.

mariod6

Dom, 20/05/2018 - 18:27

Vadano a vedere in che condizioni è la bambina, se lui si butta peggio per lui. Dopo quello che ha fatto cosa aspettano a verificare se si può salvare la figlia ??

Ritratto di Giano

Giano

Dom, 20/05/2018 - 18:47

Il dramma e la tragedia. il dramma è che il mondo sta impazzendo. La tragedia è che non se ne rende conto.

compitese

Dom, 20/05/2018 - 18:50

Minaccia di buttarsi se spostano la bimba? Ma che si butti pure! Che problema è? Ma chi prende decisioni così idiote? Questore, giudice, ufficiali di polizia? Ma dove siamo?

Martinico

Dom, 20/05/2018 - 19:04

Famiglie completamente abbandonate e allo sbando. Stato assente.

polonio210

Dom, 20/05/2018 - 19:09

Perciò non si soccorre la bambina perché questo mentecatto minaccia di buttarsi dal cavalcavia e suicidarsi?Ma chissenefrega se vuole suicidarsi lo faccia,ma l'imperativo è cercare di salvare la bambina o,quanto meno,verificare se sia ancora viva o deceduta.

aldoroma

Dom, 20/05/2018 - 19:17

buttatelo giù............come ha fatto lui con la figlia.

Ritratto di bracco

bracco

Dom, 20/05/2018 - 20:15

"La bimba non si muove"....non vedo come possa muoversi dopo un volo di circa 40 metri una bimba di 10 anni. Il criminale, qualsiasi fossero le sue condizioni psicofisiche andava abattuto per cercare di salvare forse quello che si poteva salvare

hectorre

Dom, 20/05/2018 - 20:16

non soccorrevano la bambina perchè minacciava di gettarsi?????....volevano salvare un padre che ha ucciso la propria figlia?????....ma in che paese vivo!!!!!!!!!!!!!!

Ritratto di Attila51

Attila51

Dom, 20/05/2018 - 21:06

Per un mostro del genere non bisognava affatto gonfiare il tappeto, lo si doveva buttare giù prima

Ritratto di bonoitalianoma

bonoitalianoma

Dom, 20/05/2018 - 21:15

Per curare dal "tarlo" che affligge l'italica gente ci vuole l'intervento taumaturgico di uno sciamano ... non c'è alcun problema per procurarcelo ce ne propinano ogni giorno a centinaia in grazia dei nostri avveduti "membri eletti".

Luigi Fassone

Dom, 20/05/2018 - 21:36

Ma una bella rete enorme,stesa sotto l'area del probabile tonfo dei due, NO ?

adal46

Dom, 20/05/2018 - 22:38

Doppio Omicidio, suicidio....

vigpi

Lun, 21/05/2018 - 10:24

Che sciocchezze che scrivete. Non si soccorre la bimba perchè l'assassino minaccia di buttarsi?? Ma quale diregente di polizia farebbe una sciocchezza del genere??? Pensa se dall'autopsia si scopre che la bimba è morta dopo ore? Che si fa?? si butta giù anche il dirigente???

Ritratto di elkid

elkid

Lun, 21/05/2018 - 11:10

----non credo che alla base di tutto ci fossero problemi economici ---visto che lui era un manager di una azienda di abbigliamento--e lei insegnante--credo invece che i problemi fossero di coppia--come spesso ripeto--tra il serio ed il faceto---in italy c'è una drammatica carenza di maschi alfa---i pseudo maschi non sono uomini che affrontano i problemi come uomini --ma somigliano terribilmente sempre più a gasteropodi--esseri senza spina dorsale--che quando sono in crisi o vengono mollati dalla tipa --non sono più capaci di elaborare il lutto della fine di un rapporto e non sono più in grado di ricominciare daccapo(al contrario delle donne che sono decisamente più forti in questo)--e quindi prendono queste decisioni alla sansone --mi ammazzo ma non prima di aver sterminato la famiglia---italioti vigliacchi--

Ritratto di Dario Maggiulli

Dario Maggiulli

Lun, 21/05/2018 - 11:42

elkid, sei troppo superficiale nella lettura del 'fenomeno'. Non è la separazione in se che mortifica l'uomo, ma l'assegnazione dei figli alla madre, oltre al mantenimento. Moglie intollerante a quel tetto coniugale. Moglie, corrotta mentalmente 'in corso d'opera'. L'Uomo è una monade razionale che contempla il proprio progetto esistenziale vincolato al nucleo costituito. La donna è quanto di più irrazionale macchina antropica naturale ed artificiale possa concepire. --Non vorrei essere uomo per dover avere a che fare con le donne-- E' la risposta data da una famosa attrice canadese quarant'anni fa alla sua intervistatrice su cosa pensasse delle donne. Assumiamola come verbo assoluto. Le donne possono liberamente abbandonare il proprio uomo, ma devono lasciare a questi i figli. Nessuna tragedia seguirà. -11,42 - 21.5.2018

kingdavid

Lun, 21/05/2018 - 12:23

Prima volta e suppongo unica,che mi trovo d'accordo con elkid

Ritratto di elkid

elkid

Lun, 21/05/2018 - 13:11

-Dario Maggiulli- non sono certo io a contraddirti ma la cronaca nera quotidiana che si legge sui giornali-donne minacciate-molestate e stalkizzate a gogò da ex fidanzati-donne accecate e sfigurate dall'acido-fidanzamenti andati a male per morbose gelosie di ragazzi insicuri fino al midollo-donne strangolate e bruciate vive-perchè si sono ribellate a tipi maneschi nella vita privata-i figli nulla c'entrano-perchè spesso non ci sono neppure-in ogni caso-nelle separazioni matrimoniali e con figli è sacrosanto che un magistrato affidi un figlio ancora minore alle cure della madre piuttosto che al padre-è una giurisprudenza riconosciuta ovunque qualora la madre non si sia macchiata di indegnità genitoriale-i giudici seguono una logica naturale-ed i padri devono farsene una ragione-in molte parti del mondo i padri ci riescono-in italia no-i maschi italici considerano le donne ed i figli come oggetti da possedere-e non rinunciano a quello che considerano alla stregua di un esproprio

Ritratto di Dario Maggiulli

Dario Maggiulli

Lun, 21/05/2018 - 16:28

elkid, l'elencazione delle mostruosità, abominevoli, praticate contro le donne, ci fanno legittimamente inorridire e, al di là del veemente rimedio punitivo che esse sollecitano, provocano in noi l'esigenza di una lettura più profonda. L'aberrazione nei comportamenti di molti uomini (non provvisti di adeguati freni inibitori) è la spia che ci consente di intravedere una certa terribilità della natura umana che viene a scatenarsi davanti all'intollerabile minaccia all'EQUILIBRIO che deve essere garantito per esistere. L'IRRAZIONALITA' che certe donne esternano, in un modo o nell'altro, è devastante. E forse dovremmo dire che proprio 'gli uomini cattivi', autori dei crimini elencati, sono i recettori più puri, (anche se i più severi ed imperdonabili), della EMPIETA' BIOLOGICA della DONNA. I MAGISTRATI, comunque, dovrebbero saper discernere i ruoli della coppia e le potenzialità distruttive che le loro decisioni sempre causano.SEGUE

Ritratto di Dario Maggiulli

Dario Maggiulli

Lun, 21/05/2018 - 16:29

2° -- La CLEMENZA che viene sempre adottata verso tutte le donne, è la PRIMA ARMA LETALE che si ritorce proprio a LORO danno. Perchè scava in loro un vizio comportamentale giustificativo di ogni loro istanza tout court, a ragione o a torto. Per l'essere umano, IN PRINCIPIO fu la LOGICA, la RAGIONE, senza la quale impossibile procedere oltre. E, rabbrividente è lo scenario dell'insensato liberismo di cui gode oggi la donna. DETTO QUESTO, dovrei aprire un altro capitolo riguardante la DONNA. Che la pone nel Creato quale portatrice di sublimi virtù. Impensabili nell'UOMO. E, forse è proprio in questa (sconcertante fino allo spasmo) aporia, la forza scatenante del demonio.--- 16,29 - 21.5.2018