L'Ong ora precisa: "Niente denuncia all'Italia". Ma la Marina libica: "Solo bugie"

L'Ong Open Arms precisa: "Nessuna denuncia è stata presentata nei confronti del Governo italiano né della sua Guardia Costiera". Ma la Marina libica si infuria: "Dall'Ong solo menzogne"

Il virgoletatto, battuto dalle agenzie di stampa solo ieri, parlava chiaro. E portava la firma di Oscar Camps, fondatore della Ong spagnola Open Arms: "La procura spagnola indaghi sulla guardia costiera libica e italiana".

La nave umanitaria era da poco sbarcata a Maiorca e l'organizzazione, nella conferenza stampa, aveva comunicato l'intenzione di sporgere denuncia alla procura spagnola per quanto successo nel mar Mediterraneo. "Spero che la procura nazionale spagnola faccia indagini per proteggere le vite in mare. Perchè questo è il risultato della politica italiana che chiude i porti e criminalizza le organizzazioni che vanno in mare", diceva Camps. Le sue parole avevano provocato la reazione del Viminale e della Guardia costiera italiana, che in una nota si era tirata fuori dalla vicenda, afferando che le nostre navi militari non erano mai state coinvolte nel soccorso al gommone su cui è stata trovata Josefa e due migranti morti, una donna e un bambino.

Oggi, però, arriva la precisazione della Ong. Che sostiene di non aver denunciato direttamente l'Italia o la sua Guardia costiera. Ma che "in relazione ai fatti avvenuti durante l'intervento di salvataggio compiuto il 17 luglio 2018 il direttore e fondatore di Proactiva Open Arms, Oscar Camps, e molti dei volontari presenti a bordo della Open Arms durante l'ultima missione" hanno firmato una denuncia contro tre soggetti: per primo, il "capitano della motovedetta libica 648 "RAS AL-JADAR" MMSI 642124567, membro della Guardia Costiera libica e il comandante di eventuali altre imbarcazioni libiche intervenute in quelle stesse ore, per omissione di soccorso e per aver causato la morte di due persone"; poi, il "capitano del mercantile "TRIADES", IMO n 9350082, battente bandiera panamense, per omissione di soccorso e omicidio colposo"; infine, "chiunque abbia responsabilita dirette o indirette o sia stato coinvolto a qualunque titolo nell'aver determinato gli esiti di quell'evento drammatico".

Ora, visto che in una nota Open Arms sostiene che saranno "le autorita giudiziarie spagnole a valutare, in base agli elementi da noi forniti, in che modo dare seguito alla denuncia presentata", sembra chiaro che il loro pensiero vada proprio al Belpaese. Vedremo come si muoverà la procura iberica. E comunque la Ong ci ha tenuto a precisare che "visto quanto riportato oggi su diversi organi di stampa, ci preme precisare che nessuna denuncia è stata presentata nei confronti del Governo italiano né della sua Guardia Costiera".

Di certo c'è che le accuse rivolte dalla Ong alla Marina libica hanno fatto infuriare la Guardia costiera di Tripoli. "Le accuse lanciate dalla Ong spagnola Proactive Open Arms contro la guardia costiera libica sono menzogne", scrive su Facebook. "Smentiamo e respingiamo categoricamente le calunnie". Tutto quanto raccontato dalla Ong è "solo una menzogna", ha scritto la Marina, facendo notare che "è illogico che una pattuglia della guardia costiera libica salvi 165 migranti, lasciando andare alla deriva due donne e un bambino". Da qui, la richiesta di una "commissione neutrale per indagare su questo incidente".

Commenti

lawless

Dom, 22/07/2018 - 16:01

questa ong deve essere perseguita penalmente, gettare fango su una nazione non può rimanere impunito come non può passare sotto silenzio chi, politicamente parlando, ha cavalcato una menzogna per screditare l'avversario politico.

Ritratto di onefirsttwo

onefirsttwo

Dom, 22/07/2018 - 16:06

Onefirsttwo dice : Chi vivrà vedrà STOP E' certo che le due donne e il bambino alla deriva non sono colpevoli STOP Ancora di più non sono colpevoli la donna e il bambino che hanno lasciato il pianeta STOP Il piano 48-ore di Onefirsttwo metterebbe fine a questo fenomeno incontrollato e malo-gestito STOP Yeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaahhhhhhhhhhhhhhh .

Ritratto di DARDEGGIO

DARDEGGIO

Dom, 22/07/2018 - 16:10

Queste ONG sono false, ipocrite e cinicamente affaristiche così come lo sono i sinistri di origini comuniste e catto comuniste.

ClaudioB

Dom, 22/07/2018 - 16:19

Questo "signore" farebbe bene a star molto attento e a controllare le sue azioni rischia un effetto boomerang micidiale.

Ritratto di emo

emo

Dom, 22/07/2018 - 16:22

Certo che se anche i pirati negrieri si sentono di poter fare la morale vuol dire che stiamo toccando il fondo. Questi squallidi pagliacci, non clown, non hanno un minimo di dignita' ma solo avidita' La storiella della "naufraga" ritrovata aggrappata ad un relitto in mezzo al mare dopo 48 ore di permanenza in acqua (?) la dice lunga su questa gentaglia, come sanno che e' stata in acqua 48 ore? SONO SEMPLICEMENTE SQUALLIDI del resto basta guardare la faccia perbene di Camps,ma dai!!!!!

Ritratto di DARDEGGIO

DARDEGGIO

Dom, 22/07/2018 - 16:46

Questo nome "Josepha" sa tanto di posticcio (se ne accerti almeno l'identità). Non mi stupirebbe se questi cinici affaristi avessero architettato la messa in scena. Lo stesso campione posto in bella mostra ben faceva alle bisogna. Suppongo che la crudeltà affaristica di questi falsi buonisti ben possa questo ed anche di più!

Albius50

Dom, 22/07/2018 - 16:51

Questa squallida vicenda a mio parere creata ad arte, mi ricordano che + o meno simili organizzazioni le hanno fatte ad arte anche in SIRIA allora contro ASSAD.

Gianni11

Dom, 22/07/2018 - 16:51

Ma guarda un po'! Siccome, grazie alla reporter tedesca sulla motovedetta libica, e' uscita fuori evidenza video contraria alle loro menzogne contro l'Italia, gli scafisti Open Arms "ritirano" la denuncia. Altrimenti avrebbero insistito sapendo benissimo che erano menzogne. Questi criminali vanno perseguiti penalmente e banditi dall'Italia.

Ritratto di scimmietta

scimmietta

Dom, 22/07/2018 - 16:54

La politica italiana non criminalizza nessuno "a prescindere", ognuno è libero di andare a prendere in mare chicchesia come e quando vuole, ma altrettanto nessuno è libero di far sbarcare in Italia chicchesia abbia imbarcato sulle sue navi dove e come cavolo gli pare.

istituto

Dom, 22/07/2018 - 16:58

Prima hanno lanciato la pietra e poi hanno ritirato la mano. Vanno denunciati. Non la devono passare liscia. In caso di entrata in acque italiane della Ong, la nave va sequestrata e loro arrestati. Hanno attuato il detto CALUNNIA, CALUNNIA, QUALCOSA RESTERÀ di un giacobino che la sapeva lunga e che poi è diventato un modus operandi della sinistra internazionale.

Ritratto di aiachiaffa

aiachiaffa

Dom, 22/07/2018 - 17:00

Le ONG parlano a vanvera e operano secondo il detto latino : Cicero pro domo sua !!!

Ritratto di Zagovian

Zagovian

Dom, 22/07/2018 - 17:02

Ora questi(ed altri),è meglio che girino al largo della Libia!!

Ritratto di scimmietta

scimmietta

Dom, 22/07/2018 - 17:02

...hanno investito dei bei soldoni ed ora ne pretendono l'agognato guadadno ... bisogna comprenderli, poveretti, si vedono sfumare il businness.

Ritratto di blackwater

blackwater

Dom, 22/07/2018 - 17:09

già era abbastanza incredibile per chi avesse un minimo di esperienza nella navigazione aerea o marittima pensare che si potesse davvero individuare in mare aperto un “relitto” a pelo d’acqua composto da gomma e legno(ossia materiali non metallici e come tali invisibili a gran parte degli ausili elettronici) e questo alle SETTE del MATTINO...ossia dopo solo un'ora e mezza di luce; dopodichè questo ripensamento ad adire le vie legali mette il FINE ad una triste vicenda che ha puzzato di FAKE fin da subito.NB i morti per annegamento affondano,non rimangono a galla.

Marcolux

Dom, 22/07/2018 - 17:11

Voglio vedere la prossima volta che andate a gironzolare nelle acque libiche per raccattare la vostra merce umana! Vedrete come sono felici di vedervi! Finirete arrestati e con la bagnarola sequestrata. Non vedo l'ora!

sirio50

Dom, 22/07/2018 - 17:13

anno paura che la verita viene fuori sicuro la libia non e litalia attenti non se lo dimentichera non mi meraviglio che mettera la nave L'Ong span in dificolta L'Ong oraspa

VittorioMar

Dom, 22/07/2018 - 17:25

...ora conosciamo una ONG "TAFAZZIANA" e Masochista...Per Niente Credibili ...la loro Umanità si conta nelle tasche....VUOTE !!!

Ritratto di tomari

tomari

Dom, 22/07/2018 - 17:34

Paura eh! Oscar Camps, vatti a nascondere!

Ritratto di falso96

falso96

Dom, 22/07/2018 - 17:47

I due gufi di rete quattro sono accontentati.

Ritratto di Marcello.508

Marcello.508

Dom, 22/07/2018 - 17:57

Secondo me hanno esagerato: questa Ong stia attenta a non entrare in acque territoriali libiche e italiane..

Happy1937

Dom, 22/07/2018 - 18:05

Ritirano la denuncia soltanto per evitare che emerga la spudorata calunnia e doverne pagare le conseguenze.

giosafat

Dom, 22/07/2018 - 18:13

Ci sono tutti i presupposti per mettere definitivamente al bando questa ong, intervenga il governo (Salvini dai un pizzicotto a Conte). Meglio poi che le navi di Open Arms evitino accuratamente di entrare in acque territoriali libiche...

maricap

Dom, 22/07/2018 - 18:22

Appena possibile, la guardia costiera libica intercetti la Open Arms, e se la porti a Tripoli, dove farà sbarcare l'intero equipaggio per procedere all'interrogatorio e al processo.

Pigi

Dom, 22/07/2018 - 18:23

La guardia costiera libica gli sottrae la materia prima per il loro business. Se i clandestini vengono presi dai libici, ritornano in Libia e manca l'ultimo anello della catena degli scafisti, il loro. Queste Ong incaricate di trasportare i clandestini in Europa, vale a dire in Italia, stanno muovendo tutte le pedine per tornare al lavoro.

Ritratto di mrtrevi

mrtrevi

Dom, 22/07/2018 - 18:27

Certo che siete molto umani da queste parti, ve ne rendete almeno conto? un amore smisurato verso il vostro prossimo, che felicità traspare dai vostri commenti, bravi.chapeau

claudioarmc

Dom, 22/07/2018 - 18:36

Scusate ma non esiste il reato di procurato allarme?

Ritratto di elio2

elio2

Dom, 22/07/2018 - 19:01

DARDEGGIO, tutto in questa storia suona falso, d'altronde la maggior parte di quelli che hanno scaricato nei nostri porti, prima che Salvini li bloccasse, non hanno mai avuti i documenti e tutto viene auto certificato.

francoilfranco

Dom, 22/07/2018 - 19:15

Chissa' queste ONG come si mantengono...certo ora che abbiamo tolto loro gli introiti derivati dal business sono in crisi profonda. Se veramente il loro primario scopo e' quello di aiutare gli Africani suggerisco loro di adoperarsi fisicamente a risolvere i loro problemi direttamente a casa loro, tra mille pericoli e disagi, smettendo di fare propaganda.

Ritratto di do-ut-des

do-ut-des

Dom, 22/07/2018 - 19:21

La colpa di questa migrazione è di Davide Rampello che a Striscia la notizia diceva sempre, non venite come turisti ma come ospiti.

Divoll

Dom, 22/07/2018 - 19:44

Mi sa che stavolta la ONG dovra' fare totale marcia indietro o se la vedra' veramente brutta.

elpaso21

Dom, 22/07/2018 - 19:47

Migliaia di morti in mare ma un'intera Commissione per indagare su un singolo episodio. Prodigi del "buonismo".

papik40

Lun, 23/07/2018 - 02:23

Sui social girano delle foto del salvataggio di Josefa ricoverata in ospedale che dopo tante ore passate in mare ad ingoiare acqua salata e benzina non sembra molto deperita e con mani curate con lo smalto. Open Arms fa servizio manicure? Vi e' anche un'altra foto con un "salvato" in piedi senza l'ombra di essere su un barcone in mezzo a diversi "salvati" con i giubbetti di salvataggio. Evviva hanno salvato un novello Gesu'!

parigiro

Lun, 23/07/2018 - 07:13

Queste Ong avrebbero tutto da imparare dai pentiti di mafia sicuramente avrebbero trovato un profugo che avrebbe giurato e spergiurato di aver sentito Salvini dare ordini alla motovedetta libica per par conditio Mi domando se un libico andasse in tribunale e denunciasse Francia UK. USA per aver distrutto il loro paese cosa succederebbe

Ritratto di robocop2000

robocop2000

Lun, 23/07/2018 - 07:43

MAKKE COMMISSIONE. LIBICI LA PROSSIMA VOLTA ARRESTATELI E SBATTETELI IN UN CONFORTEVOLE CARCERE LIBICO !!!

Ritratto di anticalcio

anticalcio

Lun, 23/07/2018 - 08:41

questa retromarcia la dice lunga su quanto e come volevano aver ragione.ridicoli!! non si sono accorti che in italia le cose son o cambiate?? qualcuno mandi un disegnino alle ong e ai vari strada

Ritratto di Azo

Azo

Lun, 23/07/2018 - 08:54

LA LEGGE DEI MARI, OBBLIGA LE IMBARCAZIONI A SOCCORRERE NAUFRAGHI IN ALTO, MARE,"""NON DI AIUTARE MIGRANTI DI DUE CONTINENTI, AD INVADERE L`ITALIA PER POI ESPANDERSI IN EUROPA"""!!! Cominciando dal Pontefice a tutte le cariche governative Europee, che la smettano di rompere le GUALLERE sul caso migranti e se proprio ci tengono tanto, che investino i il loro danaro in Africa e in asia, """MA CHE VADINO PURE LORO IN QUESTI CONTINENTI E FACCINO VALERE I LORO DIRITTI TRA I BEDUINI, QUESTI FALSI SAMARITANI"""!!!

SeverinoCicerchia

Lun, 23/07/2018 - 08:58

l'unica cosa su cui indagare è chi paghi le attività di questi signori. per chiarezza e per avere un quadro completo

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Lun, 23/07/2018 - 09:14

Non hanno il coraggio perchè sanno di avere torto (bugiardi). Giusto che la marina libica li accusi come calunniatori.