L'Italia paga l'Albania ​per dare una casa ai rom

Finanziati 60 appartamenti per la comunità rom di Tirana nel quadro del Programma Italo-Albanese di Conversione del Debito (IADSA)

Quasi mezzo milione di euro. È la cifra investita dall’Italia per costruire casette di un piano a 60 famiglie rom in Albania. Un modo per migliorarne la condizione di vita e - chissà - evitare che i nomadi lascino la penisola balcanica per raggiungere il Belpaese.

La notizia è stata rilanciata dalla nostra Ambasciata a Tirana e da Mariarita Capirci, co-direttrice del Programma Italo-Albanese di Conversione del Debito (IADSA), il piano del governo “volto a sostenere iniziative di sviluppo sociale” nel quadro della cancellazione di parte del credito che l’Italia vanta nei confronti dell’Albania.

L’IADSA nasce nel 2011 e inizia ad operare dall’anno successivo. Formato da un'Unità di supporto tecnico e da un Comitato di gestione (composto dal Ministro delle Finanze albanese e dal nostro Ambasciatore), gestisce i 20 milioni di euro (in cinque anni) che il governo Berlusconi destinò al programma (poi rinnovati nel 2016 per altri 20 milioni). Non si tratta di un finanziamento diretto, ma un debito che l'Albania avrebbe dovuto saldare all'Italia e che è stato convertito per favorire l’economia regionale: Tirana insomma non versa i soldi nelle casse del Belpaese, ma indirizza “risorse equivalenti in valuta locale” in un Fondo di Contropartita (Cpf) e con questi - sotto il controllo dell’IADSA - realizza politiche sociali “concordate tra i governi”.

Nella pratica enti o istituzioni pubbliche albanesi pensano un progetto, lo presentano all’IADSA, chiedono un finanziamento e se vincono un apposito bando ottengono il denaro. L’importante è che le proposte riguardino l’istruzione, la sanità pubblica, l’inclusione sociale e via dicendo. Ad oggi sono stati approvati 57 progetti per un totale di 20,4 milioni di euro. Nel 2013, anno di emissione del primo bando, enti locali e associazioni si sono aggiudicati 4,4 milioni di euro. Una cifra pari a quella spesa l'anno successivo per altre 12 proposte. Con il terzo concorso nel 2015, invece, tra servizi di pronto soccorso in cinque ospedali e promozione al turismo se ne sono andati 2,5 milioni di euro, mentre nel 2016 il bando da 3,9 milioni ha dato vita a 11 iniziative avanzate da altrettanti Comuni. Infine, poco meno di un anno fa, il governo di Roma ha benedetto e foraggiato altri 15 progetti da 4,8 milioni.

Secondo una relazione redatta da Pier Carlo Padoan nel 2017, delle 57 proposte approvate ne sono state portate a termine già 20. Tra queste anche quella ideata dal Comune di Tirana, che è riuscita a farsi co-finanziare con 494.209 euro la costruzione di un centro residenziale per garantire l’inserimento nel contesto urbano della comunità rom di Shkozë. Il titolo dell’iniziativa: “New house - new life”. Una nuova casa per la nuova vita dei nomadi.

Gli appartamenti, tutti da un piano, sono stati consegnati cinque giorni fa alla presenza del Sindaco di Tirana, Erion Veliaj, al Ministro delle Finanze Arben Ahmetaj, al Ministro della Sanità Ogerta Manastirliu e all’ambasciatore italiano Alberto Cutillo. Per ottenere lo stabile le 60 famiglie nomadi (in totale circa 280 persone) hanno dovuto sottoscrivere un impegno a far studiare i figli, ad assicurargli assistenza sanitaria, a registrare i nuovi nati all’anagrafe e a cercare al più presto un posto di lavoro presso gli uffici per l’impiego. Un piano ambizioso. Altro che gli svariati milioni di euro che ogni anno i Comuni nostrani buttano in fatiscenti campi rom con l’unica conseguenza di condannare al degrado le periferie cittadine.

Commenti
Ritratto di LANZI MAURIZIO BENITO

LANZI MAURIZIO ...

Mer, 21/02/2018 - 09:15

i rom sono degli straccioni pieni di milioni di euro, mandarli via è il minimo senza spese da parte dell'Italia.

rebella123

Mer, 21/02/2018 - 09:18

BASTA,BASTA sprecare i nostri soldi.Ci rimane la speranza in Salvini.PRIMA GLI ITALIANI.E fare leggi che se vengono in Italia si rimandino al loro paese o con le buone o meglio con le cattive

Ritratto di do-ut-des

do-ut-des

Mer, 21/02/2018 - 09:37

ma voi ci avete capito come girano i soldi? Io no. Si finanzia l'Albania, essendo in credito l'Italia fa che con quei soldi costruiscano le case popolari, ect ect.... Cioè il mio vicino di casa mi da 10mila euro, ed in vece di restituirli ci costruisco nel mio terreno un baraccotto e poi dico, debito saldato.Boh, non sono laureato per capire.

DRAGONI

Mer, 21/02/2018 - 09:38

NON HO CAPITO !!AL PIU'IL DEBITO POTEVA ESSERE CANCELLATO MA I NOSTRI POLITICI GOVERNANTI CHE FANNO? REGALANO CASETTE ED ALTRO ALL'ALBANIA DEBITRICE DELL'ITALIA. SIAMO ALLA FOLLIA E PERTANTO SI DOVREBBE INDAGARE DA PARTE DELLA MAGISTRATURA ANCHE DI QUELLA DELLA CORTE DEI CONTI!!!

Ritratto di giorgio.peire

giorgio.peire

Mer, 21/02/2018 - 09:59

Ogni giorno una belinata dei nostri stramaledetti governanti

rasna

Mer, 21/02/2018 - 10:06

Il problema non sono gli aiuti che diamo all'Albania. In fondo è vero: piu' ne sistemano là e meno ne vengono qua. Il problema è capire perche noi non si riesca a fare la stessa cosa.......a casa nostra.

Ritratto di do-ut-des

do-ut-des

Mer, 21/02/2018 - 10:59

da noi chiedono ai cittadini di alloggi sfitti se possono concederle ai Comuni per darle in affitto ai diseredati, visto che le associazioni case popolari non hanno soldi. Così dopo i primi canoni dati dal Comune li lasciano in balia di gente che non ha voglia di lavorare e non avrà nemmeno i soldi per continuare a pagare l'affitto. L'associazione che gestisce le case popolari avrebbero dovuto fare un patto, dopo 10 anni dovevano trovarsi altra sistemazione e riconsegnare ad altre persone.Invece vedo che ci sono inquilini che pagano una sciocchezza e fanno una vita agiata. Un mi ha detto tu per acquistare la casa rinunci le vacanze, io pago poco di affitto nella casa popolare e mi faccio tutte le vacanze che voglio.

exsinistra50

Mer, 21/02/2018 - 11:02

Non avete ancora sistemato i "nostri" terremotati e finnanziate casette per i nomadi in Albania? Siete fuori di testa?

Rossana Rossi

Mer, 21/02/2018 - 11:08

Intanto i nostri pensionati fanno la fame........votate ancora questi cialtroni abusivi al governo....

Ritratto di 98NARE

98NARE

Mer, 21/02/2018 - 11:47

Ripeto,...... abbiamo già da "aiutare da sempre" tutto il SUD ITALIA, poi i CLANDESTINO e anche le zecche Albanesi..... ALTRO ?? nel frattempo orde di Italiani fanno la fame.

Ritratto di elkid

elkid

Mer, 21/02/2018 - 11:54

---ma scusate ---quando berlusconi facendo propaganda parla di un piano marshall nei confronti di tutti i paesi da cui provengono i migranti secondo voi di cosa parla?---e guardate che un piano marshall è una iniziativa come quella che avete appena letto elevata all'ennesima potenza e con una decina di zeri in più----poveri ingenui

Ritratto di TreeOfLife

TreeOfLife

Mer, 21/02/2018 - 11:54

Ennesimo spreco di denaro pubblico da parte di chi spende ciò che non è suo per utopie e corruzione. In Albania le case e in Italia a lavorare di grimaldello, picconi, cacciaviti e se non va così, pistole e coltelli. Siamo carne da macello.

paco51

Mer, 21/02/2018 - 12:00

siamo folli! fortuna che tutto questo finirà presto! non ricostruiamo per il nostro terremoto e ci facciamo i fatti degli atri! SOLO GLI ITALIANI! questo è il motto giusto! dopo libro e .... cultura!

Ritratto di Elvissso

Elvissso

Mer, 21/02/2018 - 12:05

Io pago ed i comunisti spendono.....ma per i rom.

Ritratto di Flex

Flex

Mer, 21/02/2018 - 12:36

Grande, i nostri terremotati continuano a vivere nel precariato e noi costruiamo le case a nomadi Albanesi, spero solo siano rimpatriati tutti quelli sul territorio Italiano non autoctoni.

Malacappa

Mer, 21/02/2018 - 13:39

DATENE UNA ANCHE A ME E MI TRASFERISCO IN ALBANIA E NON PAGO IL MUTUO

carpa1

Mer, 21/02/2018 - 16:52

Leggo: "La notizia è stata rilanciata .... il piano del governo “volto a sostenere iniziative di sviluppo sociale” nel quadro della cancellazione di parte del credito che l’Italia vanta nei confronti dell’Albania." Fatemi capire: l'Italia cancella parte del credito che vanta nei confronti dell'Albania costruendo a proprie spese casette per i rom in Albania? (quando dovrebbe invece costruirle per i propri terremotati!). Mi sono perso qualche cosa? I casi sono due: 1)l'Italia cancella parte del credito, stop; oppure, 2)l'Italia condona parte del credito costruendo a proprie spese le casette. Non certo tutt'e due le cose. Non vi basta la feccia che ci avete forzatamente importato?