Roma, ucciso dagli amici a 23 anni al festino a base di alcol e droga

Si sballano di coca e alcol fino a perdere lucidità. Il 23enne viene accoltellato e massacrato con un martello. Gli assassini fuggono. Uno si rinchiude in un hotel e tenta di uccidersi coi barbiturici

Tanta droga, tantissimo alcol e un festino che finisce in omicidio. Luca Varani, un 23enne romano, è stato brutalmente ammazzato in un appartamento di via Igino Giordani 2, al Collatino. A massacrarlo infliggendogli fendenti di coltello e colpi di martello sono stati due amici. Il padrone di casa ha 29enne ed è uno studente universitario fuori corso di Giurisprudenza. L'altro, invece, di anni ne ha 30. I tre hanno bevuto e si sono fatti di droga finché la situazione non è degenerata. "Non so perché lo abbiamo fatto", ha detto il 29enne ai carabinieri da cui si è presentato insieme al padre.

Lo studente di 29 anni e l'amico invitano Luca a casa per un festino a base di alcol e cocaina. Iniziano così a bere e a drogarsi finché non perdono la lucidità. È in quel momento che scatta la furia omicida. Il più giovane viene letteralmente massacrato con un grosso coltello da cucina e un martello. Presi dal panico, gli assassini lasciano l'appartamento scappano lasciando l'amico, nudo e senza più vita, in una pozza di sangue. Il 29enne, figlio di ristoratori, contatta subito il padre che lo convince a presentarsi dai carabinieri. A questi non sa indicare il motivo dell'omicidio: "Non so perché lo abbiamo fatto". Dopo una serie di indagini viene rintracciato anche il 30enne, già noto alle forze dell'ordine. Si è rinchiuso in un albergo non lontano da piazza Bologna. i militari intervengono e lo trovano in stato di incoscienza a causa di un mix di alcolici e barbiturici che il giovane ha ingerito per togliersi la vita. Viene, quindi, portato d'urgenza all'ospedale Sandro Pertini e salvato grazie alla lavanda gastrica.

Secondo una prima ricostruzione Luca sarebbe morto diverse ore prima dal ritrovamento, probabilmente nella notte tra venerdì e sabato. Sarà comunque l'autopsia a fissare l'orario del decesso e il numero esatto delle ferite inferte. Sulla vicenda indagano i carabinieri della compagnia piazza Dante e del nucleo investigativo di Roma. Secondo quanto si è appreso, il 23enne è stato trovato nudo in camera da letto. Da chiarire se sia stato spogliato in un secondo momento. Al momento per gli investigatori l'omicidio è legato all'abuso di alcol e droga da parte dei fermati e non sarebbe stato individuato un movente preciso dietro al delitto.

Mappa

Commenti

lorenzovan

Dom, 06/03/2016 - 13:35

beh...mica ci vuole la sfera di cristallo...incontro omo finito male

Linucs

Dom, 06/03/2016 - 14:17

Quanta feccia, quanta inutile spazzatura.

agosvac

Dom, 06/03/2016 - 14:46

Certo che siamo messi bene! Lo abbiamo ucciso ma non sappiamo perché. Probabilmente qualche magistrato tenero di cuore li farà uscire dal carcere tra un paio d'anni!!! Così, la prossima volta, almeno, si ricorderanno perché hanno ucciso.

Una-mattina-mi-...

Dom, 06/03/2016 - 14:59

Il nostro futuro all'opera...

Carlopi

Dom, 06/03/2016 - 15:20

complimenti ai genitori per l'educazione impartita a questi ragazzi. Sicuramente cresciuti ed educati in una famiglia "normale" composta da un padre ed una madre.

Ritratto di Zagovian

Zagovian

Dom, 06/03/2016 - 15:20

@Linucs,Una-mattina-mi-...:....già!!

Ritratto di hernando45

hernando45

Dom, 06/03/2016 - 15:27

Quando penso che il PARLAMENTO ha perso MESI, per fare una legge per questa SPAZZATURA di Gente, mi viene da VOMITARE!!! Se vedum.

ullo

Dom, 06/03/2016 - 15:37

Di solito genere di notizie invitano i commentatori a fare delle analisi sulla nazionalità, sulla brutalità, sulla religione degli assassini. Invece in questo caso c'è chi chiama in causa i giudici. A capirle certe cose.

ziobeppe1951

Dom, 06/03/2016 - 16:26

Per i PiDioti sono errori di gioventù

lorenzovan

Dom, 06/03/2016 - 17:08

ahhhh hernando...pero' non hai scritto niente per il papa' che si violentava il figlio di undici anni e lo vendeva on line...e la madre ..."non ne sapeva niente"... belle famiglie "normali"

Ritratto di Giano

Giano

Dom, 06/03/2016 - 17:26

Hanno ammazzato un ragazzo e "Non sappiamo perché lo abbiamo fatto". Questi ragazzi oggi sono così confusi e privi di riferimenti e valori che quella frase, appena modificata, potrebbe diventare il motto di una generazione: "Non sappiamo perché stiamo vivendo.". Il fatto è che nessuno glielo insegna. Anzi, stiamo facendo di tutto, attraverso i media, per allevare generazioni di invertebrati, stressati, drogati, con gravi problemi esistenziali, strafatti di droga e alcol, al cui confronto gli esistenzialisti, i nichilisti, e la gioventù bruciata degli anni '50/'60 sono il massimo del perbenismo, dell'impegno sociale, della serietà, dell'assennatezza e responsabilità. Stiamo costruendo una società marcia, ma noi pensiamo ai diritti gay, agli uteri in affitto, e guardiamo De Filippi e Montalbano. Ma Feltri dice che aiutano ad evadere. E Feltri è un uomo d’onore.

Ritratto di hernando45

hernando45

Dom, 06/03/2016 - 18:07

Non ho scritto niente caro Lorenzone, perche non ho neanche visto l'articolo, in quanto ieri ero in altre piu importanti"faccende" AFFACENDATO!!!lol lol Saludos se vedum.

Ritratto di hardcock

hardcock

Dom, 06/03/2016 - 18:44

Nel meraviglioso paese dove vivo lo spaccio o la semplice detenzione di droga, non importa a che titolo, danno luogo all'applicazione della pena capitale. Una pallottola in testa non appena si chiude il processo senza attese e spese di mantenimento. Cremazione e dispersione delle ceneri, i criminali non meritano onori da parte dei parenti. Qui Giuliani era un bastardo in vita e rimane un bastardo anche dopo morto. Molice Linyi Shandong China

palandrana

Dom, 06/03/2016 - 19:29

And ate a vedere il film "The rope" di alfred Hitchcock e poi capirete.

aldopastore

Dom, 06/03/2016 - 20:30

Quei bravi ragazzi.

Ritratto di San_Giorgio

San_Giorgio

Dom, 06/03/2016 - 21:53

Basta il secondo commento, quello di Linucs... Incontrovertibile verità, tutto il resto è di troppo.

joecivitanova

Dom, 06/03/2016 - 21:54

...avete visto signori quale è la nuova moda del momento per giustificare le adozioni omosessuali e l'utero in affitto da parte degli stessi..!?.. Non ve ne siete ancora accorti..!?.. Semplice, appena accade qualche delitto in una famiglia 'normale' (con padre e madre, per intenderci), giù subito a criticare, a dire, a inveire contro le stesse famiglie considerate..'normali', mentre le altre..eh..!! Aggiornatevi signori, seguite la nuova moda, fate tendenza.. tendete..!! G. p.s.: come se le stesse cose non potessero accadere in una qualsiasi 'famiglia' non eterosessuale..mah..!!..

Gnorcilbello

Lun, 07/03/2016 - 09:32

Caro Hardcock Lei che vive in Cina conosce i quindi il mondo manageriale cinese immagino. Io li vedo in europa questi tizi e indovini un po' cosa piace tanto fare ai suoi amici gialli?? Ha indovinato?? Se ha pensato bamba e mi---tte allora ha indovinato. Quello della pena di morte è per i poveretti è un retaggio comunista del regime che deve controllare i morti di fame. Sveglia!!!!!!

Algenor

Lun, 07/03/2016 - 22:14

@Gnorcibello, 9.32, guardi che in Cina giustiziano anche i membri della casta corrotti e gli imprenditori.

Ritratto di bonoitalianoma

bonoitalianoma

Lun, 08/08/2016 - 17:16

@algenor: è per quel motivo che preferiscono scappare dalla Cina e vivere da clandestini in Italia? Ossequi.