Lo schiaffo del Pd ad Alfano: i nostri indagati non si toccano

Il ministro Boschi interviene sui sottosegretari nel mirino dei pm: "No a dimissioni per un avviso di garanzia". Ma con Gentile (Ncd) la posizione è stata ben diversa

«Il governo non chiede dimissioni di ministri o sottosegretari sulla base di un avviso di garanzia». Il ministro Maria Elena Boschi va dritta al punto, nel rispondere nell'aula di Montecitorio alle interrogazioni dei grillini sulla nomina a sottosegretario di Francesca Barracciu. E articola il ragionamento, con una fiera difesa dei principi del garantismo e dell'autonomia della politica: «Abbiamo giurato sulla Costituzione, che contempla il principio fondamentale della presunzione di innocenza - ricorda - l'avviso di garanzia è un atto dovuto a tutela dell'indagato e non una anticipazione della condanna. Il procedimento si trova nella sua fase preliminare e lo stesso sottosegretario ne ha chiesto una accelerazione. All'esito il governo valuterà». Tutto bene, anzi benissimo. Salvo che di lì a poco il governo Renzi si becca - come era facile prevedere - l'accusa di «doppia morale» (titolo di apertura dell'Huffington Post di Lucia Annunziata, che ricorda l'intransigenza renziana, ai tempi del governo Letta, sui casi della Cancellieri o di Alfano) e «doppiopesismo» (Rosy Bindi), mentre la costituzionalista Lorenza Carlassare (quella che si dimise per protesta dal “comitato dei saggi” per la riforma costituzionale quando scoprì che doveva occuparsi di riforma costituzionale) se la prende addirittura con Napolitano, che a suo dire avrebbe dovuto fermare col proprio corpo le nomine di sottosegretari indagati: «Sarebbe stato forse opportuno - spiega - che il capo dello Stato, superando ogni legittima preoccupazione per i delicati equilibri politici, avesse mosso obiezione prima di apporre la sua firma».

Nessuna polemica, invece, dal Ncd, che solo due giorni fa ha dovuto far dimettere (su pressione di Renzi, del Pd e dell'intera opinione pubblica) il suo ras calabrese, Tonino Gentile: non indagato, ma coinvolto in una brutta storia di giornali bloccati per non far uscire notizie fastidiose sulla sua ampia famiglia, ben ramificata nel potere locale. «Rispettiamo la scelta del Pd», si limita a dire Angelino Alfano, dando la colpa del caso Gentile al Giornale, «garantista a convenienza». L'interrogazione cui ha risposto la Boschi chiamava in causa solo la Barracciu, indagata insieme agli altri consiglieri per i rimborsi della Regione Sardegna. Ragione per la quale, a dicembre, il neosegretario Pd Matteo Renzi le chiese di non candidarsi a governatore, pur avendo vinto le primarie. Ma di sottosegretari Pd muniti di avviso di garanzia ce ne sono altri due, De Filippo e De Caro (sempre storie di rimborsi regionali) più un rinviato a giudizio, Filippo Bubbico: accusato, da presidente della Basilicata, di aver commissionato ad un professionista esterno anziché alla burocrazia regionale un progetto di riorganizzazione degli uffici. «E lo rifarei, una decisione legittima e doverosa», rivendica lui. La linea garantista del governo sui sottosegretari (che d'altronde non sono renziani ma di altre correnti) è apprezzata nel Pd. «La magistratura – sostiene Gianni Cuperlo – non può fare da scudo alla politica, che invece deve recuperare la sua autonomia». L'unica che contesta apertamente le posizioni della Boschi è Rosy Bindi, secondo la quale nel Pd bisogna «avviare una riflessione», perché «sono stati usati due pesi e due misure: per alcuni reati c'è chi non è stato candidato, e chi invece siede al governo». E Pippo Civati punzecchia il premier: «Sarà Renzi a spiegare che differenza c'è tra Gentile e i sottosegretari Pd. Posizioni e accuse non sono identiche, non c'è dubbio, ma sarà il premier a dover spiegare e a metterci la faccia».

Commenti

pupism

Gio, 06/03/2014 - 08:41

Quando i 31 piccoli indiani (senatori di NCD) non serviranno più alla sinistra saranno "rottamati" e buttati nel "cestino" come i Kleneex. Allora il popolo si ricorderà di questi traditori!!!

Duka

Gio, 06/03/2014 - 08:45

Di questo passo la combricola Alfano finirà per fare le pulizie.

Ritratto di Luigi.Morettini

Luigi.Morettini

Gio, 06/03/2014 - 09:16

Al bamboccione Alfano è stato ribadito che gli "indagati" del PD sono inamovibili perchè è il PD a comandare e NCD ad ubbidire. Queste sono le regole della sinistrata democrazia italiana che Alfano deve ingoiare. Tanto è vero che il "poveraccio" non ha osato neanche replicare. Sa bene che la porta di uscita dal governo è costantemente spalancata!

elalca

Gio, 06/03/2014 - 09:19

la ministra boschi è grottesca! da brava trinariciuta ripete quello che le hanno piantato in testa i suoi capi del MOPR. e questo sarebbe il nuovo che avanza????

Ritratto di QuoVadis

QuoVadis

Gio, 06/03/2014 - 09:26

Vorrei sapere se i politici di csx sono al di sopra della Legge, o sono come gli altri. E poi, a quelli del cdx, quando imparerete dal Vangelo?! Miti come colombe e astuti come serpenti?! Gentile l'avete fatto tiepidamente dimettere, e Barrucciu ve la tenete! Se infine, non ricordo male, con UN SEMPLICE AVVISO DI GARANZIA nel 1994 cadde un Governo LEGITTIMAMENTE ELETTO DAL POPOLO. Ma siete proprio senza palle! Come potreste governare un Paese?!

Ritratto di QuoVadis

QuoVadis

Gio, 06/03/2014 - 09:32

Alfano è un ingenuo ed illuso poltroniere. Si è alleato con i nemici storici dei moderati. Avrebbe dovuto passare all'opposizione con FI per dare del filo da torcere a questi personaggi, che alla fine lo butteranno nel secchio insieme ai suoi sodali.

vince50_19

Gio, 06/03/2014 - 09:39

El Alamein - 1.7.42: "Mancò la fortuna non il valore". Queste le parole che soldati del 7° bersaglieri (un mio vicino di casa, ora deceduto da parecchi anni, fu da quelle parti al tempo e fece circa 1000 km a piedi per tornarsene a casa), scrissero su una lapide. Erano giunti a soli 111 km da Alessandria d’Egitto e il successo sembrava a portata di mano. Robe d'altri tempi, tempi certo poco fausti, visto che il germe della pazzia di pochi ci trascinò in un baratro mortale. Perchè ricordo questo episodio? Perchè a questa combriccola viscida di parlamentari non gliene può fottere di meno dell'onore e della serietà professionale: cadrega ante omnia! Certo che di simil cialtronume in giro se ne vede, non poco. Sono senza vergogna.

onurb

Gio, 06/03/2014 - 09:47

La doppia morale della sinistra è più che evidente. Per quanto riguarda NCD, Halfano diceva di essere in una posizione di forza perché senza i suoi senatori il governo nemmeno nasceva. A conti fatti, la sua posizione è talmente forte che è costretto a subire tutto perché, se cade il governo, lui e i suoi parlamentari si ritrovano tutti ai giardinetti.

fcf

Gio, 06/03/2014 - 09:50

TIPICO ESEMPIO DELLA "DEMOCRAZIA" DELLA SINISTRA ITALIANA ! NON RIESCONO MAI A SCORDARSI DI ESSERE NATI DA RADICI COMUNISTE.

berserker2

Gio, 06/03/2014 - 09:52

Povera sentinella distratta......ma pure dal PD si fa prendere per il culo! Cosa non si fa e si ingurgita pur di rimanere attaccati ad una poltroncina. Senza dignità e decoro. Sono partiti in cinque ministri e numerosi sottosegretari e te li stanno segando tutti. Dovrebbero chiedere la fiducia in Senato e poi si vedrebbe......Invece, che indecorosa farsa! Alpulcinella, servitore di due padroni! Testo di Goldoni, musica di Berlusconi & Renzi, dirige Napoletano!

Ritratto di stenos

stenos

Gio, 06/03/2014 - 10:05

Tanto il pd sa che l'unico Dio di angelino il traditore e' la poltrona. Quindi potranno fargli di tutto ma resterà fedele, alla poltrona ovvio. Rifiuti umani, ormai il parlamento italiano e' la concentrazione dei più sporchi e ignobili individui che si possano raccattare in giro per questa infame repubblica.

maubol@libero.it

Gio, 06/03/2014 - 10:20

Tramquilli, ad Alfano va bene tutto, se perde sta poltrona quando la ripiglia più?

Rossana Rossi

Gio, 06/03/2014 - 10:25

E' vergognosamente evidente come per queste zecche rosse che si sono appiccicate al potere orchestrate da quell'infame figura di napolitano la morale sia a due vie = interdizione per quelli di destra e assoluta libertà di essere disonesti per la sinistra. E questi figuri dovrebbero essere in grado di far ripartire l'Italia? Per dove, per andare a ramengo più in fretta di quanto non stia già andando? Ma per favore........

Ritratto di Memphis35

Memphis35

Gio, 06/03/2014 - 10:46

Quella del "garantismo a prescindere" è un antico vezzo (peloso) del berlusconismo. Che ha sempre rinunciato ad affondare il coltello nei confronti della sinistra quando era necessario. Sperando in chissà quali indulgenze nei propri confronti. Chi di garantismo ferisce...

Ritratto di nordest

nordest

Gio, 06/03/2014 - 10:48

Chi la cerca la trova! A scherzare col fuoco rosso ci si può scottare.Vedremo quanti voti riuscirai a tenerti ...

Libertà75

Gio, 06/03/2014 - 10:56

Vorrei porre una riflessione. Se quando Berlusconi era solo indagato o imputato perché la sinistra richiedeva costantemente le sue dimissioni e ne parlava male a mezzo stampa ogni giorno? O Berlusconi aveva ragione oppure nel PD sono tutti diversamente berlusconiani

Ritratto di pravda99

pravda99

Gio, 06/03/2014 - 10:58

Non chiamatela "doppia morale della Sinistra", questa e' LA Morale Democristiana Cattolica del BoyScout Bamboccetto Fiorentino, peraltro in linea con la morale Berlusconiana della resistenza a tutti i costi e della negazione dell'evidenza. Quindi non vedo di cosa si lamentino i sostenitori/fiancheggiatori di Berlusconi. Renzi e' di fatto uno dei vostri.

Ritratto di Adriano Romaldi

Adriano Romaldi

Gio, 06/03/2014 - 14:16

Caro Alfano a mettersi coi comunisti si rimane sempre scottati e Voi che fate ancora là; salvate l'Italia o cos'altro? I comunisti, comunque si chiamino se commettono reati sentono già odore di prescrizione mentre vedrete che trattamento avrà l'On. Formigoni; faranno le udienze anche alla domenica! Auguri vivissimi ai non vivi. Shalom