Fiamme domate a Notre Dame: il problema è se ora la struttura reggerà

L'inferno di fuoco è sotto controllo. Ora si apre una nuova emergenza: il problema è capire se e come resisterà la struttura della cattedrale

"Il pericolo del fuoco è stato scartato". Ora che nella cattedrale di Notre-Dame di Parigi l'inferno di fuoco è stato domato, si apre una nuova emergenza (guarda il video). Ora, secondo quanto riferito dal segretario di Stato all'Interno, Laurent Nunez, il problema è capire "come resisterà la struttura" rimasta in piedi dopo il terribile incendio (guarda il video).

Parigi e la Francia intera sono in ginocchio per il dolore, ma che già si rimboccano le maniche. Ieri sera la magistratura della capitale ha aperto un'indagine per "disastro colposo causato da incendio". Sono stati, infatti, esclusi il movente criminale, l'atto vandalico o peggio ancora quello terroristico. La pista che seguono gli inquirenti è l'incendio accidentale, probabilmente collegato ai lavori di ristrutturazione del tetto di Notre-Dame. Nella notte i magistrati dell'ufficio della procura di Parigi hanno già sentito gli operai che lavoravano all'appalto, ma le indagini, affidate alla Direzione regionale della polizia giudiziaria, si preannunciano lunghe e delicate: ci vorrà tempo prima che le circostanze di come sia scoppiato l'incendio siano chiarite. Nel frattempo si lavora per mettere in sicurezza la struttura che, come spiegato da Nunez, non è ancora chiaro "se resisterà" dopo il terribile incendio di ieri sera (guarda il video).

Questa mattina si è tenuta una prima riunione con gli esperti e gli architetti per cercare di stabilire se la struttura è stabile e se i vigili del fuoco possono continuare il loro lavoro. Il fuoco è stato, infatti, domato ma non è completamente spento. Circa 400 vigili del fuoco hanno combattuto per buona parte della notte contro le fiamme: uno di loro è stato leggermente ferito. Ci sono ancora diversi focolai e sono in corso le operazioni di raffreddamento. "L'argomento della notte era di impedire che il fuoco si propagasse", ha spiegato il Segretario di Stato che ora si sta invece assicurando che la struttura regga. "Ci sono state effettivamente nuove fiamme nelle torri di Notre-Dame", ha concluso Nunez spiegando che un centinaio di vigili del fuoco sono ancora sul posto "con otto lance attive".

Tutte le opere d'arte e il tesoro della cattedrale sono state salvate e trasferite nella notte all'Hotel de Ville, la sede del comune cittadino. Come riferisce l'emittente Bfmtv, saranno portate al Louvre già oggi o, al più tardi, domani. "Abbiamo messo al sicuro anche le opere del Tesoro della cattedrale: la Sacra Corona di Spine, un pezzo della Croce e un chiodo della Passione di Cristo", hanno fatto sapere i pompieri. La Corona di Spine è, secondo la fede cattolica, quella che i soldati romani misero sul capo di Gesù per schernirlo poco prima della sua Crocifissione. Il tesoro di Notre-Dame contiene anche numerosi oggetti liturgici, manoscritti rari e opere di oreficeria.

Commenti

diesonne

Mar, 16/04/2019 - 09:04

DIESONNE QUANDO UNO STATO SPOSA IL LAICISMO DISTRUGGE LA SUA ANINMA

Lotus49

Mar, 16/04/2019 - 09:14

"Sono stati, infatti, esclusi il movente criminale, l'atto vandalico o peggio ancora quello terroristico". E come fanno a escluderlo? A roghi ancora accesi? Che transalpina efficienza!

Ritratto di 02121940

02121940

Mar, 16/04/2019 - 09:36

Piango per Notre Dame. Non piango per i Francesi.

Ritratto di OdioITedeschi

OdioITedeschi

Mar, 16/04/2019 - 09:45

Quando l'egoismo di certi presidenti francesi come di buona parte della popolazione francese supera un certo limite, ecco che il karma collettivo di un popolo diventa negativo e il crollo di certi simboli diventano semplicemente il preludio del crollo di un impero fasullo fatto di cartapesta.

giancristi

Mar, 16/04/2019 - 10:37

Grande dolore e costernazione, ma possiamo tirare un sospiro di sollievo, perché questa volta non è toccato a noi! Dopo il naufragio della Costa Concordia e del ponte Morandi, dopo gli innumerevoli terremoti e così via, stiamo fermi un turno. A chi toccherà la prossima disgrazia!

Mizar00

Mar, 16/04/2019 - 10:41

Già il fatto che escludano a priori, senza elementi, il dolo ..la dice lunga

falsterbo

Mar, 16/04/2019 - 11:11

non sono un tecnico... però ,a mio modesto parere ,non penso che una "scintilla" da corto circuito, possa accendere un così GRANDE FALO'... con il Duomo di Milano e la Sagrada in Spagna, e' una delle meraviglie costruite dall'uomo! un mesto saluto a tutti. b.

Ritratto di moshe

moshe

Mar, 16/04/2019 - 11:34

... e il grande uomo Donald Tusk, per guadagnare popolarità e cercare di far credere che la UE esiste cosa fa? esorta tutti i 28 stati UE a versare soldoni per la ricostruzione di Notre Dame ... ... ... CERTO A LUI VIENE FACILE, PECCATO CHE NON RIESCA AD ESORTARE TUTTI I 28 STATI UE A SOBBARCARSI LA LORO PARTE DI CLANDESTINI CHE L'ITALIA "SALVANDO L'ONORE DELL'EUROPA", E' STATA COSTRETTA A SOBBARCARSI !!!!! BUFFONE !!!

rosolina

Mar, 16/04/2019 - 14:14

deve sempre accadere qualcosa che distragga l'opinione pubblica dai temi più bollenti….altro che operai sui ponti...poi sarebbe un aiutino alla ricomposizione del "popolo rivoltoso". i francesi in questo momento sembrano sfortunati, ma la verità non ci viene detta sui giornali...il popolo sta abbattendo il governo sabato dopo sabato