Messico, López Obrador è il nuovo presidente

Andrés Manuel López Obrador ha conquistanto la presidenza, aggiudicandosi il 53% dei voti

Andrés Manuel López Obrador è il nuovo presidente del Messico.

"È un giorno storico", ha commetato la guida messicana neo eletta, soprannominata Amlo, dato che per la prima volta nella storia moderna del paese la sinistra sale alla presidenza. Dallo Zocalo, la piazza simbolo della Città del Messico, il leader ha promesso la creazione di "un piano di riconciliazione e di pace", che porti a una riappacificazione nazionale, dimostrando così di mettere la patria al primo posto.

Inoltre assicura che non aumenteranno né le tasse né i prezzi del carburante e che darà "preferenza agli ultimi e ai dimenticati", riferimento ai popoli discriminati. "Prima i poveri", quindi, ma senza lasciare da parte l'attenzione al bene di tutto il popolo. E in questo senso verrà attuata una lotta alla malavita e al crimine organizzato, sempre più diffuso nel Paese. Per farlo, annuncia di voler convocare i parenti delle vittime, organismi internazionali e autorità religiose, per poter avviare quel processo di pace, necessario alla riconciliazione e all'unità messicana. Amlo ha in mente cambiamenti profondi per il suo Paese, conducendolo durante la sua quarta trasformazione, dopo indipendenza, riforma e rivoluzione.

Il tutto avverrà in un'autentica democrazia:"Non sarà una dittatura né aperta né nascosta".

La vittoria di Obrador, che ha trionfato con il 53% dei voti, era già stata annunciata nei sondaggi. Vittoria che il nuovo presidente messicano ha commentato con un "Sì, si può", che ricorda lo "Yes, we can" di Obama.

Chiusi i seggi, gli altri candidati accettavano già la sconfitta e facevano gli auguri al vincitore. Uno dei primi a congratularsi con il nuovo capo del Paese è stato Enrique Pena Nieto, presidente uscente, che gli ha augurato ogni successo, "per il bene del Messico".

Un messaggio di congratulazione, affidato a un tweet, è arrivato anche dal presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, che ha annunciato di non vedere l'ora di lavorare con Amlo, perché c'è tanto da fare per entrambi gli Stati.

A proposito degli Usa, Obrador ha assicurato di voler costruire "un rapporto di amicizia e collaborazione", ma basato sul"rispetto reciproco".

Commenti

steacanessa

Lun, 02/07/2018 - 10:01

Così finiranno ancor più nella miseria e nella delinquenza.

Ritratto di dr.Strange

dr.Strange

Lun, 02/07/2018 - 10:11

questo è il fratello di Lula. auguri ai messicani

dagoleo

Lun, 02/07/2018 - 10:19

Ecco qui un altro eroe dei sinistrati da invitare a conferenze e simposi inutili. Il Mesico già è messo male ed ora andrà completamente al macero.

steacanessa

Lun, 02/07/2018 - 11:24

Forza The Donald, accelera sul muro o te li trovi tutti in usa!

Ritratto di Giano

Giano

Lun, 02/07/2018 - 12:04

Ma allora il socialista Maduro e la sua politica fallimentare che sta portando il Venezuela alla catastrofe non vi ha insegnato nulla? Lo imparerete presto a vostre spese; purtroppo per voi.

celuk

Lun, 02/07/2018 - 12:25

nuovo Venezuela...

Trinky

Lun, 02/07/2018 - 12:39

Ecco, adesso completate l'oprea: prendetevi anche papa Francesco e la sua krikka, chi si somiglia si piglia!

MOSTARDELLIS

Lun, 02/07/2018 - 12:42

Gli hanno dato il colpo di grazia, ora cominceranno a far concorrenza a Cuba in fatto di povertà e dissidenti in galera.

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Lun, 02/07/2018 - 12:50

@dr.Strange - hai ragione, anche con la vittoria di Lula e Chavez erano così euforici i sinistri, poi invece...

Albius50

Lun, 02/07/2018 - 13:04

E la solita solfa mi ricorda PANCHO VILLA e le battute "ADELANTE ADELANTE VIVA LA REVOLUCION" nei film, e questo accadeva nel 1915 ora siamo nel 2018, l'uomo + ricco del mondo è un MESSICANO trasferito a New York che ha fatto il DINERO a casa sua in Messico ed ora arriva il nuovo PANCHO VILLA di turno.

Ritratto di elkid

elkid

Lun, 02/07/2018 - 13:19

--ho sempre ammirato il messico e mi è sempre piaciuto--sin dai tempi dei cartoni di speedy gonzales--sono andato a visitarlo ed è un paese fantastico---ora ha questa grande opportunità --un sinistro al comando--se riuscisse a risolvere il problema dei narcos gli farebbero una statua grossa come un grattacielo---se poi riuscisse a farsi rispettare un pochino di più dagli americani sarebbe il massimo--non tutti sanno che fino al 1848 la California- il Nuovo Messico e altre parti del sud-ovest erano province del Messico libero e riconosciuto a livello internazionale- fino a quando gli yankees decisero che volevano quelle province- dichiararono guerra al Messico- e le rubarono-- Caro trumpone fatti una domanda e chiediti:"Chi sono i veri illegali in California?" --spero che il messico vinca il mondiale e che oggi mandi a casa neymar--swag

franfran

Lun, 02/07/2018 - 13:27

Povero Messico!

Ritratto di hernando45

hernando45

Lun, 02/07/2018 - 14:10

Anche in Nicaragua, quando 2 anni fa fu eletto l'ex PARTIGIANO Ortega, il popolo esultava. Ora NON lo vogliono piu perche dicono che il Kompagno Ortega e un DITTATORE FASISTA!!! AMEN.

Ritratto di stenos

stenos

Lun, 02/07/2018 - 14:16

Ok. Ora araffano quello che è rimasto e fanno la fine del Venezuela. Se fossi Trump mi preoccuperi, tra un po arriveranno a milioni.

Ritratto di elkid

elkid

Lun, 02/07/2018 - 14:31

---hernando45---studiatela bene la storia del nicaragua---è un esempio di studio per capire il modus operandi americano che è sempre il medesimo--favorire i colpi di stato e mettere a capo del paese un pupazzo filoguidato che si chiami somoza o chi per esso--se oggi vivi ancora in un paese accettabile che ha tenuto lontane le zampacce degli yankees--volere o nolere --lo devi ai sandinisti---amen

Ritratto di elkid

elkid

Lun, 02/07/2018 - 14:38

--stenos--molto di quello che accade in venezuela --è diretto sottotraccia dagli americani--che vogliono mettere le mani sul petrolio venezuelano --visto che il paese ha la fortuna di galleggiarci sopra---il venezuela ha sbagliato in passato solo ad affidarsi quasi completamente come introiti di stato --alla vendita del petrolio e a non diversificare le entrate--un pò il problema che ha avuto per anni la russia---per gli americani è stato un giochetto da ragazzi far crollare il prezzo del petrolio ad hoc e mandare il venezuela in default--lo scopo?---ottenere un governo venezuelano filoamericano--swag giammai!!!

Ritratto di hernando45

hernando45

Lun, 02/07/2018 - 16:38

Scrivi STUPIDATE a piu non posso senza capire un TUBO. I Piñoleros da piu di 2 mesi stanno facendo una MINI guerra civile (con piu di 200 morti) contro i Sandinisti ed il di loro capo Ortega. Perche dicono che sono diventati dei DITTATORI, quei Sandinisti che tu senza sapere cosa succede qui ELOGI!!! Caro Elpirl 14e31. Io non ho bisogno di studiare perche qui ci vivo. Amen.

Ritratto di hernando45

hernando45

Lun, 02/07/2018 - 17:02

SEGUITO DELLE STUPIDATE per l'Elpirl 14e38. SIII quegli USA che hanno appena detto ai loro amici Sauditi di AUMENTARE l'estrazione, per far diminuire il prezzo del barile!!! OVVERO di economia non ci capisci una beata mazza!!!!lol lol.

Ritratto di stenos

stenos

Lun, 02/07/2018 - 17:21

-elkid- il prezzo del petrolio l'hanno fatto crollare per colpire la Russia, di conseguenza ha pagato anche il Venezuela, che gli americani siano una masnada di farabutti non ci piove, ma che questi dittatorelli filocomunisti, questi si populisti, appena governano riduco alla fame le nazioni è certificato.

Ritratto di franco-a-trier_DE

franco-a-trier_DE

Lun, 02/07/2018 - 17:51

Grande AMLO, finalmente ha vinto le elezioni in Mexico.