Monsanto condannata a risarcire il giardiniere malato di cancro

L'azienda dovrà risarcire per 289 milioni di dollari Dewayne Johnson perché non ha avvertito che il diserbante avrebbe potuto provocare il cancro

Una giuria californiana ha ordinato al gigante chimico Monsanto di pagare quasi 290 milioni di dollari per non aver avvertito che un diserbante poteva causare il cancro.

La multinazionale di biotecnologie agrarie ora si trova nei guai. Dewayne Johnson, infatti, ha denunciato l'azienda affermando che un suo prodotto usato come erbicida ha contribuito a farlo ammalare di un tumore rivelatosi terminale. Dewayne, custode di siti scolastici nella zona di San Francisco, aveva utilizzato l'erbicida della Monsanto nel suo lavoro e aveva sviluppato un'eruzione cutanea nel 2014, all'età di 42 anni, con la successiva diagnosi di un linfoma non-Hodgkin, un tumore che copisce i globuli bianchi. Da qui è iniziata la battaglia legale che è finita con un risarcimento milionario.

Ma la Monsanto non ci sta, respinge le accuse e annuncia che ricorrerà all'appello: "La giuria ha sbagliato". I legali della multinazionale, infatti, sostengono che quel tipo di linfoma impiega anni per manifestarsi e che quindi Johnson deve esserne stato affetto da prima del suo incarico nel distretto scolastico. Intanto, però, i giurati hanno sentenziato all'unanimità che Monsanto agiva con "malizia" e che i suoi diserbanti hanno contribuito "sostanzialmente" alla malattia terminale di Dewayne Johnson. E ora scatta il risarcimento da 289 milioni di dollari.

Si tratta della prima sentenza che accusa il prodotto di provocare il cancro, ma potrebbe aprire la strada a molte altre sfide legali: gli osservatori sostengono che una sconfitta della Monsanto probabilmente aprirà la porta a centinaia di altre rivendicazioni contro la compagnia, che è stata recentemente acquisita dalla tedesca Bayer. Esistono, infatti, fino a 5000 denunce negli Usa simili a quella al centro del caso di Dewayne Johnson, caso che potrebbe costituire un precedente importante con possibili centinaia nuove denunce contro la Monsanto.

Dopo la sentenza dei giudici, il gruppo farmaceutico Bayer afferma in una nota che il glifosato è un prodotto "sicuro e non cancerogeno". "Sulla base di prove scientifiche, valutazioni regolamentate globali e decenni di esperienza pratica con l'uso del glifosato, Bayer ritiene che il glifosato sia sicuro e non cancerogeno", ha dichiarato un portavoce del gruppo tedesco.

Commenti

ILpiciul

Sab, 11/08/2018 - 10:02

Ora alla Casa Bianca c'è castigamatti e ciò fa sentire meno onnipotenti gli ex onnipotenti. Speriamo sia il primo risarcimento di una luuuunga serie.

papik40

Sab, 11/08/2018 - 10:29

La Monsanto non e' nuova a nascondere i risultati dei test su animali e persone non solo sul glifosato ma nache sugli effetti dei cibi OGM Pochi mesi fa anche in Tailandia il glifosato e' stato bandito! Vorrei sapere come mai l'Unione Europea ha invece prorogato di APPENA ALTRI 5 ANNI il suo uso. Sudditanza verso Usa/Germania (adesso Monsanto e' proprieta' Bayer!), incapacita', malafede o .......Dio Denaro e chi se ne frega dela salute dei loro cittadini Ops! sudditi!

Divoll

Sab, 11/08/2018 - 15:40

Ora Monsanto = Bayer. Occhio.

napolinano

Sab, 11/08/2018 - 16:59

Questa allucinante sentenza verra' sicuramente rovesciata in appello. Non esiste che dopo 40 che un prodotto che e' stato usato da milioni di persone e in centinaia di migliaia di tonn. e che e' stato passato sotto i "raggi x",venga fuori uno che si e' ammalato non si sa perche' e si butti addosso la croce alla multinazionle(che non mi sono simpatiche a prescindere)perche' e' politicamente corretto e fa tanto "liberal". Una campagna stampa mondiale basata su ricerche truccate che dicevano che il guscio delle uova degli uccelli acquatici era diventato piu' sottile a causa sua,fece bandire il "ddt" mentre si stava combattendo e vincendo una furiosa battaglia contro la malaria. Risultato, la malaria non fu totalmente debellata e una nuova categoria di prodotti di sintesi piu' remunerativa (gli esteri fosforici) sostitui il ddt. Scendete dal pero!

greg

Sab, 11/08/2018 - 17:47

Sentenza PRIVA di buon senso, e non per nulla viene da un tribunale californiano, dove le esagerazioni iperboliche sono all'ordine del giorno: a che serve risarcire un singolo ammalato con 289 milioni di dollari, che mai vedranno attuazione. La Monsanto, che non è la bottega sotto casa che vende prodotti da giardinaggio, ora ricorre in appello e andranno avanti fino alla Corte Suprema degli Stati Uniti, dove la Monsanto vincerà. Se invece quel giudice avesse valutato con buon senso, sapendo che la maggior parte dei prodotti chimici per quell'uso ha ricadute dirette o indirette sulla salute di chi le utilizza, e avesse stabilito di risarcirlo con una manciata di milioni di dollari, ma obbligando la Monsanto ad essere più cautelativa ed avvertire che quel tale prodotto può nuocere, essere anche letale, alla salute, probabilmente la Monsanto avrebbe deciso di togliere il prodotto dal mercato, o rivedere la formula chimica

gabriel maria

Sab, 11/08/2018 - 19:38

eee il Roundop..da tempo si sa che favorisce lo sviluppo di tumori......ma affari sono affari gente!!!

rokko

Sab, 11/08/2018 - 22:09

Mi sembra assurdo, il glifosate viene usato comunemente da decine di anni non è mai successo nulla.

bremen600

Dom, 12/08/2018 - 01:54

In canada usano il glifosato per seccare il grano.quando noi mietiamo il nostro grano ITALIANO che è il migliore e lo portiamo nei silos appositi,i silos sono già pieni di grano canadese al glifosato e il nostro grano non vale più nulla.Un consiglio,l'unica pasta secca da comprare è la pasta GHIGI di Rimini,fatta solo con grano ITALIANO.Provate e poi mi direte.