Commissione antimafia, Nicola Morra (M5S) è il nuovo presidente

Il senatore grillino succede a Rosy Bindi. Appena eletto cita Borsellino: "Far trionfare il fresco profumo della libertà"

Nicola Morra, senatore del Movimento 5 Stelle alla seconda legislatura, è stato eletto presidente della commissione parlamentare antimafia. Succede nella carica a Rosy Bindi. Nella prima seduta della commissione, che si è riunita nella sede di palazzo San Macuto, Morra ha ottenuto 30 voti su 50. L'ex presidente del Senato Pietro Grasso ha ottenuto 13 voti.

"Dobbiamo sconfiggere la mafia. Dovrà essere combattuta ogni illegalità, ogni silenzio, in quanto ciò è terreno fertile per quella pianta schifosa che vogliamo estirpare con tutte le nostre forze". Queste le prime parole del nuovo presidente della commissione. Poi Morra, su Facebook, ha citato le parole del giudice Paolo Borsellino in uno degli ultimi discorsi prima dell'attentato in cui perse la vita: dobbiamo far trionfare definitivamente - scrive il senatore M5s - "quel fresco profumo di libertà che fa rifiutare il puzzo del compromesso morale, dell'indifferenza, della contiguità e quindi della complicita".

Per quanto riguarda gli obiettivi, Morra ha detto nel suo primo intervento da presidente che ""bisogna indagare meglio sulla trattativa Stato-mafia, su come la massoneria sia un fronte nel quale la mafia si insedia, sull'azzardopatia, che muove giri di denaro inimmaginabili". Il senatore grillino ha anche ricordato l'attività svolta dal Parlamento negli scorsi anni sui temi dell'antimafia: "Certamente si ripartirà dall'eccellente lavoro svolto dalla commissione della scorsa legislatura".

Nicola Morra, 55 anni, è nato a Genova ma ha vissuto a lungo in Calabria. Qui ha lavorato come professore di storia e filosofia prima in un liceo scientifico di Cosenza, poi in un liceo classico di Cassano Ionio e infine al liceo classico Bernardino Telesio di Cosenza.

La carriera politica di Morra è iniziata nel 2011 con l'avvicinamento ai meetup del Movimento 5 Stelle. Eletto al Senato nel 2013, nella scorsa legislatura è stato prima vicepresidente e poi segretario della commissioni Affari costituzionali. Ha anche svolto il ruolo di capogruppo dei senatori del Movimento 5 Stelle.