De Luca massacrato sul web per il voltafaccia sulle foibe

Tre anni fa su Facebook attaccò chi voleva ricordare le foibe e scrisse: "Invece di chiedere scusa, questi personaggi trovano il tempo per le stupidaggini". Oggi, invece, è lui il primo a esprimere dolore e rispetto per le vittime

"Dolore e rispetto. Ricordiamo oggi la tragedia delle #foibe e le barbarie della guerra insieme ai valori universali di libertà e democrazia". Questo è il messaggio che Vincenzo De Luca, presidente della Regione Campania, ha lasciato su Twitter per commemorare il giorno del Ricordo in memoria delle vittime delle foibe. E fin qui non ci sarebbe nulla di strano se non fosse che il 27 aprile del 2012, a ridosso del giorno della Liberazione, su Facebook scrisse un post proprio contro chi voleva commemorare le foibe. E più di un followers non ha perso occasione di ricordarglielo con una foto che mette insieme le due affermazioni.

"A Salerno il 25 aprile - scrisse l'allora sindaco - è diventa un'occasione per fare gazzarra: certe persone non hanno niente da fare e non fanno che creare polemiche e divisioni, quando la gente ha ben altri problemi. Chi si richiama al fascismo si deve scusare due volte. Quando si citano le Foibe o Tito, si dovrebbe ricordare che fascisti e nazisti hanno invaso la Jugoslavia; poi hanno perso la guerra, e gli slavi si sono rivalsi con gli interessi. "E poi - concluse De Luca - quella guerra voluta dal fascismo ha creato un danno storico enorme: abbiamo perso l'Istria e la Dalmazia, un pezzo della nostra patria. Invece di chiedere scusa, questi personaggi trovano il tempo per le stupidaggini".

Annunci
Commenti

abocca55

Mer, 10/02/2016 - 19:54

Certo, ma perché allora dimenticare le vittime delle atomiche USA? Due pesi due misure? Sono passati tanti anni, e ancora tanti ricordi, come quelli dei partigiani? Ma se il tempo non deve fare la differenza, allora facciamo la conta dei morti nelle campagne di Russia, condotta da Napoleone.

routier

Mer, 10/02/2016 - 19:56

Il "politicamente corretto" continua a mietere vittime!

giosafat

Mer, 10/02/2016 - 20:27

Di stupidaggine in stupidaggine si arriva a ....indovinate!

Ritratto di navigatore

navigatore

Mer, 10/02/2016 - 22:19

non céra bisogno che la dittarice BOLDRINI dicesse simile frase,lo sono dla dopoguerra padroni di casa anche se hanno subito la convivenza con la DC, tra dittaura ROSSA-BIANCA e NERA cambia solo il tempo delle loro azioni la chiesa = di 2000 snni la ROSSA circa 70 anni la nera 20 anni, per non parlare dei morti fattie voluti, sicuramente la nera e´il fanalino di coda al pari di altre poverelle dittature, la storia insegna e l´uomo non impara

Juniovalerio

Mer, 10/02/2016 - 22:26

de luca piciu!

Raoul Pontalti

Mer, 10/02/2016 - 23:12

A onor del vero la stolta guerra voluta dal fascismo e combattuta ancora più stoltamente (es.: mancata presa di Malta indifesa a giugno 1940, disastrosa conduzione della guerra in Africa con la ignobile disfatta di Sidi el Barrani e conseguente intervento dell'Afrikakorps, l'assurda guerra alla Grecia alleata della Germania con umilianti sconfitte su fronte albanese, con la quarta flotta mondiale di superficie e la seconda sommergibilistica e prime entrambe nel Mediterraneo si rimediarono incredibili sconfitte in serie e si dovettero far intervenire i sommergibili tedeschi che ottennero più vittorie dell'intera flotta italiana, etc.) ha comportato una disonorevole sconfitta, la tragedia dell'8 settembre e poi la perdita di Istria, Dalmazia, Fiume, isole quarnerine, Pelagosa e parte della provincia isontina, oltre alle colonie africane, alla Libia e al Dodecaneso.

Ritratto di Runasimi

Runasimi

Gio, 11/02/2016 - 00:37

Questo De Luca dimostra al di là di ogni dubbio la sua bassezza morale. Rappresenta inoltre la fine meschina fatta dalla politica nel nostro paese. IN MANO A GENTE SIMILE È SCADUTA A UN SEMPLICE VOLGARISSIMO METODO DI LUCRO.

Ritratto di gangelini

gangelini

Gio, 11/02/2016 - 00:56

Come tutti i sinistri, ha perso una preziosa occasione per tacere. Siamo nel terzo millennio e si cerca ancora di manipolare la storia. La storia deve essere raccontata per imparare a non commettere gli orrori del passato; invece i partiti totalitari ed i regimi alterano la storia per giustificare la propria esistenza (PCI e PD insegnano).

monati50

Gio, 11/02/2016 - 01:09

Evidente sia riuscito a colmare il vuoto culturale e storico e cita opinioni più sensate.

Ritratto di Runasimi

Runasimi

Gio, 11/02/2016 - 01:14

Questo De Luca dimostra al di là di ogni dubbio la sua bassezza morale. Rappresenta inoltre la fine meschina fatta dalla politica nel nostro paese. IN MANO A GENTE SIMILE È SCADUTA A UN SEMPLICE VOLGARISSIMO METODO DI LUCRO

Ritratto di faustopaolo

faustopaolo

Gio, 11/02/2016 - 05:52

Un idiota di sinistra mi ha rimproverato di non conoscere la storia! Certamente noi conosciamo la storia ma quella vera, non quella manipolata da loro !

routier

Gio, 11/02/2016 - 12:09

@ Runasimi, dare la colpa solo a De Luca è ingeneroso. Che dire degli elettori che lo hanno votato? Non sono forse maggiormente colpevoli di colui che hanno eletto?

Ritratto di Runasimi

Runasimi

Gio, 11/02/2016 - 23:11

# routier 12:09 Ha ragione. Gli elettori di De Luca sono più colpevoli di lui. Erano stati definiti da Berlusconi con un termine che qui non posso usare perché verrebbe censurato.