Ecco la legge sconosciuta per sconfiggere Equitalia

Un avvocato ripesca la norma sul Sovraindebitamento voluta dal Pdl. E ottiene dal Fisco 455mila euro di sconto

«Se non puoi sconfiggere il tuo nemico, fattelo amico». Saranno anche passati più di duemila anni, ma la frase di Giulio Cesare torna ancora comoda. Specialmente se si parla di Equitalia, il più temuto nemico degli italiani dopo il virus Ebola.

Un avvocato del foro di Milano, Pasquale Lacalandra, specializzato in diritto fallimentare, è riuscito nella mission impossible di trattare coi funzionari del Fisco, riuscendo a far ridurre il debito di un suo assistito da 509mila a 54mila euro. E il tribunale di Como gli ha dato ragione.

«Mi sono semplicemente basato sulla legge sul Sovraindebitamento (n. 3/2012), peraltro promossa a suo tempo dal senatore Pdl Roberto Centaro e che oggi andrebbe riformata e migliorata per renderla ancora più fruibile, che permette di ridurre i debiti, anche di natura fiscale, in relazione alle concrete possibilità del debitore - dice Lacalandra - Ho cercato di far ragionare i funzionari dell'Agenzia con un semplice concetto: i debiti di qualunque persona fisica possono essere ridotti a seconda di quanto è il valore del patrimonio del debitore. Nel mio caso, Roberto, 48 anni, single, è un impiegato amministrativo di un'azienda, ha uno stipendio di 1.700 euro al mese e non possiede immobili».

Il debito con Fisco gli è derivato dall'essere stato, vent'anni fa, titolare di una partecipazione del 20% nel maglificio di famiglia, poi fallito. L'accertamento fiscale risale al 1993, e per 24 anni non gli hanno tolto gli artigli di dosso. Ha provato più volte a difendersi ma le sue ragioni non sono mai state accolte. All'importo iniziale di 166mila euro sono state aggiunte le sanzioni (125mila euro), gli interessi di mora (187mila euro), l'aggio e oneri di riscossione (29.500 euro). «Noi, invece di 509mila euro, siamo riusciti a chiudere a 50mila euro per l'Agenzia delle entrate e 4mila per Equitalia - spiega l'avvocato - L'importo è stato determinato sulla base delle entrate del debitore, ovvero il solo stipendio. In pratica ho preso la busta paga di Roberto e ho applicato la legge sul sovraindebitamento che prevede che lo Stato possa pignorare solo un decimo delle entrate, per chi guadagna fino a 2.500 euro al mese. Questo decimo l'ho moltiplicato per tutti i pignoramenti che gli sarebbero potuti arrivare fino all'età di 84 anni, considerata anche la pensione, attualizzando gli importi ad oggi. Su questo ragionamento l'Agenzia è stata d'accordo e così ha racimolato quasi la metà della cifra debitoria iniziale. È inutile tenere un database di crediti che non recupereranno mai».

Così si apre la strada anche ad altri casi simili ma per Lacalandra «ci vuole la collaborazione di tutti, in primis dell'Agenzia delle entrate. La rottamazione delle cartelle esattoriali voluta da Renzi, ovvero la dilazione, è inutile. Il concetto è che in Italia le banche vanno salvate e i poveri cristi devono vendersi le case». Ma poi Equitalia non l'avevano abolita?

Commenti

moichiodi

Mar, 17/01/2017 - 11:03

Come sconosciuta, se ogni tanto il giornale ci gratifica di questi presunti scoop?

Zizzigo

Mar, 17/01/2017 - 12:10

"Cucù, Equitalia non c'è più" (Frottolo), ma diventa "e-qui-taglia". Grazie al bravo Avv. Lacalandra.

delio100

Mar, 17/01/2017 - 12:10

Sull'art leggo il seguente trafiletto, "il più temuto nemico degli italiani dopo il virus Ebola" se consideriamo l'elevatissimo numero di suicidi causati dalla politica dissennata di questo istituto, con impiegati incentivati a saccheggiare il contribuente, e il numero dei morti causati dal virus Ebola,praticamente zero, il conto su chi è più temuto è bello che fatto

Rossana Rossi

Mar, 17/01/2017 - 12:23

Sì, abolita come le province.......ennesima buffonata del pifferaio abusivo.....ma il pd è sempre a più del 30%....significa che agli italioti sta bene così........

mariod6

Mar, 17/01/2017 - 13:00

Frottolo ne ha raccontate di tutti i colori e di tutte le portate, nonostante questo ci sono ancora tanti italiani che gli credono sulla parola. ma avete fatto un esame personale di tutte le balle che ha cacciato ?? E continuate a credergli ?? Allora ben vi sta la tassazione più alta d'Europa e l'angheria continua del partito per difendere i soli suoi interessi sia di potere che di soldi (coop - onlus - centri sociali - gestione risorse - lavori pubblici - ecc. ecc. )

peter46

Mar, 17/01/2017 - 13:18

E bravo Boschi...però diciamo la verità(ed oggi è giorno dispari quindi 'pubblicabile' il commento):nei 20anni del Berlusconismo, giacchè il leader era in tutt'altre faccende affaccendato,non si è trovato il tempo di non permettere che la gente non fosse pignorabile e 'suicidabile',anche per non 'intralciare' il lavoro del Befera confermato ad equitalia e 'coccolato' dal min. Tremonti e lasciato con 'direttive' ad personam.Abbiamo dovuto aspettare il 27/12/12 per avere 'siffatta' legge in un provvedimento generale 'antiusura'(che è tutto dire).Le ricordo però che,anche se presentata da Centenaro(pdl)sta legge,il 16/9/11 era diventato PDC il MONTI dopo che 'mogio-mogio',e senza aver provveduto x 20 nè Centaro nè il cdx nè il suo leader 'tuttologo e statista, Berlusconi lo aveva dovuto 'sostenere'per salire le scale di Pzo Ghigi e conferire con Napolitano.E questa legge,Centenaro o meno,è stata varata sotto il governo Monti.Così solo per dare meriti a chi li merita.

peter46

Mar, 17/01/2017 - 14:27

Scusi Centenaro(lega)...può succedere,però con 'simile'cognome.Volevo dire Centaro(pdl)

CALISESI MAURO

Mar, 17/01/2017 - 14:36

Dunque, il fisco ne voleva 166000, ma tra more e rimore erano arrivati a 540000 ad una persona che dava lavoro e lavorava.. e i rapaci .. che non producono niente per la nazione... anzi.. lo volevano rovinare:)) Il tizio e la sua famiglia dovevano aprire in qualche paese estero l'attivita', lasciare a casa gli operai Se tutti gli imprenditori avessere fatto cosi la nazione gia fallita avrebbe inviato a a casa i rapaci a raccogliere arance dai cugini.... ok ci andranno fra qualche anno... sara' sempre troppo tardi

sergio_mig

Mar, 17/01/2017 - 16:01

Se c'è questa legge dovrebbe essere applicata dalle istituzioni e non nasconderla e lasciare gli avvocato a dare battaglia per sconfiggere il fisco, quando ci riescono, le leggi devono sempre essere applicate a favore del cittadino, dei più deboli ma al fisco questo non interessa, per cui quando equitalia bara deve essere sanzionata, e poi perché equitalia insegue all'inverosimile con multe e interessi di mora indicibili ? Semplice, perché incassa una lauta percentuale su ciò che riesce ad incassare, per questi motivi va e l i m i n t a e riportare la riscossione all'ufficio delle entrate, così facendo non si pagano più le percentuali da cravattari a questo sciagurato ente.

Ritratto di bonoitalianoma

bonoitalianoma

Mar, 17/01/2017 - 17:17

DIMMI CON CHI VAI E TI DIRÒ QUANTO LADRO SEI

mrdarker10

Mar, 17/01/2017 - 17:39

Ma Equitalia non doveva chiudere?

Juniovalerio

Mar, 17/01/2017 - 20:59

se non avessi nulla sulla pelle.... mi divertirei un sacco!

ennio78

Mar, 17/01/2017 - 21:45

Ma questo signore i soldi li doveva all'Agenzia dell Entrate, che poi coincide con lo Stato e quindi noi cittadini tutti, o a Equitalia? Ma poi Equitalia esiste da 10 anni.. e quindi chi sarebbe il cattivone che gli teneva gli artigli addosso da 24 anni? E poi era stato titolare a sua insaputa? Mi fa specie quanta gente ignorante vi sia in Italia che pensa che se non c'e Equitalia allora nessuno dovra' piu' pagare i debiti con lo Stato. I politici con un popolo del genere hanno vita facile a raccontare balle. Personalmente Equitalia mi stava simpatica ! :)