Luca, l'ingegnere di Bassano strappato dalla mano della fidanzata

Il ragazzo veneto si era laureato in dicembre ed era in Spagna con Marta, rimasta ferita. Volontario Croce Verde e tifosissimo del Toro

Bassano del Grappa (Vicenza) Quel corpo steso a terra e quei pantaloncini color verde militare che facevano presagire il peggio. È morto così Luca Russo, venticinque anni, originario di Marostica, viveva a Bassano del Grappa nel vicentino. È morto anche lui come Bruno Gulotta, sulla Rambla, nel pieno centro di Barcellona, dopo che il furgone dei boia giovedì pomeriggio li ha travolti. Luca era in vacanza assieme alla fidanzata Marta Scomazzon, anche lei di Bassano, che ha riportato ferite a un piede e a un gomito ma non è in gravi condizioni.

«Appena accaduto racconta al Giornale la cugina di Marta lei ha chiamato la mamma per dirle che stava bene. Era sotto shock e poi ha detto Luca non so dove sia. E infatti il suo corpo era lì in mezzo ad altri corpi martoriati. Chiara, la sorella di Luca, che abita a Verona, ieri pomeriggio verso l'una ha scritto su Facebook «Aiutatemi a riportarlo a casa, vi prego», condividendo il post scritto dall'amica Alexia Vomiero che aveva pubblicato la foto profilo di Luca e altre due immagini che ritraevano un corpo steso a terra con pantaloncini verde militare, proprio come quelli indossati da Luca. «Utilizziamo Facebook per qualcosa di utile si legge nel post -. Ieri qualche pazzo ha deciso di distruggere un'altra meravigliosa città. In quella città era presente il fratello di una meravigliosa ragazza e purtroppo di lui non si sa ancora nulla. Sappiamo solo che era lì e che indossava dei pantaloncini militari. Fate girare il più possibile, e se qualcuno sa qualcosa, qualsiasi cosa, faccia riferimento a me o a Chiara. Riportiamolo a casa dalla sua famiglia». Immediato il tam tam su Facebook con gli amici che condividevano il post: «Dove sei Luca? Dove sei?». Ma la famiglia aveva già capito. L'immagine della fidanzata Marta in un video che la riprendeva nel luogo della strage aveva già fatto il giro del web. «L'abbiamo saputo dal telegiornale - confida un parente al Giornale ma avevo già capito».

Luca si era laureato in ingegneria elettronica all'Università di Padova il 4 dicembre. «108 motivi per essere felici aveva scritto quel giorno su Facebook postando la foto che lo ritraeva felice con la corona di alloro . Siate folli, siate affamati». E lui infatti era affamato della vita. Amante del tennis. Adorava Tiziano Ferro. E tifava Toro. Da poco era andato a vivere da solo in quel condominio di largo Perlasca con ancora le impalcature di ristrutturazione e lavorava come ingegnere in un'azienda di Carmignano di Brenta. Sognava di lavorare a Torino alla Terna, la rete elettrica nazionale. Sia lui che Marta erano entrambi volontari della Croce Verde. Marta era stata impegnata anche nell'ufficio stampa del comune della città del Grappa.

Un profilo pacifista quello di Luca. «Umile e sempre pronto ad aiutare gli altri, riusciva a trovare la bellezza nelle piccole cose» ci dice la migliore amica Elisabetta Rocco. Il 14 novembre del 2015, il giorno dopo l'attentato che seminò la morte a Parigi, aveva scritto su Facebook: «La religione è l'oppio dei popoli». L'ultimo post visibile è del 15 giugno: «Nasciamo senza portare nulla, moriamo senza portare via nulla. E in mezzo litighiamo per possedere qualcosa». Un ragazzo grintoso come lo descrivono gli amici, amante dello sport, non si faceva mai abbattere dalle difficoltà.

La notizia ha gettato Bassano nello shock. Il sindaco Riccardo Poletto ha proclamato il lutto cittadino il giorno del funerale e da ieri le bandiere del municipio sono a mezz'asta.

A casa di Marta, sempre a Bassano, è rimasto il padre Mirko insieme ai parenti. La mamma è partita con il papà di Luca alle 14 di ieri con un volo da Treviso che li ha portati a Barcellona.

Commenti

Siciliano1

Sab, 19/08/2017 - 08:39

Povero ragazzo. R.I.P.

Siciliano1

Sab, 19/08/2017 - 08:40

Anche per le altre vittime cadute. R.I.P.

Ritratto di Ausonio

Ausonio

Sab, 19/08/2017 - 08:48

"religione oppio dei popoli". Questo pensiero del comunista Marx è come vedete radicato nell'occidente, anche quello borghese, benestante o comunque "istruito". E' per questo che questo occidente è decadente. I periodi di gloria e civiltà dell'Europa sono sempre stati religiosi. Da Roma ad Atene, dagli Asburgo al Rinascimento.

Ritratto di Ausonio

Ausonio

Sab, 19/08/2017 - 08:50

Religione oppio dei popoli. ... vero o falso che sia, rimane che l'ateismo è una religione, monoteista per giunta. Come vedete, molto intollerante. E promana nichilismo. Ossia ciò che rende i nostri giovani deboli, svogliati, senza missione né senso della vita. Questo è un oppio anche peggiore.