Il tribunale respinge l'istanza: "Dell'Utri deve restare in cella"

ll Tribunale di sorveglianza di Roma ha respinto l'istanza di scarcerazione legata a motivi di salute

Marcello Dell'Utri deve restare in carcere. ll Tribunale di sorveglianza di Roma ha respinto l'istanza di scarcerazione legata a motivi di salute. "Non ce la faccio più, mi sento provato e stanco", aveva fatto sapere attraverso i suoi legali l'ex senatore Pdl dal carcere di Rebibbia nel quale sta scontando la condanna a sette anni per concorso esterno in associazione mafiosa. I periti del tribunale si erano pronunciati per la compatibilità delle sue condizioni di salute con il regime carcerario, mentre parere favorevole all'uscita dal carcere era stato dato dai medici consulenti della procura generale e da quelli della difesa.

Il sostituto procuratore generale Pietro Giordano aveva dato parere negativo all'uscita da Rebibbia di Dell'Utri, ritenendo le conclusioni dei periti del tribunale più convincenti di quelle dei consulenti medici dell'accusa. "Speriamo che il tribunale non perda di vista il problema - avevano sottolineato gli avvocati Alessandro de Federicis e Simona Filippi - e cioè che un uomo di 76 anni, da diverso tempo, sta espiando la sua pena girando per vari reparti ospedalieri per evidenti problemi di natura oncologica e cardiocircolatoria. La detenzione domiciliare o ospedaliera, come hanno valutato i nostri consulenti, è una soluzione più che ragionevole, oltre che umana". Ma il tribunale non la pensa così.

Questa mattina dalle pagine del Tempo, è partito l’appello della moglie Miranda Ratti: “Giudici liberate mio marito Marcello, è gravissimo, non può restare in cella”. La signora Dell’Utri spiega che il marito ha diverse patologie, tra cui una cardiopatia, il diabete e adesso anche un tumore ed è per questo che la difesa aveva presentato l’istanza.

In serata è arrivato il commento di Dell'Utri attraverso i suoi legali: "Preso atto della sentenza con cui il tribunale di sorveglianza decide di lasciarmi morire in carcere ho deciso di farlo di mia volontà adottando da oggi lo sciopero della terapia e del vitto".

La reazione di Forza Italia

Forza Italia critica con fermezza la decisione del Tribunale di sorveglianza di Roma mentre il Partito Radicale convoca una conferenza stampa per mercoledì mattina. È "una vergogna assoluta" sostiene la deputata azzurra Michaela Biancofiore, mentre Daniele Capezzone afferma che "questa non è giustizia". Elvira Savino sottolinea che contro l'ex senatore "si sta purtroppo assistendo ad un accanimento disumano che nulla ha a che vedere con la giustizia. Se ad un detenuto che versa in pessime condizioni di salute non viene neppure consentito di curarsi adeguatamente - aggiunge - allora non si può più parlare di applicazione della pena ma forse di tortura". Mariastella Gelmini, vicecapogruppo di FI alla Camera, auspica "un gesto di umanità. L'uomo è sofferente e ha pagato generosamente per un reato dai contorni incerti e molto discutibile. Oggi tenere Dell'Utri in carcere - continua - ha il sapore di un accanimento che anche i suoi oppositori politici potrebbero giudicare un eccesso". Il Partito Radicale mercoledì alle 11 terrà una conferenza stampa nella sede di via di Torre Argentina "per annunciare - assieme alla moglie di Marcello Dell'Utri, Miranda Ratti - le iniziative non più rinviabili a salvaguardia della salute dei detenuti sempre più vittime di abbandono sanitario a causa di irresponsabili decisioni dei giudici di Sorveglianza". La vicenda, dice Rita Bernardini, "è più che mai rappresentativa dei tantissimi casi di detenuti che in carcere non sono curati persino quando sono affetti da malattie gravissime che, se trascurate come purtroppo avviene, portano rapidissimamente alla morte o, se va bene, a pesanti invalidità. In Italia non c'è la pena di morte? Vengono in mente - conclude - le parole di Marco Pannella: 'Nelle infami carceri italiane c'è la pena fino alla morte".

Commenti

agosvac

Gio, 07/12/2017 - 14:43

La domanda è: se si fosse trattato di uno dei tanti esponenti della sinistra contigua, il responso dei magistrati sarebbe stato lo stesso?????

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Gio, 07/12/2017 - 14:49

Avevate dubbi? Avevate dubbi se capitava all'inverso se fosse stato di csx?

gionaelabalena

Gio, 07/12/2017 - 14:51

Magistrati impuniti! La riforma della magistratura non è più differibile. La speranza è che il nano, dabbene di Arcore, ci metta mano seriamente, la prossima volta, se vincerà davvero e nuovamente le elezioni politiche. Lo faccia in nome del grande Marcello, al quale deve tanto e che è stato sacrificato nel suo nome.

giovanni235

Gio, 07/12/2017 - 14:53

Per essere scarcerato sarebbe bastato che Dell'Utri dichiarasse di essere un lontano parente dei Boschi.

PAOLINA2

Gio, 07/12/2017 - 15:01

Puo' essere curato bene in carcere e forse trattato anche nel modo migliore rispetto ad altri detenuti. I vip in carcere si ammalano tutti, poverini non lo sopportano, altri erano gravissimi e sono campati fino a 100 anni, spero che sconti la pena sino all'ultimo giorno, adesso chi gli dira' al suo compare che non potra' essere dei "suoi".

Ritratto di Scassa

Scassa

Gio, 07/12/2017 - 15:06

scassa giovedì 7 dicembre 2017 Momento migliore non esiste per augurare a Dell’Utri tanta fortuna ,che giungerà quando la sua detenzione non servirà più a coprire la zecca rossa, e auspico il turnover con il giudice , Buon Natale a Dell’Utri ,al giudice NO,!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!scass.

giovanni PERINCIOLO

Gio, 07/12/2017 - 15:06

Da oggi sappiamo che i signori giudici ne sanno molto di più in fatto di salute e medicina dei periti medici! Complimenti! Comunque da oggi, se fossi medico, rifiuterei di curare i magistrati e li rinvierei a farsi visitare e curare dai loro colleghi!

Ritratto di ...olgah..

...olgah..

Gio, 07/12/2017 - 15:11

in galera a vita, come zu totò

Ritratto di sergio.stagnaro

sergio.stagnaro

Gio, 07/12/2017 - 15:11

La Clinica è morta, Viva la Clinica. Il Signor Marcello Dell'Utri è vittima della Medicina, nata a Framingham nel 1944, su sponsorizzazione, sacrificata sull'altare del Laboratorio e del Dipartimento delle Immagini. Secondo un clinico di 86 anni, uno dei pochi rimasti di una specie praticamente estinta, più delle medicine prescrittegli potrebbe aiutare il paziente a vedere l'Anno Nuovo l'Amore dei suoi familiari e amici. Veritas Filia Temporis

isaisa

Gio, 07/12/2017 - 15:16

Come mai il carcere si apre per i ladri e i violentatori e non per un galantuomo che è in carcere per un delitto che nemmeno esiste nel nostro codice?? Certi giudici andrebbero messi ai ferri e frustati ogni ora !! Se marcello avesse la tessera del partito dei pidioti non sarebbe stato accusato, anzi avrebbe potuto far distruggere ogni prova (se ce ne fosse stata una) napolitano docet

nonna.mi

Gio, 07/12/2017 - 15:16

I componenti di questo tribunale (volutamente minuscolo) avranno incubi e rimorsi spero molto,molto duraturi per questa loro decisione . Dell'Utri: ci sono decine di esseri che meriterebbero per i loro delitti finanziari e sociali tutto quello che Lei ha dovuto sopportare in questi lunghissimi anni di detenzione; invece sono liberi e "ben pasciuti" salvaguardati da chi, speriamo ancora per poco,usa ed abusa del Potere intoccabile delle proprie toghe. Myriam

Giorgio Colomba

Gio, 07/12/2017 - 15:17

Per chi reca lo stigma del Cavaliere, in Italia la pena capitale esiste.

Ritratto di vincenzoaliasilcontadino

vincenzoaliasil...

Gio, 07/12/2017 - 15:28

Ma Mattarella dove sta all'estero? Sicuro che sia Cristiano e Democratico? Povera Nazione Parlamentare che fine...

killkoms

Gio, 07/12/2017 - 15:38

tanto,i giudici non pagano mai!

Massimo Bocci

Gio, 07/12/2017 - 15:39

Un ultimo martire (speriamo) di un regime (catto-comunista) criminale che come tale andava deferito e fatto processare (per alto tradimento e ladrocinio di regime) da un tribunale per i diritti negati e violati,truffati agli Italiani, regime che doveva essere smantellamento nel 1988 con il muro di Berlino per alto tradimento, dopo il crollo dei loro finanziatori,padroni Bolscevichi.

TONI-GARATTI

Gio, 07/12/2017 - 15:40

Non meravigliatevi la peggior feccia rossa odia Dell'Utri perchè con B.li hanno stoppati nel momento in cui credevano d'impradonirsi dell'Italia, ora l'hanno ridotta a povera itaglia, ma da miserabili qual sono devono sfogare la loro sete di vendetta. è gente capace di profanare i morti, figurarsi i vivi, Dell'Utri è un eroe e si dovrebbe fare qualcosa per lui, chiamateci in piazza!!!! Alla faccia di tutti i caprones subumani.

paolo1944

Gio, 07/12/2017 - 15:42

Che siano maledetti e segnati a vita.

angelovf

Gio, 07/12/2017 - 16:04

Per Paolina 2, in un paese normale potresti avere ragione, ma l'Italia non lo è, se dovessero rimanere in carcere tutti i tuoi simpatizzanti il tuo partito non esisterebbe più da molti anni, in Italia la giustizia dovrebbe essere uguale per tutti ma adesso non lo è perché è un regime, come fu per il popolo sovietico, non dico il Duce per che lui adesso non c'è al governo ma ci sono i discendenti di quella ideogia, quando vanno in galera sa quelli del monte dei Paschi di Siena? C'è anche un morto che forse è omicidio, quando vanno in galera i truffatori della banca ed Etruria che ha mandato in rovina migliaia di risparmiatori, ma spero che si farà luce su questi delinquenti e chi li protegge.

Libero 38

Gio, 07/12/2017 - 16:07

Cosa si aspettava che la cricca di giudici sinistroidi lo mandassero ai domiciliari.Loro ci mandano ai domiciliari i criminali non italiani che strupano le donne o massacrano di botte i vecchietti per farsi dare i soldi La decisione di non accettare i domiciliari a Dell'utri e' l'avvertimento a Berlusconi che se per caso vincesse le elezioni lui sarebbe il prossimo a finire in galera.

pisopepe

Gio, 07/12/2017 - 16:08

uno dei tanti giudici italiani avra dell'utri sulla coscenza ma loro se ne sbattono!!!!!

Oraculus

Gio, 07/12/2017 - 16:47

Avesse 40/50anni potrei ben capire la severita' del magistrato...Dell'Utri non ha ucciso nessuno...e svestito politicamente e' quindi senza piu' nessun potere per esercitarlo , a questo magistrato che gli nega un sollievo di pena (anche per la sua eta')...questa severita' e' inadeguata su Dell'Utri , direi quasi indicativa di non mentalmente adatto allo scopo di saper giudicare...

Ritratto di hardcock

hardcock

Gio, 07/12/2017 - 16:49

occorrono altre prove per capire che i comunisti gli avversari politici li uccidono? Avete ancora poco tempo per ribellarvi ed impiccare tutti i comunisti se volete salvare la terra dei vostri figli. Mao Li Ce Linyi Shandong China

VittorioMar

Gio, 07/12/2017 - 16:51

..NESSUN GIUDICE ITALIANO POTRA' EMETTERE UNA SENTENZA "CORAGGIOSA" PER DELL'UTRI ,ANCHE VOLENDO...!!

Mobius

Gio, 07/12/2017 - 16:56

Quando il sadismo può ammantarsi di presunto senso della giustizia, raggiunge vette sublimi.

nerinaneri

Gio, 07/12/2017 - 17:22

...e matacena invece è al mare, pensa un po'...

Ritratto di CADAQUES

CADAQUES

Gio, 07/12/2017 - 17:28

Caro Dell´Utri ... dicci di che tipo é il tuo mal di pancia? ... Sono cosi aridi nell´informarci dei tuoi mali in questo giornale

Mr Blonde

Gio, 07/12/2017 - 17:34

Il "caso" dell'utri ricorda un pò il caso corona, sicuramente c'è un trattamento che non ravvisiamo nei confronti di altri detenuti, e ciò a prescindere dalla mia (mi spingerei anche a dire vostra) ignoranza su aspetti processuali o anche medici del caso. Il problema però non è, al contrario di quanti lo invocano a gran voce, un necessario e riparatore "liberi tutti", quanto il fatto che altri delinquenti anche papà di illustri politici dovrebbero subire lo stesso trattamento

Ritratto di riflessiva

riflessiva

Gio, 07/12/2017 - 17:35

Poverino. Ma potrebbe fargli compagnia il suo compagno di merende. Poi perché con Totò Riina scrivevate e commentavate esattamente il contrario? Evidentemente per voi c'è il mafioso nemico e il mafioso amico. E' curato sin troppo bene in carcere.

rossini

Gio, 07/12/2017 - 17:52

E invece a Adriano Sofri, condannato a 22 anni di galera per l’omicidio di un servitore dello Stato come il Commissario Calabresi, nel 2005, dopo appena sette anni dalla condanna definitiva, fu concessa la sospensione della pena per motivi di salute e poi nel 2006, una volta terminata la convalescenza, furono elargiti gli arresti domiciliari. Il tutto secondo l’aureo principio dei nostri Magistrati in forza del quale ai nemici le leggi si applicano, per gli amici si interpretano.

kallen1

Gio, 07/12/2017 - 18:11

Questi magistrati fanno fare all'Italia una figura di m..... e non pagano MAI di persona.

Ritratto di CADAQUES

CADAQUES

Gio, 07/12/2017 - 18:15

la giustizia italiana é un apparato che sempre ha seminato violenza e massacri sul paese ... Forse questo servirá a riformare un mostro di marciume che nessuno ha il coraggio di toccare ... ma non ci credo, gli italiani sono sempre piú vigliacchi

rokko

Gio, 07/12/2017 - 18:15

E quindi ? Riina si è fatto carcere praticamene fino alla morte, perchè Dell'Utri dovrebbe uscire ?

Anonimo (non verificato)

rokko

Gio, 07/12/2017 - 18:21

rossini, Sofri si è fatto 15 anni di detenzione, non sette. Ebbe i domiciliari per motivi di salute, ma Dell'Utri non ha chiesto i domiciliari, bensì la sospensione della pena, che evidentemente non possono dargli. In più, ricordiamoci che per Dell'Utri esiste il pericolo di fuga, visto che era latitante quando l'hanno recuperato a Beirut.

rokko

Gio, 07/12/2017 - 18:22

Mr Blonde sono d'accordo con lei.

Ritratto di Il corvo

Il corvo

Gio, 07/12/2017 - 18:30

Penso che nelle carceri italiane ci sia piu di un detenuto nelle condizioni fisiche precarie come quelle di Dell'utri che continua a scontare la sua pena. ci si dovrebbe indignare per tutti e non per uno soltanto ancorché ex onorevole.

mzee3

Gio, 07/12/2017 - 18:37

Obbligo di idratazione e alimentazione come vogliono tutti quelli del centro destra. Voglio proprio vede e sentire cosa dicono!

Alessio2012

Gio, 07/12/2017 - 18:56

Condannato perché ha dato lavoro a una persona che poi ha cercato di ricattare lui e Berlusconi. Vi rendete conto? p.s. Mangano era un ricattatore, non un mafioso.

linino

Gio, 07/12/2017 - 18:58

Uno schifo per un paese che si definisce civile. Il pg dovrebbe vergognarsi.Si spera che i giudici che dovranno pronunciarsi abbiano un minimo di umanità e di senso della giustizia.

Ritratto di Tutankhamon

Tutankhamon

Gio, 07/12/2017 - 19:00

mzee3 - Gio, 07/12/2017 - 18:37, ha scitto: "Obbligo di idratazione e alimentazione come vogliono tutti quelli del centro destra. Voglio proprio vede e sentire cosa dicono!" ----- Oltre che nauseante lei è ignorante come una capra comunista (copyrigth Sgarbi). Con l'idratazione e l'alimentazione forzate non si curano nè le cardipoatie nè il cancro alla prostata.

Ritratto di Uchianghier

Uchianghier

Gio, 07/12/2017 - 19:02

Signor Dell'Utri dica ai magistrati che Berlusconi ha ammazzato Gesù Cristo con la lancia per rubargli la tunica. Certamente le crederanno e alla fine contenti potranno inquisire il Berlusconi per omicidio volontario.

unosolo

Gio, 07/12/2017 - 19:06

forse qualcuno ha paura . paura che uscendo abbia documenti che scottano ? come diceva l'Andreotti ? pensare male qualche volta ci si azzecca ! certo nonostante nella commissione medica c'erano persone non di parte dimostra che la paura esiste .,

forbot

Gio, 07/12/2017 - 19:11

Ai sig.ri giudici che hanno negato gli arresti domiciliari a Dell'Utri; chiedo, cortesemente, se si sentono perfettamente a posto con la loro coscienza e se la pena a lui comminata è uguale a quella che dovrebbe essere comminata a tutti quelli che commettono reati. Infatti, se la legge è uguale per tutti; anche le pene dovrebbero essere uguali! Lo sono? Hanno guardato bene in giro? Buio assoluto!

squalotigre

Gio, 07/12/2017 - 19:21

rokko -a Riina con una decisione inumana e contraria alla Costituzione Italiana quella a cui si appellano gentaglia come lei solo quando conviene, è stata negata la sospensione della pena perchè mi pare avesse 24 ergastoli. Dell'Utri oltre alla colpa gravissima per gli idioti come lei di essere cofondatore di F.I. è stato condannato per un reato inesistente, eventualmente commesso prima della legge farlocca e non tipicizzata, (nulla poena sine lege) a 7 anni. I medici della Procura hanno decretato la non compatibilità del regime carcerario, ma Paolina e altri bastardi ne sanno più dei medici e vogliono la loro libbra di carne. Bompressi, colpevole di omicidio, è stato graziato. Aspetto Mattarella ma ho dei dubbi.

squalotigre

Gio, 07/12/2017 - 19:27

giovanni PERINCIOLO - io ho fatto un giuramento e non potrei mai rifiutarmi di operare un magistrato, anche perchè non tutti sono come quelli che si sono pronunciati negativamente nei confronti di Dell'Utri. Il punto nodale è che questa vera e propria casta crede di essere un gradino(piccolo) sotto la Trinità anche perchè non risponde MAI dei loro atti né penalmente né civilmente. C'era stato un referendum almeno per quanto riguarda la responsabilità civile ed i nostri politici imbelli e cxxxxxi hanno prodotto una legge infame che prevede il dolo (il giudice sarebbe pazzo) e la negligenza gravissima accertata dai suoi colleghi. Incredibile.

Ritratto di Rosella Meneghini

Rosella Meneghini

Gio, 07/12/2017 - 19:44

Solo una ideologia marcia fino alle radici può paragonare Dell’Utri a Totò Riina. Per condannare Dell’Utri si sono dovuti inventare un reato che non esiste. Totò Riina ha sulla coscienza centinaia di vittime tra le quali gli indimenticabili magistrati Falcone e Borsellino con moglie per il primo e scorta per il secondo. Davanti a questi fatti anzi misfatti, mi chiedo con angoscia cosa lasciamo ai nostri figli e nipoti se,in un Paese che si dice civile, la Giustizia viene rivestita da carnefice come una meretrice abbruttita, uguale a quella rappresentata nell’Apocalisse, dopo che beceri magistrati l’hanno spogliata di ogni regola e senso di umanità.

Yossi0

Gio, 07/12/2017 - 19:59

Queste sono decisioni politiche e di questa giustizia credo che molti non sanno cosa farsene; sarebbe bastato che si dichiarasse rom per essere liberato.

Mannik

Gio, 07/12/2017 - 20:06

Rossini, Rossini... non deve essere piacevole fare la figura del fesso.

umbertoleoni

Gio, 07/12/2017 - 20:06

quindi fra questo regime e quello fascista, corre una differenza stratosferica: infatti gli oppositori accannati al fascismo, venivano mandati a villeggiare al mare (Pertini a Ventotene) mentre quelli a questo regime, vengono scaraventati semplicemente in cella, inventando all'uopo dei reati tragicomici come quello di CONCORSO ESTERNO IN ASSOCIAZIONE MAFIOSA, sulla falsariga del padre stalin che mandava a morte i presunti oppositori grazie a comici tribunali con "pratiche istruite" dal di lui figlioccio togliatti. Vero "pasionaria del cesso" (RIFLESSIVA) ?

franfran

Gio, 07/12/2017 - 21:22

Provi a salutare i giudici a pugno chiuso e braccio sinitro alzato. Domani mattina sarebbe un uomo libero!

Ritratto di Nahum

Nahum

Gio, 07/12/2017 - 21:59

Si devono leggere gli atti prima di giudicare ....

Marcello.508

Ven, 08/12/2017 - 01:01

PAOLINA2 - É stata la stessa commissione medica incaricata dal tribunale che ha dato quel responso, cioè incompatibilità delle condizioni di salute di Dell'Utri con la detenzione. Sia chiaro che non parteggio per Dell'Utri, ma le condizioni di umanità anche con chi sta pagando una pena definitivamente esecutiva non vanno trascurate. Anche il partito radicale dice che ci sono tante altre persone detenute che hanno malattie non compatibili con la detenzione e che vengono tenute dentro forzosamente. Sono impazziti anche iradicali? Qualcosa non funziona in questo sistema giudiziario. Se poi dovessi citarle le multe che la corte di giustizia ci fa anche per casi come questi, oltre che ritardi biblici nell'iter penale, ne esce fuori un quadro desolante della giustizia italiana.

Dordolio

Ven, 08/12/2017 - 06:48

L'incredibile di questa storia orrenda è il fatto che - se non sbaglio - Dell'Utri è stato condannato per "concorso esterno in associazione mafiosa". Ma che vuol dire? Che razza di reato è questo? O sei mafioso o non lo sei. Un reato assurdo. Che offre il modo per poter condannare in termini di totale discrezione ed assoluta vaghezza. Tra l'altro Dell'Utri è stato condannato facendo riferimento ad un periodo in cui il reato manco esisteva. Forza, un domani processeremo tutti questi giudici con l'accusa di essere "spie inglesi". Si fece così per condannare Beria. Un'accusa ovviamente assurda. Ma così vedranno - loro - che gusto si prova.

TONI-GARATTI

Ven, 08/12/2017 - 07:17

Quell'infame di rokko della razza caprones è talmente infame da raccontare falsità inenarrabili, quel vile assassino di sofri non ha mai fatto vera galera, poco tempo in una prigione a 4 stelle , da solo e con tutti i comfort, possibilità di lavorare per gli editori amici, poi i domiciliari poi la libertà credendo a scatola chiusa ai suoi medici, diciamo curanti.....infatti era così gravemente malato che tutt'oggi se la spassa alla faccia della cosidetta giustizia!!! la prima cosa di cui ci dovremmo occupare non sono i migranti , ma siatemare come meritano le troppe canaglie infami come il rokka che impestano l'Italia peggio dei ratti e le blatte!!

Pigi

Ven, 08/12/2017 - 07:36

Dopo il caso Contrada, chiunque non sia un hoolingan politico dovrebbe dubitare di come vengono applicate le leggi antimafia. Ormai è assodato: vengono applicate per incastrare chi non garba ai magistrati antimafia. In Sicilia, gli unici che non possono essere incastrati con il "concorso esterno" sono i clandestini africani appena sbarcati. Già se sono arrivati da un paio d'anni, hanno incontrato dei mafiosi, quindi possono essere incolpati di "concorso esterno". Per distruggere la mafia bisogna liberalizzare la droga, tutti lo sanno ma preferiscono continuare così: sono loro i colpevoli di "concorso esterno".

corivorivo

Ven, 08/12/2017 - 08:10

meglio Dell'Utri dentro e cesare battisti fuori...così ragiona la screditata categoria di giudici comunisti che ci governa.

squalotigre

Ven, 08/12/2017 - 10:19

rokko - secondo lei Riina è uguale a Dell'Utri? Riina aveva 24 ergastoli e tuttavia in una società civile viste le sue condizioni che infatti l'hanno condotto alla morte doveva essere scarcerato per ragioni umanitarie e di Costituzione Italiana. Dell'Utri è mafioso ma solo un pochino(secondo sentenza farlocca, condanna emanata senza che ci fosse una legge - nulla poena sine lege- che è stata emanata successivamente e che grida vendetta al cospetto del diritto e del buon senso). Per la stessa accusa la Corte Europea ha condannato l'Italia ed assolto Bruno Contrada. Esisteva la legge sul favoreggiamento, ma siccome presupponeva che fosse provato un reale aiuto da parte del condannato si sono inventati un appoggio esterno che fa ridere i polli che non è tipicizzato e quindi può essere attribuito a chiunque. Se io stringo la mano ad un mafioso, magari ad uno con il quale ho passato l'infanzia al mio paese, lo appoggio esternamente. Ma di che cosa parla? Siamo alla morte del diritto.

rokko

Sab, 09/12/2017 - 13:32

TONI-GARATTI venga venga, che mi occupo io di lei, stia tranquillo

rokko

Sab, 09/12/2017 - 13:41

Io continuo a non capire. Perché Dell'Utri non può curarsi in carcere ? Se tutti i delinquenti non appena vanno dentro dovessero uscire pwr motivi di salute, staremmo freschi.

squalotigre

Dom, 10/12/2017 - 13:19

rokko - che lei non capisca è normale; sarebbe eccezionale che lei capisse qualcosa in qualsiasi campo. Nessuno può ricevere cure adeguate per un tumore in galera, soprattutto se al tumore si aggiungono altre patologie gravi. In carcere non ci sono sale operatorie, non ci sono tc e RMN, non ci sono specialisti che possano monitorare costantemente una cardiopatia importante, non ci sono e non ci potrebbero essere cure intensive che sono talvolta insufficienti anche in alcuni nosocomi. Nella mia carriera ho fatto alcune consulenze in Carcere e sono stato chiamato dopo giorni che il malato ha fatto la domandina per ricevere una visita. Questo vale anche per un detenuto reoconfesso condannato per omicidio. Figuriamoci per una persona che subisce un processo indecente simile a quello che i tribunali speciali fascisti e comunisti riservavano agli oppositori.

rokko

Lun, 11/12/2017 - 22:06

suqalotigre, dell'utri faccia la domandina anche lui come qualsiasi altro delinquente anziché chiedere di essere scarcerato e non rompa. Magari chiamano lei così fra frignoni vi fate compagnia