Il Viminale accusa Mare Jonio: "Vuol portare clandestini in Italia"

Mediterranea riparte con la sua Mare Jonio. Ma il Viminale impone controlli più ferrei sulla condotta delle Ong

L'ultima direttiva del Viminale sulle Ong è "cucita addosso alla Mare Jonio di Luca Casarini". Matteo Salvini non lo nasconde e anzi lo rivendica. Il ministro intende "prevenire" le "attività illecite" di chi non si fa problemi ad annunciare l'intenzione di condurre attività che porterebbero a una "deliberata violazione delle normative" finalizzata al "preordinato trasferimento in Italia" dei clandestini.

L'atto di accusa, già ampiamente enucleato in dichiarazioni pubbliche, per la prima volta viene messo nero su bianco su carta intestata del Viminale. Una addebito chiaro, e deciso, delle attività "sistematiche di prelievo in mare di cittadini stranieri" da parte delle navi delle Ong (in generale) e di Mediterranea Saving Humans (in particolare).

L'associazione guidata da Luca Casarini, ora indagato insieme al comandante per favoreggiamento dell'immigrazione clandestina, è entrata recentemente in conflitto con la linea dei porti chiusi diramata da Salvini.

È vero: Mare Jonio batte bandiera italia, dunque non si può impedire il suo approdo nei porti nostrani. Ma il Viminale intende evitare che "imbarcazioni private" si muovano senza regole nel marasma di leggi e ordinamenti internazionali per "favorire l'ingresso illegale" di immigrati "sul territorio internazionale".

Nel farlo il ministro ripercorre le tappe dello sbarco contestato dello scorso marzo, quando la Mare Jonio, dopo aver recuperato migranti al largo della Libia, li portò in Italia nonostante il blocco imposto dal leghista. In quel caso la nave - si legge - "non ha ottemperato alle istruzioni di coordinamento SAR delle Autorità estere" competenti "in acque di responsabilità non italiana". Tradotto: ha recuperato i naufraghi senza attendere l'intervento della Marina libica. E soprattutto "ha richiesto l’assegnazione del porto di sbarco" all'Italia "in maniera strumentale, dirigendo la navigazione in via preordinata deliberatamente verso le coste italiane anche in assenza di ogni autorizzazione". Non solo. Perché il comandante della nave era "consapevole" che per legge "non sussistevano" i "presupposti di diritto e di fatto per investire le Autorità italiane".

La domanda dunque sorge spontanea: perché far rotta sul Belpaese anche se non spettava a Roma farsi carico degli immigrati? Mistero. Ma visto che Mediterranea Saving Humans sembra intenzionata a "condurre una nuova analoga attività", il Viminale intende farsi trovare preparato. Così ha emanato la direttiva.

Da oggi la Polizia, l'Arma, la Marina e le Capitanerie di Porto dovranno "vigilare" affinché il comandante e la proprietà della Mare Jonio si attengano "alle vigenti normative nazionali ed internazionali in materia di coordinamento delle attività di soccorso in mare" e rispettino l'"idoneità tecnica dei mezzi impiegati per la citata attività". Inoltre, Mediterranea (ripartita proprio oggi) dovrà "rispettare" le "prerogative di coordinamento" della Libia nelle acque di sua competenze. E non dovrà reiterare "condotte in contrasto con la vigente normativa nazionale ed internazionale" o ignorare "le istruzioni di coordinamento" di Tripoli. Altrimenti sarà scontro frontale.

Commenti

Drprocton

Mar, 16/04/2019 - 16:14

Bene così. In Italia da molti anni ci si è abituati a farsi le leggi ad uso e consumo proprio. Lo Stato deve tornare a fare lo Stato e i cittadini a rispettare le leggi dello Stato, ivi compresi gli Orlando, i de Magistris con la sua flotta napoletana, i casarini, i centri sociali e tutti i sinistri e amici dei sinistri.

mozzafiato

Mar, 16/04/2019 - 16:22

DAVVERO ESILARANTE QUELLO CHE ACCADE NELLA DEMOCRAZIA PIU' AVANZATA DELLA TERRA ! La democrazia dove una armata di dementi grugnisce contro il fascismo a favore "di questo tipo di immonda liberta'". Una democrazia dove uno squallido pregiudicato puo' permettersi di operare CONTRO LO STATO, protetto da chi dovrebbe amministrare la giustizia a difesa dello Stato medesimo! E questa sarebbe la democrazia ? Lasciare che i mascalzoni delinquano a loro piacimento e apertamente contro la legge apprestandosi ANCORA SOTTO INQUISIZIONE A REITERARE IL REATO, SENZA CE LA GIUSTIZIA MUOVA UNA PENNA... ANZI PERMETTENDO CHE LA GIUSTIZIA MEDESIMA, INDAGHI LE ISTITUZIONI PIU' ALTE DELLO STATO REE DI AVER APPLICATO LA LEGGE IN DIFESA DEGLI INTERESSI E DELLA SICUREZZA DELLA NAZIONE !!Evviva LA DEMOCRAZIA ITALIANA ! Grazie togliatti per avercela donata !

albertosilvano

Mar, 16/04/2019 - 16:25

Ma quale scontro frontale ! Dovranno pur esserci delle sanzioni in caso di non ottemperanza alle disposizioni! Siamo uno stato sovrano e di diritto, oppure una repubblica delle banane ? Cosa dicono i signori giudici ? Prenderanno provvedimenti, o tutto finirà a tarallucci e vino ( ovviamente solo per quel........Casarini ) ? Speriamo. albertosilvano

brasello

Mar, 16/04/2019 - 16:50

Alla Acquarius 2 (che batteva bandiera panamense) è stata tolta la bandiera, ciè è stata cancellata dai registri di quella nazione. L'Italia non può fare altrettanto con la MAre Jonio?

Reip

Mar, 16/04/2019 - 16:54

Piu’ che incastrare, dovrebbero sequestrare la nave e arrestare il comandante! Senza dimenticarsi dell’armatore!

carpa1

Mar, 16/04/2019 - 17:10

"....Inoltre, Mediterranea (ripartita proprio oggi) dovrà "rispettare" le "prerogative di coordinamento" della Libia nelle acque di sua competenze. E non dovrà reiterare "condotte in contrasto con la vigente normativa nazionale ed internazionale" o ignorare "le istruzioni di coordinamento" di Tripoli. Altrimenti sarà scontro frontale...." Sarebbe stato meglio terminare con un bel "...ALTRIMENTI, DOPO UN COLPO DI AVVERTIMENTO, VERRA' SIURATA."

Ritratto di Marcello.508

Marcello.508

Mar, 16/04/2019 - 18:14

Chissà che stavolta la marina libica non usi metodi più persuasivi con questa ong nella sar di competenza/nelle proprie acque territoriali.

Ritratto di pumpernickel

pumpernickel

Mar, 16/04/2019 - 18:50

Spero che Sarraj non utilizzi tutte le munizioni contro Haftar, ma avanzi qualche proiettile di grosso calibro per centrare la Mare Jonio ;-)

sparviero51

Mar, 16/04/2019 - 19:13

PAESE ALLO SBANDO !!!

Ritratto di Flex

Flex

Mar, 16/04/2019 - 19:14

Ma i magistrati spero indagheranno per favoreggiamento all'immigrazione clandestina.

Ritratto di navigatore

navigatore

Mar, 16/04/2019 - 19:34

certo che ai tempi dell' impero romano , non si andava troppo per il sottile, ma la storia insegna..... tutto ha un limite

Ritratto di Zagovian

Zagovian

Mar, 16/04/2019 - 19:52

@brasello 16:50....Eeeh!Non siamo a Panama,..in Italia occorre rispettare la "legalità",e per "legalità" si intende i "diritti" di chi "offende"!

Ritratto di mau.ge61

mau.ge61

Mar, 16/04/2019 - 19:55

bisogna incominciare a far vedere i cannoni puntati contro codeste navi poi vediamo cosa succede ne basta far cantare uno di essin,cosi gli altri si regolano,ed altri ci pensano 10volte prima di partire

Ritratto di mau.ge61

mau.ge61

Mar, 16/04/2019 - 19:55

bisogna incominciare a far vedere i cannoni puntati contro codeste navi poi vediamo cosa succede ne basta far cantare uno di essi,cosi gli altri si regolano,ed altri ci pensano 10 volte prima di partire

giancristi

Mar, 16/04/2019 - 20:00

Casarini e il comandante della nave devono essere sbattuti in galera per evitare la reiterazione del reato. Questi hanno sottratto i "migranti" alla Guardia Costiera Libica nella zona di sua competenza: atto contrario alle leggi internazionali. Si spera che alle prossime elezioni i piddini vengano azzerati: così cesseranno i piagnistei sui "profughi". Per i cattocomunisti sono una fonte di Lucro!

Ritratto di Marcello.508

Marcello.508

Mar, 16/04/2019 - 20:05

La chiosa dell'articolo è del tutto accettabile e deve essere rispettata e fatta rispettare ai signori delle "ong". Alla Jonio si può e si deve togliere la bandiera se non ottempera a disposizioni in aree di mare in cui non hanno alcuna competenza.

19gig50

Mar, 16/04/2019 - 20:17

Fino a che non ne affondano qualcuna continueranno a rompere le palle.

Silpar

Mar, 16/04/2019 - 20:22

ma i clandestini che partono dalla Libia e attraversano il mare, rischianola vita, perche' non si dirigono verso i confini di Egitto Tunisia e Algeria? non devono neanche pagare gli scafisti!!! allora e' tutto organizzato per invaderci!!!

Ritratto di Friulano.doc

Friulano.doc

Mar, 16/04/2019 - 21:16

Bisogna cominciare a non parlare più di migranti. Abbiamo tanti problemi che per la solidarietà, l’accoglienza, le Coop, le ong, canasarini, piddini, cattocomunisti, vescovacci vari, non vi è più spazio. Il problema va sradicato dai problemi. Chiusura dei confini, fuori da Shenghen e basta. Non può essere che sto argomento tenga banco quasi fosse un problema Italiano. Non possiamo aiutarli. Stop. Anche quelli che sono arrivati, se ne vadano. È un delitto non voler essere solidali? No! E allora... rausss!

sergio_mig

Mar, 16/04/2019 - 21:25

Mare Jonio è in attesa di imbarcare i migranti davanti alle coste libiche, se questo non è favoreggiamento allimmigrazione clandestina che cose? Qui i reati che commettono sono palesi e la magistratura dorme?

Ritratto di Menono Incariola

Menono Incariola

Mar, 16/04/2019 - 22:14

Per me non si rendono conto di quanto le loro azioni facciano imbestialire quanti non vogliono altri immigrati in casa, giusto al ridosso delle votazioni. ATTENZIONE AI BROGLI ELETTORALI, e' l'unica possibilita' che hanno per non uscirne con le OSSA SBRICIOLATE.

Ritratto di Menono Incariola

Menono Incariola

Mar, 16/04/2019 - 22:20

Non serve un calibro particolarmente grosso per una bagnarola come quella. Probabilmente basta anche un RPG in sala macchine... Mah... Speriamo che SPENGANO IL TRANSPONDER...