Terremoto a Radio 105: chiude lo Zoo

Terremoto a Radio 105. Mazzoli sbrocca in diretta: "È venuto a mancare il sorriso ed è giunto il momento di chiuderla qui". Ma quanto c'è di vero?

È solo l'ultima trovata per far parlare di sé oppure stiamo assistendo alla fine di un'era? Difficile dirlo. Per avere qualche certezza in più dobbiamo aspettare qualche giorno. Nel frattempo i fan di Marco Mazzoli e della banda di disperati sono in trepidazione. Radio 105 non trasmette più lo Zoo più pazzo d'Italia. Di più. Stando alle voci di corridoio, la trasmissione radiofonica più ascoltata avrebbe definitivamente chiouso i battenti.

"Mi sento tradito di quella fiducia che pensavo di essermi meritato in questi 15 fottuti anni. Io non voglio che lo Zoo di 105 diventi questo, lo Zoo è stato e sempre sarà il sorriso ebete stampato sulla faccia. Mai lo sguardo incazzato di chi ha solo rabbia nel cuore. Lo Zoo non è questo. È venuto a mancare il sorriso ed è giunto il momento di chiuderla qui, adesso. Imbrigliato nelle sue contraddizioni e nei suoi sbagli. E adesso ascoltatevi quello che ha da proporre l’intera radiofonia italiana". Le parole di Mazzoli pronunciate ieri hanno colpito tutti i fan che adesso si stanno chiedendo cosa ne sarà dello Zoo. Chiuso per sempre? Per il momento sì. Oggi, nella fascia oraria che va dalle 14 alle 16, on air c'erano Paolino e Martin. Niente incursioni di Maccio Capatonda e della sua banda.

La dinamica della chiusura è confuse. Da Radio 105 non filtrano voci. Né sono state pubblicate note ufficiali. La linea, pertanto, è attendista. Uno screeshot da cellulare mostra il messaggio di Leone di Lernia in cui assicura il ritorno dello Zoo di 105. La stessa rassicurazione serpeggia anche sulla pagina Facebook gestita dai fan. Cosa ci sia dietro alla tirata di Mazzoli, però, qualche sospetto potrebbe essere azzardato. Secondo alcuni blogger, da tempo erano sorte frizioni sia all'interno della squadra sia tra gli ascoltatori che aveva storto il naso dopo che Mazzoli aveva riaccolto Paolo Noise nonostante il "tradimento" per Radio Deejay. Un ritorno che, secondo indiscrezioni, avrebbe compromesso Gibba, altra voce storica del programma. Quanto ci sia di vero, però, è difficile dirlo. Non è certo la prima volta che Mazzoli minaccia di far saltare la trasmissione. E, forse, non sarà nemmeno l'ultima.

Commenti

Dante Cruciani

Gio, 25/09/2014 - 12:59

Bene, un primo segnale che il mondo si evolve in positivo. Marco Mazzoli è stato lo specchio della mediocrità mediale degli ultimi quindi anni. Ha guadagno bene in anni di crisi, inebetendo le coscienze nella la presunzione di svegliarle. Se avesse avuto il coraggio di adoperarsi per smascherare i clan culturali della sinistra oggi verrebbe ricordato per qualcosa di diverso da un'aggressività espressiva del tutto melliflua e volgare. Ha vinto anche Linus, chiudendo Asganaway.