Agli studenti italiani il record di ore in aula

Intanto arrivano i dati dell’Ocse che fotografano la scuola italiana. E c’è una sorpresa: nonostante grida d’allarme e polemiche, il numero di alunni per classe rimane diffusamente basso rispetto alla media europea. L’analisi relativa all’anno scolastico 2007/08 fa emergere un quadro abbastanza chiaro: nella scuola primaria statale il numero di studenti è di 18,4 contro il 21,4 della media europea; mentre nella scuola secondaria di primo grado le classi sono composte da circa 20 studenti contro i 23,4 dell’area Ocse. Numeri che non colgono di sorpresa il ministro dell’Istruzione, Mariastella Gelmini: «I dati evidenziano alcune criticità del sistema scolastico italiano che ho più volte segnalato».
E il ministro non si stupisce nemmeno quando l’Ocse mette il nostro Paese al secondo posto nella classifica relativa al numero di ore che gli alunni passano sui banchi di scuola. Secondo le rilevazioni, in tutti i cicli scolastici i nostri studenti, tra i 7 e i 14 anni, rimangono in classe più di 8000 ore l’anno, circa 1200 ore in più rispetto alla media europea (6862). Ma su questi numeri la Gelmini puntualizza: «Non sempre la qualità della scuola è legata alla quantità delle ore di lezione e alla quantità delle risorse investite».
Piuttosto, i dati rappresenterebbero secondo il Miur (ministero Istruzione università e ricerca) un segno della necessità di adottare una riforma incentrata su un’offerta informativa di qualità ma numericamente ridotta. E a proposito di qualità, secondo l’Ocse, i nostri ragazzi riceverebbero più contenuti nelle lingue straniere (16%) rispetto alla media Ocse (13%). Non sarà tanto ma almeno è una bella notizia.

Commenti

Grazie per il tuo commento