Maestra muore per la meningite Profilassi per gli alunni a Roma

Una maestra della "cesare Battisti" di Roma alla Garbatella è deceduta il giorno di Santo Stefano al policlinico Gemelli a causa della meningite

È morta in 24 ore per la meningite. E adesso trema un'intera scuola. Una maestra della "cesare Battisti" di Roma alla Garbatella è deceduta il giorno di Santo Stefano al policlinico Gemelli dopo un immediato ricovero per i sintomi della meningite. Aveva 52 anni, insegnate di matematica da 30, era una donna conosciuta nel quartiere. L'ultimo contatto con gli studenti è stato il 22 dicembre. E adesso la possibilità che abbia potuto contagiare un alunno è abbastanza alta. E così dopo la morte dell'insegnante è subito scattato l'allarme tra i genitori. I genitori degli alunni, come riporta il Corriere, avevano ricevuto una mail dalla scuola con l’invito a sottoporre i figli alla profilassi antibiotica contro la meningite meningococcica. "Il nostro servizio in data 27-12-16 alle ore 15,15 venuto a conoscenza di un caso di Meningite Batterica di n.d.d. relativo alla docente della Scuola Primaria Cesare Battisti di Roma ricoverata il 25-12-16 all’Osp. S. Giovanni di Roma e trasferita il 25-12-16 al Policlinico Gemelli di Roma, dove è deceduta il 26- 12-16.

Presi contatti telefonici con i rispettivi Laborat. di Microbiologia dei suddetti ospedali, è stata consigliata la profilassi antibiotica indicata per la Meningite Meningococcica, già praticata dal personale sanitario e dai familiari della paziente". La mail si conclude così: "Si raccomanda previo consulto con il medico curante o pediatra, l’assunzione per gli adulti, che abbiano avuto contatti stretti in un luogo chiuso per più ore al giorno con la professoressa, di una cpr di Ciprofloxacina 500 mg. e l’assunzione di Rifampicina 600 mg. 1 cpr due volte al dì per due giorni per gli alunni della classe, ove insegnava la suddetta docente". Intanto all'Agi, il prfessor Gianni Rezza, direttore del dipartimento malattie infettive dell'Istituto Superiore di Sanità afferma: "L’allarme non è giustificato in quanto probabilmente non si tratta di meningite da meningococco, per cui non sussiste il rischio di contagio".

Commenti

Lotus49

Mer, 28/12/2016 - 08:37

Sulle prime pagine di tutti i giornali campeggiano notizie sui temi più vari, banche e cotechini ma stranamente manca la meningite. Ci hanno terrorizzato con l'Ebola, l'aviaria, la suina, Zika e non so cos'altro, che avranno fatto al massimo due o tre morti fra gli operatori sanitari in paesi lontani, ma tacciono su un'epidemia che in Italia, in un batter d'occhio, ha fatto una decina di morti e tende a peggiorare. Perché tacciono?

Ritratto di acroby

acroby

Mer, 28/12/2016 - 09:50

 La più alta incidenza di malattia si ha nella cosiddetta “cintura (o fascia) della meningite” dell’Africa sub sahariana. Il meningococco è iperendemica in questa regione e vi sono epidemie stagionali durante la stagione secca (dicembre-giugno) che possono raggiungere anche i 1000 casi per 100.000 abitanti. Quanti ne abbiamo importati in Italia di possibili untori?

Ritratto di Memphis35

Memphis35

Mer, 28/12/2016 - 10:30

#Lotus49 - 08:37 Esiste, nelle aree subsahariane, una striscia di territorio nota agli infettivologi coll'appellativo di "Meningitis belt" (Trad. Cintura della meningite). Se , ora, sei bravo in matematica non ti resta che fare 2+2...

Ritratto di emmepi1

emmepi1

Mer, 28/12/2016 - 10:57

@Lotus49 forse i giornali tacciono semplicemente perchè dall'alto avranno ricevuto istruzioni di non rivelare come possa esserci una relazione tra il diffondersi a macchia di leopardo di questo virus con l'arrivo (senza un minimo ma minimissimo controllo) di immigrati . siamo solo informati di qualche caso di scabbia e tubercolosi, che erano malattie da noi già debellate e comunque meno invasive e letali della meningite fulminante. è legittimo il mio dubbio? in ogni caso grazie pidioti nemici degli Italiani.

Ritratto di Memphis35

Memphis35

Mer, 28/12/2016 - 10:57

#Lotus49- 08:37 Nelle aree subsahariane esiste una fascia territoriale nota agli infettivologi con l'appellativo di "Meningitis belt" (Cintura della meningite). Non resta, per le persone dotate di capacità matematiche, che fare 2+2... Voilà pourquoi!

Raoul Pontalti

Mer, 28/12/2016 - 12:58

Confratello mio Menabellenius già alle elementari ci insegnarono che due pecore più due pecore fanno quattro pecore, ma due pecore più due capre restano sempre due pecore e due capre (all'università invece ci dissero che nel caso saremmo stati comunque al cospetto di quattro ovicaprini...). I meningococchi in causa in Italia, così come in Europa, appartengono ai sierotipi B e C mentre quelli della Meningitis Belt subsahariana sono prevalentemente di tipo A e X (in America prevalgono W135 e Y). Di più: in Toscana i casi letali più recenti sono dovuti al sierotipo C (meno frequente del B) e sono state trovate correlazioni genetiche tra i meningococchi di focolai diversi, mentre nessuna correlazione è stata trovata con meningococchi esotici. Sarebbe inoltre opportuno prima di proclamare certe ipotesi consultare in merito il sito dell'Istituto Superiore di Sanità.

pastello

Mer, 28/12/2016 - 13:26

I cattocomunisti tacciono

adolhi1889

Mer, 28/12/2016 - 13:39

@Lotus49 Tacciono su questo ed altro. Un po di tempo fa è uscito uno studio dell'Universitò di Cambridge in Inghilterra, dal quale risulta che i più grandi portatori sani di queste malattie, sono gli animali domestici. In particolare la saliva dei cani è piena zeppa di virus e batteri letali per l'Uomo: Meningiti fulminanti, epatiti fulminanti, polmoniti fulminanti ecc. La notizia in Italia è stata totalmente censurata per via della potente lobby animalista che con la gestione degli animali fa affari.

Ritratto di Raperonzolo Giallo

Raperonzolo Giallo

Mer, 28/12/2016 - 13:50

Mi raccomando non si dica che la meningite la portano i migranti! Rassisti, non vi permettete, dalla savana e dalla giungla arrivano solo ricchezza e grande cultura. Avanti coi barconi, presto.

emigrante

Mer, 28/12/2016 - 13:55

Giusto per la precisione, rivolto a qualche Commentatore: il Meningococco non è un Virus, ma un Batterio.

ziobeppe1951

Mer, 28/12/2016 - 16:34

Pontalti..12.58...non ripetere la solita filastrocca facendo come Saviano il copia-incolla

FREEDOMACT

Gio, 29/12/2016 - 19:33

http://freedomact.altervista.org/spremersi-le-meningi-non-serve/