Napoli, una donna è stata colpita da un proiettile nel centro storico

Una serie di colpi calibro 9 sono stati esplosi nel cuore del centro storico a Forcella, uno di questi ha raggiunto una donna affacciata al balcone ferendola e costringendola ad accasciarsi

La donna si trovava affacciata sul suo balcone di Forcella, nel centro storico di Napoli quando un proiettile vagante l'ha raggiunta costringendola ad accasciarsi

È avvenuto sulla strada Vicaria Vecchia e la memoria non fa che tornare a 14 anni fa, quando in un agguato di camorra sulla stessa strada venne uccisa Annalisa Durante (14 anni). Stando alle ricostruzioni fu utilizzata come scudo umano durante una sparatoria. In quel caso fu una tragedia che scosse profondamente il napoletano.

La donna, 51 anni, vive a Forcella e nella serata di ieri si trovava affacciata al balcone di casa quando è stata raggiunta da un proiettile vagante esploso dalla strada. Un raid armato in città, proprio su quella strada dove già scorre il sangue di una ragazzina di appena 14 anni. Annamaria Celentano è stata soccorsa dai medici del 118 e trasportata in ospedale dove è stata dichiarata fuori pericolo. Un dramma che ha sfiorato la tragedia.

Gli agenti del Commissariato Vasto Vicaria, insieme alla polizia scientifica e alle volanti dell'ufficio prevenzioni dovranno fare luce sull'accaduto. È scattata una vera e propria caccia all'uomo che, stando a quanto ricostruito, avrebbe esploso alcuni colpi di arma da fuoco (una calibro 9) dalla strada Vicaria Vecchia verso il cielo. Uno di questi proiettili ha colpito la donna costringendola ad accasciarsi. Sono stati immediati i soccorsi e il successivo trasporto verso l'ospedale di Loreto Mare. Stando a quanto riportato da IlMattino gli investigatori non escludono alcuna pista, neanche un possibile coinvolgimento trasversale della Celentano. Si cerca di capire se la donna sia in qualche modo coinvolta con le organizzazioni criminali che sono a Napoli e per quale motivo quel colpo abbia colpito proprio lei.

Nonostante le indagini che faranno luce sugli avvenimenti, questo episodio ricorda che le nostre città sono spesso prese d'assedio da bande di criminalità organizzata. La dinamica ricorda un po' quella di Bari dell'anno scorso, dove una donna fu utilizzata come scudo umano durante una sparatoria in pieno centro.

Commenti
Ritratto di aorlansky60

aorlansky60

Mar, 04/09/2018 - 11:21

Trattandosi di Napoli, è del tutto normale sentire fischiare proiettili vaganti in ore diurne...

Ritratto di mbferno

mbferno

Mar, 04/09/2018 - 11:30

Succede in una città come Napule, dove si spara più che in Iraq e per futili motivi. De Magistris che dice?