Scuola, trasferiti al Nord: docenti in protesta a Napoli e Palermo

In centinaia contro i trasferimenti. Precari superati da chi ha punteggi più bassi

La "Buona Scuola" con loro è stata tutto fuorché buona. Li costringerà a preparare i bagagli per andare a lavorare a centinaia di chilometri da casa, nonostante da anni abbiano chiesto un avvicinamento, nonostante abbiano punteggi alti in graduatoria. Per questo oggi centinaia di docenti hanno protestato a Palermo e a Napoli, dove la manifestazione è degenerata in scontri con la polizia. In Sicilia invece la protesta, organizzata davanti alla sede del Provveditorato, è stata pacifica.

Ieri mattina il ministero dell'Istruzione aveva comunicato i trasferimenti dei docenti delle scuole medie: insegnanti con punteggi bassi sono stati trasferiti nelle sedi vicine a casa, mentre molti precari di lungo corso con punteggi alti sono stati allontanati dalle città di origine. "Nessun errore", hanno fatto sapere dal Miur. La legge ribattezzata "Buona Scuola" in effetti prevede un meccanismo per il quale i docenti assunti dalle graduatorie dell'ultimo concorso possano essere trasferiti nella stessa regione dove si è svolto il concorso - che con ogni probabilità è la regione di origine - dando loro la priorità persino sui precari storici. Questi ultimi, assunti da graduatorie ad esaurimento precedenti a quella dell'ultimo concorso, si vedono quindi superati da insegnanti con punteggi più bassi.

Il 29 luglio erano stati comunicati i trasferimenti della scuola primaria e la situazione era stata la stessa. I sindacati hanno fornito numeri dettagliati sulla situazione dei docenti delle primarie, per i quali si preannuncia un vero e proprio esodo dal Sud al Nord. Su 25mila docenti trasferiti, 20mila sono meridionali. La metà di loro dovrà prendere servizio in una scuola settentrionale. I sindacati parlano di "flop" del computer del Miur che ha deciso tutti i trasferimenti. Un "flop" doloroso per migliaia di docenti.

Commenti

VittorioMar

Gio, 04/08/2016 - 17:23

....dopo i militari e le maestranze, adesso tocca agli insegnanti trasferirsi dal Sud al Nord!!

giovauriem

Gio, 04/08/2016 - 17:41

più che buona scuola , si tratta di buona pappa .

amledi

Gio, 04/08/2016 - 19:10

Un casino così grosso nella scuola non si è mai visto prima. La Gelmini in confronto è stata una santa:

leserin

Gio, 04/08/2016 - 19:39

Concorsi su base regionale e buona parte del problema si risolve da solo.

Ritratto di Omar El Mukhtar

Omar El Mukhtar

Gio, 04/08/2016 - 20:43

leserin: o poi come fanno gli ignorantoni del Nord? In quelle regioni sono incapaci di prodursi gli insegnanti di cui hanno bisogno i loro figli. E la rapina della cultura meridionale continua!

meloni.bruno@ya...

Gio, 04/08/2016 - 20:45

Sono baciati dalla fortuna,e protestano pure,avranno modo di misurarsi in un nuovo ambiente diverso da quello abitudinale,scopriranno molte cose positive rispetto a quelle già vissute!

Ritratto di mbferno

mbferno

Gio, 04/08/2016 - 21:35

Intravedo in questa decisione la politica di mandare i migliori docenti al nord mentre i peggiori (magari sfaticati fankazzisti) rimangano pure al sud....secondo me c'è lo zampino della lega.....

Ritratto di mbferno

mbferno

Gio, 04/08/2016 - 21:37

Benvenuti al nord.

cgf

Gio, 04/08/2016 - 21:47

è la parte negativa di lavorare per una 'azienda' che ha 'filiali' in tutto il Paese. Non sei stato/a chiamato/a, hai voluto partecipare tu, avresti dovuto immaginare che prima o poi la pacchia sarebbe finita.

roberto zanella

Ven, 05/08/2016 - 01:41

cari amici de Il Giornale cercate di non difenderli , certo che è una pacchia uscire dalla scuola e andare afarsi caxxi loro dal parrucchiere o andare a casa farsi un panino che intanto nessuno controlla...posto pubblico nel "paeselo che è tanto belo "...son solo quelli del nord che si fanno il mazzo..dove sta scritto che gli insegnanti meridionale devono satre al sud ? La DC lo diceva ma i tempi sono cambiati , se non si vuolevenire al nord si lasci la scuola e chi la scia si vede che era un passatempo da fancazisti per portare a casa il secondo stipendio e farsi tre mesi al mare sull'uscio di casa , adesso galoppate democristiani ecomunisti del cacchio

roberto zanella

Ven, 05/08/2016 - 01:44

..tutti al nord a imparare l'italiano e far vedere se sanno che Varese non è nel Canton Ticino...e che l'Italia non finisce al Volturno....

cgf

Ven, 05/08/2016 - 02:27

@mbferno io invece ci vedo la volontà di 'sfiaccare' le persone affinché rinuncino all'incarico ed ovviamente allo stipendio. + di 1 grossa società italiana/estera ha adottato sistemi analoghi per sfoltire il personale, nessuno licenzia nessuno però domani il lavoro è da svolgere.. xcento km più in la, se vuoi trasferirti bene, dimostri anche che ci tieni, altrimenti.. Come sarebbe bello delocalizzare i ministeri. in Italia abbiamo troppi dipendenti pubblici e soprattutto dislocati malissimo sul territorio. Lo avesse fatto SB avremmo sciopero ad oltranza, ma se lo renzie...no

starigospod

Ven, 05/08/2016 - 07:11

Ma secondo i sindacati, visto che al Sud tutte le cattedre somo piene, per istituire nuove cattedre non si potrebbero far trasferire gli studenti della valle dì Aosta, provincie di Bolzano, Sondrio, Belluno e dell' area della Carnia al Sud in modo di far restare i professori a casa?

Ritratto di tomari

tomari

Ven, 05/08/2016 - 07:31

x omar la mucca: Ignorantoni del nord? Infatti, le più grandi scoperte le hanno fatte proprio gli IGNORANTONI del NORD! Informati prima di dire le tue solite CxxxxxE.

cianciano

Ven, 05/08/2016 - 08:27

omar el..Tanto per farti capire io ho avuto due insegnanti del sud che più ignoranti non potevano essere addirittura uno dei due chiedeva di continuo a noi alunni la soluzione dei problemi...sappiamo come prendono la laurea in quelle zone. Poi se non vogliono trasferirsi nessun problema....si cambia mestiere... et voilà

chebarba

Ven, 05/08/2016 - 16:16

i politi che abbiamo ce li regalano le teste di tomari e cianciano, ancora con nord e sud ... nord che per loro è solo la triste lombardia, triste triste discorso a tratti c infiliamo l'insulto per l'islamico. intelligenti bravi o ignoranti fancazzisti loi trovi a nord e a sud, prego poi elencare le grandi scoperte del nord, popolazione del "nord" ormai da 80 anni costituita in maggioranza da "gente" direi italiani nati a sud.

chebarba

Ven, 05/08/2016 - 16:17

La polemica odierna è che non si chiede a giovani di 20-30 anni il tresferimento, ma a persone mature, con famiglie già radicate ma, soprattutto,con un curricilum che gli darebbe la precedenza nella scelta che invece viena concessa a primi nominati .... l'ingiustizia è tutta lì