La profezia di Davide Erba: "Non credete al crollo cinese, cresceranno più di Usa e Ue"

L'imprenditore e blogger del Giornale.it Davide Erba si scaglia contro gli economisti mainstream: "Dicono che è scoppiata una bolla sui mercati cinesi solo per mascherare i fallimenti di noi occidentali..."

La Cina è vicina, recitava il titolo di un libro bello e dimenticato scritto nel 1957 da Enrico Emmanuelli: uno sguardo profondo in una realtà, quella della Cina di Mao, ancora in larga parte sconosciuta al pubblico italiano. Sono passati quasi sessant'anni, eppure in Italia si parla di Cina sapendone molto poco, soprattutto quando si tratta di economia: questo è il pensiero di Davide Erba, imprenditore esperto di Cina e blogger del ilGiornale.it. Che, esasperato, da un ritratto stereotipato che da settimana la stampa offre dell'economia e della finanza cinesi vuole sfatare alcuni dei miti più diffusi sul tema.

Erba, cosa sta succedendo all'economia cinese? Che trattamento, cioè, sta ricevendo dagli analisti occidentali?

"Un trattamento ipocrita. I nostri analisti tentano di coprire il fallimento dell'Occidente grazie a previsioni funeste sull'economia cinese. Che invece continuerà a crescere."

Eppure abbiamo visto tutti le oscillazioni di borsa, per usare un eufemismo...

"In Cina c'è stato un fortissimo accesso da parte della popolazione al mercato azionario. Moltissime persone hanno acquistato titoli e di conseguenza, quando un mercato è così giovane, succedono delle cose tipiche della gioventù come l'instabilità. Il mercato cinese è stato definito il mercato scimmia, dopo l'orso e il toro (rispettivamente ribassista e rialzista, ndr)."

Ma si tratta di grandi investitori o di piccoli azionisti?

"Entrambi. Ci sono grossissimi investitori istituzionali, ma l'azionariato è diffuso tra la popolazione, perché il governo astutamente ha fatto sì che il piccolo investitore privato si avvicinasse al mercato. I cinesi adottano una politica economica, cosa che gli Stati in Europa non fanno più."

Perché questa decisione?

"Il Partito ha pensato: bene, la Cina si è sviluppata, è arrivata alla saturazione o quasi dell'export. Tutto è prodotto in Cina ormai: la bassa la media e in alcuni casi l'alta tecnologia. Fino ad oggi però il margine rimaneva in capo alle multinazionali: facciamo l'esempio di Foxconn che produce l'iPhone a 200 dollari e poi in realtà è Apple a fare il margine fino al prezzo utente finale. È questo ad aver penalizzato la Cina negli ultimi due anni. Fino ad ora andava bene semplicemente produrre e avere un margine limitato ed esportare. "

E ora?

"Ora il governo ha capito che per poter sostenere ulteriormente la crescita era necessario internazionalizzarsi, ma con organizzazioni proprie, scegliendo o la via organica o la via inorganica, quindi tramite acquisizioni. La via organica è stata molto difficile per un fatto culturale. I cinesi sono tipicamente conservatori negli investimenti, per tutta una serie di fattori culturali e di storia economica. Se il cinese ha 100 vuol rischiare 1, non vuole rischiare 200 come gli americani o gli inglesi... è nel carattere nazionale."

Ma spingere la cittadinanza ad investire non crea scompensi?

"Effettivamente alcune società medio-piccole si sono trovate capitalizzazioni borsistiche spropositate, con quotazioni totalmente fuori mercato. Ci sono società dello stesso settore che quotate a Milano o a Zurigo hanno una capitalizzazione di 15 volte l'EBITA... in Cina fino a cento, duecento, centottanta volte....questo ha creato uno scompenso condizionale rispetto a una società quotata in Europa."

Quali le conseguenze?

"Che le società cinesi acquiscono società del mercato internazionale....se le mangiano e fanno crescere le loro aziende piccole e medie. Sta già succedendo in grande. In queste ore Foxconn sta comprando la Sharp... un evento incredibile: per Foxconn è una miniera d'oro, in quanto a penetrazione e know how. "

Eppure a sentire gli economisti occidentali si tratta di un gigante dai piedi d'argilla

"Certo, loro dicono che dei cinesi non ce ne frega niente, tanto sono iper-valutati e fra tre anni scoppierà la bolla e moriranno tutti. Peccato che quando scoppierà la bolla queste aziende saranno di grandi dimensioni, perché con le risorse economiche che hanno avuto a disposizione si saranno comprati tutti, come sta già avvenendo da un paio d'anni."

Cosa possiamo fare per tutelarci?

"Adesso poco. A guadagnarci ora saranno i cinesi. Noi siamo in un'economia di mercato dove non si può influire su tutta una serie di settori.... serve un rinnovamento totale delle visione economica che in questo momento non abbiamo.
È una situazione pericolosissima. Senza citare il debito occidentale che la Cina detiene, ricordiamoci che se noi perdiamo le aziende e il know how a comandare il mondo saranno loro. E stavolta lo faranno per davvero."

Annunci
Commenti
Ritratto di Zagovian

Zagovian

Gio, 25/02/2016 - 17:16

Qusto è quanto si definisce "comunismo capitalistico",di cui io scrivo da sempre!!Il Mercato Cinese,per tutti noi, è un "non Mercato",nel senso che loro acquistano solo prodotti che "al momento",non possono produrre.Appena sono in grado di farlo(in pochi anni),smettono di botto di acquistarli,e forti dell'immenso Mercato Interno,dei grandi numeri in gioco,si propongono per la esportazione degli stessi,a prezzi inferiori del 50-60%... Vendere,esportare in Cina,dura poco:L'esportare tecnologia,tanti anni di esperienza, quasi gratis...Un bel fuoco di paglia,insomma....

Ritratto di do-ut-des

do-ut-des

Gio, 25/02/2016 - 17:26

confrontate le città modernizzate della Cina, a confronto noi siamo rimasti nel medioevo.

Ritratto di huckleberry10

huckleberry10

Gio, 25/02/2016 - 17:51

Il Vostro guru dell’economia Erba, fa un esempio poco calzante, forse, dovrebbe ripassare un po’ di geografia prima di parlare. Egli infatti cita Foxconn in relazione a presunte scelte dirigistiche del partito comunista cinese, forse non sapendo che Foxconn è una società di Taiwan, ovvero la ROC Republic of China, che come è noto è uno stato sovrano e generalmente contrapposto sia politicamente che economicamente alla Repubblica Popolare Cinese, famigerato regime comunista.

agosvac

Gio, 25/02/2016 - 17:52

C'è un piccolo errore in quest'articolo: si dice che la Cina crescerà più degli Usa e dell'Ue, ma non si specifica che crescerà di più di loro "messe insieme"!!!

Klotz1960

Gio, 25/02/2016 - 17:58

Arrogantello, il nostro Erba. 1) Non si dovrebbe dire "il Governo ha capito" ma "ritiene" sia perche' il Governo non e' composto da cxxxxxi, sia perche' se la scelta e' giusta si vedra' dai fatti dopo, non ora. 2) Grazie, grazie per confermare che la Cina crescera' piu' di Usa e Ue. Lo sanno anche i polli, ed' e' fuori discussione. Il problema e' il rallentamento della crescita cinese, che ha gia' mandato in rovina tutti i produttori di materie prime, scese a prezzi mai visti in 20 anni. Non e' una argomentazione, e' un fatto.

greg

Gio, 25/02/2016 - 19:27

Mi permetto di smentire il sig. Davide Erba. Se io domani sentissi che il governo cinese ha deciso di fare alzare la qualità del prodotto cinese, in genere, direi che sta affrontando il mercato nel modo giusto per diventare la prima potenza economica del pianeta, ma nessuno ha mai ottenuto la moglie ubriaca e la botte piena. Il sig. Erba non ha voluto vedere ciò che è lampante: il mondo occidentale è sceso in picchiata a causa di politiche economiche che non sono affatto espansive per l'occidente, quasi che chi controlla la finanza in occidente abbia deciso di collaborare con il governo cinese per affossare le economie occidentali. Ed è questa la realtà, che non ha nulla a che vedere con la crescita cinese, che siamo stati noi a favorire, accettando prodotti spazzatura da buttare sul mercato moltiplicando il costo alla vendita partendo dal bassissimo costo cinese. La bolla pericolosa per la Cina deve ancora esplodere.

Ritratto di GIANCAGIO

GIANCAGIO

Gio, 25/02/2016 - 21:40

I prodotti Cinesi valgono esattamente wuello che costano = UN (@ZZ● e l'economia di quel paese non garantirà un (@ZZ● ancora per un bel po'di anni...

milope.47

Gio, 25/02/2016 - 23:27

Che scoperta!. E' una vita che io vado dicendo che la Cina è viCINA.