Tutti gli errori di Etihad: così Alitalia è andata in tilt

Troppo poco denaro in cassa, la concorrenza di Abu Dhabi nelle rotte verso Est e quella di Delta-Air France ad Ovest

Il pre-accordo raggiunto sotto la supervisione del governo e che ora deve superare il referendum tra i lavoratori (la consultazione dovrebbe iniziare domani per concludersi lunedì 24), conferma che la soluzione della nuova crisi di Alitalia resta un fatto tutto italiano. Il socio arabo al 49%, Etihad, in questa fase appare defilato, come in calo appare il prestigio del management da esso espresso: il vicepresidente James Hogan, dimissionario dal giugno prossimo, e l'ad Cramer Ball, ridimensionato dall'arrivo del presidente con deleghe Luigi Gubitosi. Si assiste quasi all'epilogo di una vicenda che ha visto l'arrivo del Cavaliere bianco, pieno di soldi e competenze, che avrebbe dovuto risanare una società che da quasi 20 anni non rivede l'utile. Nel 2014, quando ci fu la lunga trattativa tra i soci italiani di Cai e la compagnia di Abu Dhabi, furono assecondate tutte le richieste di quest'ultima, e apparve chiaro che il rilancio le veniva completamente affidato. Etihad in Alitalia ha messo propri uomini nelle posizioni di comando, ha ridisegnato il business e promesso il ritorno all'utile nel 2017. Oggi si vede che tutto questo non ha funzionato e si stima che anche quest'anno il terzo esercizio firmato Etihad le perdite si conteranno in centinaia di milioni. Allora è legittimo chiedersi: Perché Alitalia è sempre al punto di partenza? Dove si è sbagliato? Il controllo operativo era stato affidato al socio arabo. Gli è stata consegnata una compagnia ripulita di debiti, con una flotta ristrutturata, personale ridimensionato e una dotazione di capitale fresco che doveva farla ripartire. Quasi una start-up. Favorita anche dal prezzo clemente del petrolio.

Col senno di poi si possono capire alcuni nodi fatali. Innanzitutto la nuova Alitalia è nata con pochi capitali (un miliardo o poco più, comprendendo gli acquisti da parte di Etihad del programma Mille miglia e degli ultimi slot a Heathrow). Insufficienti per rafforzare la flotta, e rendere competitivo il network. Sul lungo raggio, il comparto più redditizio, Alitalia non ha avuto mano libera. A Est, soprattutto verso Cina e India, due dei mercati che crescono di più al mondo, Alitalia è stata frenata dalla concorrenza del suo partner, il cui interesse è portare i passeggeri all'hub di Abu Dhabi, da dove farli ripartire verso Oriente: oggi le frequenze di Alitalia per Abu Dhabi sono 62 al mese, più le 186 di Etihad, per 45mila posti in tutto. Anche a Ovest Alitalia è stata limitata, perché l'alleanza a quattro con Air France, Klm e Delta l'ha vista bloccata in una condizione di debolezza. Smontare questi accordi avrebbe comportato forti penali che però, forse, poteva aver senso mettere in conto. Oggi ci si affanna a cercare soluzioni tardive.

L'offerta di Alitalia sul lungo raggio è così inadeguata a realizzare una rete di collegamenti efficiente: nel senso che il feederaggio è in perdita. Un conto è portare passeggeri in un hub per servire molte tratte intercontinentali, un conto è servirne poche. Il management tanto esperto non ha portato risultati, se si escludono i nuovi sedili in pelle, le divise delle hostess e le livree degli aerei. Del resto, vacilla tutta la strategia di alleanze di Etihad in Europa: né in Germania (Air Berlin), né in Svizzera (Darwin) né in Serbia (Air Serbia) l'acquisto di quote di minoranza in compagnie da rilanciare è stato un successo.

Commenti
Ritratto di stenos

stenos

Mar, 18/04/2017 - 09:02

Be, errori di ethiad, hanno comprato un cadavere putrefatto.

jenab

Mar, 18/04/2017 - 09:08

prima si chiude e meglio è!!! poi si puo pensare di ripartire...

cgf

Mar, 18/04/2017 - 09:09

vogliamo mettere tutta una serie di cose fatte in tutta fretta? le divise nuove, tutti i dipendenti avevano già la propria divisa, le nuove (con tanto di critiche) hanno avuto il solo unico risparmio di 1 solo pezzo a dipendente, come se non ci fosse estate/inverno. E le nuove livree? gli 'adeguamenti' di tutti gl'interni, il verde piaceva poco all'emiro, meglio qualcosa che ricordi la sabbia del deserto ed il rosso del.. cammello, lounge CASA ITALIA nuove le quali accolgono meno gente di prima ed anche in terminal che si sapeva benissimo sarebbero stati presto deprecati, etc etc.. io qualche nome, anche cognome, lo avrei... poi se andassimo a vedere DOVE i 'lavori' sono stati fatti... Questa situazione era già prevedibile da mesi, lo avevo già scritto, i fornitori vanno pagati e certi restyling vanno fatti con previdente avvedutezza nell'agire.

giovanni PERINCIOLO

Mar, 18/04/2017 - 10:16

E morta e defunta la Finmare, non vedo perché tanto accanimento a voler salvare Alitalia.

Ritratto di ANGELO POLI

ANGELO POLI

Mar, 18/04/2017 - 10:32

Quando piloti e personale di Alitalia capiranno che per far andare la compagnia positivamente devono attenersi a stipendi e orari dei gestori concorrenti? Il problema italiano è nel potere che hanno i nostri sindacati di rallentare e bloccare tutto e questo da 65 anni, soprattutto nel ruolo perverso e sempre all'offensiva della CGIL e delle sue sigle collegate o ancora più a sinistra.

Ritratto di vincenzoaliasilcontadino

vincenzoaliasil...

Mar, 18/04/2017 - 11:29

E' il manico Italico-Ue che non funziona! Ho fatto il primo volo Alitalia, Milano-Cagliari nel''80, gli ultimi 4 Roma-Abi Dhabi il 28° in Arabia con Ethied e Alitalia leggermente superiore con Ethied, salvo la lingua colpa della UE, pur di usare la sigla Urss " UE ", e non "Stati Uniti d'Europa" con una sola lingua per tutti e gli aderenti UE, secondo della Nazione e terza Locale. Avremmo avuto espansione Economica dell'Europa, Cultura, Crescita e Religioni! Oggi con i soliti noti, abbiamo uno Stato di inetti e corruzione devastante altro Tangentopoli: oggi si" vive come in autunno sugli alberi le foglie!"Oggi il PCI Gattopardescamente offre questi servigi cloaca, e

PatrickC

Mar, 18/04/2017 - 11:56

Errori non direi, visto che la strategia di Etihad non e' riconducibile a quella locale dell'Alitalia. Se l'Alitalia dopo l'ennesima ristrutturazione (soldi buttati via di nuovo: dopo essere stata monopolio di stato, national legacy carrier, leggi di monopolio nazionale sulle tratte interne, aiuti negli aeroporti e sovvenzioni di stato in questi decenni; mi vuole dire che e' ora colpa di Etihad? L'alitalia vola una rotta di continue perdite e sovvenzioni, un ciclo come quello dell'acqua dove i soldi piovono e poi evaporano. I costi non sono la divisa! ed una azienda non puo' vivere del pasato ma adattarsi al presente che nel caso delle aerolinee e' globale. Questo cambiamento che nell'articolo sembra avvenuto ieri e' incominciato alla fine degli anni novanta.....fate un po' voi!

Ritratto di Aulin

Aulin

Mar, 18/04/2017 - 12:38

Licenziare tutti quanti e ripartire con gente nuova. Che facciano i sindacalizzati a casa loro.

Ritratto di giuliano lodola

giuliano lodola

Mar, 18/04/2017 - 14:05

Leggo molti lamentano l'acquisizione da parte di stranieri di molte aziende Italiane, festa grande dovrebbero invece fare almeno spolperebbero anche questi stranieri visto che con gli Italiani lo hanno già fatto facendoli fallire, ben vengano vedrai come scapperanno a tasche vuote.

Ritratto di navigatore

navigatore

Mar, 18/04/2017 - 14:54

da una vera e seria compagnia dove nel passato portavano il passeggero con voli interni in tutta Italia (ATI) con serietà e volontà, per avidità politica comunistoide dei sindacati, la fecero chiudere, metendo fine ad una azienda attiva ed ora ci lamentiamo .chiedetelo ai politici quanto hanno rubato e poi potremmo parlarne, altro che compagni di merenda, ma una vera assocciazione a delinquere ,peggio dellla MAFIA

Magicoilgiornale

Mar, 18/04/2017 - 19:07

E adesso e' colpa degli arabi

Debris

Gio, 20/04/2017 - 10:20

PatrickC: aiuti negli aeroporti? Ma chi ? Ma quando? Forse lei si riferisce alle low cost...... Guardi lasci perdere...

panzer@57

Lun, 24/04/2017 - 19:03

non so quale compagnia aerea abbia 12000 dipendenti?

magnum357

Lun, 24/04/2017 - 22:13

Ci è già costata 5 miliardi di euro , caxxxo !!!!

Ritratto di Ausonio

Ausonio

Mar, 25/04/2017 - 12:57

La fanno fallire e si spartiscono le spoglie con 4 centesimi... italioti, sveglia... state ancora aspettando il "liberatore" straniero dopo SECOLI DI SACCHEGGI E SERVAGGIO.