Ingroia avvocato abusivo: aperti due procedimenti

E spunta la norma: l'ex pm non può esercitare a Palermo nei prossimi due anni

Lo scivolone, questa volta, è pesante. Soprattutto per un ex magistrato paladino di legalità e rispetto delle regole quale lui è sempre stato. Gli ordini degli avvocati di Roma e Palermo hanno aperto due fascicoli - uno per ogni città - relativi al neo collega Antonio Ingroia, che giovedì scorso ha debuttato come legale di parte civile al processo che lui stesso ha istruito da pm, quello sulla trattativa Stato-mafia. L'ipotesi, che va trasmessa alle rispettive procure (Roma perché Ingroia è iscritto nella Capitale e Palermo perché è il luogo in cui si è verificata la presunta violazione) per gli eventuali rilievi di carattere penale, non è lieve: esercizio abusivo della professione forense. E il motivo è presto detto: il leader di Azione civile ha chiesto l'iscrizione all'albo degli avvocati di Roma lo scorso 25 settembre; l'ordine lo ha iscritto il giorno dopo, il 26, proprio mentre lui, nell'aula bunker dell'Ucciardone di Palermo, debuttava a sorpresa nel ruolo di avvocato; ma per il via libera all'esercizio della professione manca un passaggio, il giuramento davanti al Consiglio, che Ingroia ancora non ha ancora fatto (giurerà la settimana prossima).

L'ex pm, sentito dal Giornale di Sicilia che ha pubblicato ieri la notizia, si dice tranquillo: «In quell'udienza ho solo presenziato e non ho preso la parola», afferma. Vero. Peccato però che l'avvocato Danilo Ammannato, il legale titolare della difesa di parte civile dell'Associazione vittime di via dei Georgofili, abbia preso la parola, in udienza, per nominare l'avvocato Ingroia come proprio sostituto processuale al posto dell'avvocato Fabio Repici. Come poteva Ingroia essere nominato come sostituto se tecnicamente non era ancora avvocato non avendo giurato?

E non è tutto. C'è pure un'altra questione che rischia di essere sollevata, e che potrebbe costringere Ingroia a dire addio al «suo» processo. La legge 247 del 2012, alias la nuova disciplina dell'ordinamento della professione forense, all'articolo 2 comma 3, recita: «Possono essere altresì iscritti: «a) coloro che hanno svolto le funzioni di magistrato ordinario, di magistrato militare, di magistrato amministrativo o contabile, o di avvocato dello Stato, e che abbiano cessato le dette funzioni senza essere incorsi nel provvedimento disciplinare della censura o in provvedimenti disciplinari più gravi». E fin qui nulla quaestio. Ma leggete come continua la legge: «L'iscritto, nei successivi due anni, non può esercitare la professione nei circondari nei quali ha svolto le proprie funzioni negli ultimi quattro anni precedenti alla cessazione». Che fuor di burocratese significa che l'avvocato Ingroia, anche dopo aver giurato, non può esercitare per due anni a Palermo, procura in cui ha lavorato per 20 anni e che ha lasciato meno di un anno fa. E tanto meno può farlo nel processo sulla trattativa Stato-mafia, che lui stesso ha istruito, e che ha abbandonato dopo aver firmato l'avviso di conclusione indagini e dopo aver partecipato, il 29 ottobre del 2012, all'avvio dell'udienza preliminare.

Che fosse inopportuno, per non dire anomalo, che Ingroia tornasse da avvocato al «suo» processo, era apparso chiaro già in udienza, mentre lui, raggiante, confessava ai cronisti di essere «emozionato come un alunno il primo giorno di scuola», orgoglioso di esser tornato a casa. Quello dell'incompatibilità, comunque, sta diventando un incubo per Ingroia: prima lo ha portato ad Aosta, unico luogo in cui non si era candidato a premier; e adesso si ripropone a Palermo. Per il «suo» processo che, appena riconquistato, rischia di sfuggirgli.

Commenti

Triatec

Lun, 30/09/2013 - 12:00

Anche se non si conosce la legge in Italia si può fare il giudice?

Ritratto di dbell56

dbell56

Lun, 30/09/2013 - 12:39

Caro Triatec, l'Italia è il paese dei miracoli al contrario. Infatti solo qui da noi una cosa possibile diventa impossibile (vedi oppressione dell'apparato burocratico!) ed una cosa impossibile diventa possibile (basta ungere un po' gli ingranaggi giusti!). Ti saluto

guidode.zolt

Lun, 30/09/2013 - 13:37

Quasi, quasi, ne apro uno anch'io...per stupidità conclamata!

Ritratto di Reinhard

Reinhard

Lun, 30/09/2013 - 16:16

W la magistratura italiana... Erano più credibili i barbari con le ordalie.

Ritratto di zanzaratigre

zanzaratigre

Lun, 30/09/2013 - 19:26

Quel dito medio era solo appoggiato al labbro o era indirizzato a qualcuno? Non per altro, perché se fosse il secondo caso vuol proprio dire che chi la fa l'aspetti!

Amelia Tersigni

Lun, 30/09/2013 - 21:54

E cosa avverrà quando avremo la Dittatura delle Toghe !?!?. Perché, cari miei concittadini l'avremo....l'avremo eccome !!. Ci sono tutte le premesse.

usquetandem

Mar, 01/10/2013 - 11:28

esercizio abusivo per non aver giurato? non conoscete le regole e sostenete idee stupide. questo è tutto quanto esce da queste righe.

Ritratto di marco piccardi

marco piccardi

Mar, 01/10/2013 - 13:04

mi viene in mente un bellissimo romanzo di Piero Chiara dal titolo ''vedro' Singapore?''. leggetelo vi prego...vi farete della grandi risate. Parla della storia di un ''travet'' arruolato nella pubblica Regia amministrazione subito dopo la Prima Guerra Mondiale. Parte del racconto e' dedicato ad un magistrato che in realta' aveva solo la terza elementare ... scambio di persona ovviamente, il fedifrago era il fratello ignorante del vero magistrato morto subito dopo aver vinto il concorso...

Ritratto di gino5730

gino5730

Mar, 01/10/2013 - 13:35

Penso che questo signore,date le sue peculiarità, abbia una poltrona importante nel nuovo governo a trazione rossa.

Ritratto di SEXYBOMB

SEXYBOMB

Mar, 01/10/2013 - 14:49

---lo vedrei BENE come PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA.......haaaaaaaaa ha ha ha

viola vale

Mar, 01/10/2013 - 15:14

L'ingenuita' e la leggerezza di Ingroia sono da tempo conosciute.

precisino54

Mar, 01/10/2013 - 15:51

Premesso che non credo si possano utilizzare espressioni quali "... paladino di legalità e rispetto delle regole ..." parlando dello sfaticato; il punto critico alla base della vicenda sta tutto nei due passaggi: "L'iscritto, nei successivi due anni, non può esercitare la professione nei circondari nei quali ha svolto le proprie funzioni negli ultimi quattro anni precedenti alla cessazione", "... giovedì scorso ha debuttato come legale di parte civile al processo che lui stesso ha istruito da pm ...", se non esistesse questa norma, si potrebbe avere il caso di chi avendo fatto il pm conosce magari l'esistenza di una questione riservata e magari sfruttarla, come pure potrebbe avvenire che sapendo di dover abbandonare ha lasciato un "baco" da poter utilizzare successivamente a ruoli diversi. X Triatec – 12:00; ahimè si! Non sembra dover essere tra le conoscenze di base.

precisino54

Mar, 01/10/2013 - 17:15

Appare sempre più evidente che la fortuna gira ed abbia voltato le spalle allo sfaticato!

Ritratto di Gimand

Gimand

Mar, 01/10/2013 - 17:48

A me, invece, questo Ingroia sta diventando sempre più simpatico. Per carità: non è che creda alla maxiballa della trattativa Stato/mafia. Solo che in mezzo ad una marea di magistrati che pensano solo alla carriera, ricattando il potere politico con le loro pseudoinchieste ed i loro teoremi, il nostro "amico" Antonio pare l'unico che creda veramente alle sue stesse balle. Cioè è in perfetta buonafede. Credetemi, di tutti gli Ingroia di cui è costellata la nostra magistratura, Antonio è senz'altro il migliore.