Retromarcia sull'Imu: salta mezza rata. Aumenta pure la benzina

Trovata la copertura, nella bozza più tasse per banche e assicurazioni. Stangata da 1,5 miliardi sui carburanti: accise più alte già dal 2015

RomaIl taglio della seconda rata Imu sulla prima casa rischia di essere solo parziale, contraddicendo l'impegno del premier Enrico Letta. Nell'ultima bozza di decreto che Palazzo Chigi dovrebbe approvare martedì si legge infatti che «non è dovuta la seconda rata dell'imposta municipale fino a un importo pari alla metà dell'imposta calcolata applicando l'aliquota e la detrazione stabilite dal Comune per il 2012». Chi ha pagato 200 euro di Imu nel dicembre 2012, stavolta dovrebbe versare 100 euro. Una strada politicamente impraticabile. Al ministero dell'Economia fanno sapere che i lavori sono in corso.
Per finanziare il taglio - totale o parziale che sia - il governo porterà l'acconto fiscale Ires al 128% a carico di banche, Bankitalia compresa, e assicurazioni. L'acconto scenderà, si fa per dire, al 127% nel 2014; ma a partire dal 2015, in compenso, aumenteranno le accise sulla benzina, in modo da raccogliere almeno 1,5 miliardi. Da gennaio 2017 a fine 2018 possibile un altro aumento delle accise su benzina e gasolio usato come carburante per ottenere maggiori entrate per 419 milioni. Per le società, l'acconto passa dal 100% al 101%. Confermato anche l'acconto del 100% dell'imposta sul risparmio amministrato versata da banche e intermediari finanziari. Norme e numeri sono scritti nella bozza di decreto legge sull'Imu, che sarà approvato martedì, salvo ennesimo rinvio. Il via libera del Cdm è infatti legato all'approvazione, da parte della Bce, della rivalutazione delle quote Bankitalia in mano agli istituti di credito. Non è ancora chiaro se il taglio dell'Imu riguarderà anche i terreni agricoli: all'appello mancherebbero i 314 milioni di euro necessari, mentre non dovrebbero esservi difficoltà a recuperare almeno i 32 milioni per finanziare l'esenzione dei fabbricati agricoli (stalle, depositi per macchine agricole, silos). Necessari anche 500 milioni per compensare i Comuni delle minori entrate Imu.
Intanto, il cammino della legge di Stabilità alla commissione Bilancio del Senato va a passo di lumaca. Gli emendamenti clou alla manovra - dalla casa al cuneo fiscale, dalle pensioni alle concessioni demaniali e alla rottamazione delle cartelle Equitalia - dovrebbero vedere la luce durante il fine settimana. Su cuneo, casa e spiagge continuano le riunioni di maggioranza. Una melina che irrita Forza Italia. «Così com'è la legge è sbagliata e noi non la votiamo», avverte Renato Brunetta. Mentre da Bruxelles il ministro dell'Economia Fabrizio Saccomanni dice: «Test superato» e l'Eurogruppo accoglie «con favore l'impegno dell'Italia ad affrontare i rischi», misure aggiuntive comprese. Saccomanni ha dovuto infatti spiegare iniziative come le privatizzazioni e la spending review. La ripresa ci sarà, ha aggiunto il ministro, se si scongiurerà l'incertezza politica. «Nessun progetto di bilancio è stato rigettato», ha infine chiarito il presidente dell'Eurogruppo Jeroen Dijsselbloem.
Le principali novità della giornata di ieri sulla legge di Stabilità sono l'ennesima proroga di un anno concessa ai Comuni di utilizzare Equitalia per la riscossione dei tributi locali, prevista da un emendamento del governo, e l'incremento di 602 milioni nel 2014-2015 del Fondo tagliatasse, più altri 65 milioni l'anno dal 2016. Altre proposte riguardano stanziamenti per l'autotrasporto, oltre 320 milioni di euro, e misure per Lampedusa, per i malati di Sla e per le fondazioni liriche. Dal 2014 inoltre ci sarà l'election day e si voterà in una sola giornata, dalle 7 alle 23. Ma sulla «ciccia» della manovra, dalla tassa sulla casa al cuneo fiscale, per il momento tutto è fermo. E la legge arriva in Aula lunedì. E il vicepresidente della Commissione Ue Olli Rehn sibila: «In Italia pochi spazi di manovra per gli investimenti».

Commenti

cast49

Sab, 23/11/2013 - 08:32

i soldi ci sono, ma lo negano per poter dare la colpa a Berlusconi; sono dei figli di puttana...e intanto si intascano fior di euri...

Ritratto di mortimermouse

mortimermouse

Sab, 23/11/2013 - 08:32

COMUNISTI! ora avete la certezza automatica che al salire del governo di sinistra, aumentano le tasse o gli importi! BESTIE! volete pure pagare e finire strozzati! BESTIE!

Ritratto di luigipiso

luigipiso

Sab, 23/11/2013 - 08:38

Ringraziate Brunetta che per non far pagare l'Imu ai ricchi fa pagare di più la benzina ai poveracci che devono andare a lavorare e non auto auto ministeriali da noi pagate.E' il paese degli incompetenti e dei furbetti

piantagrassa

Sab, 23/11/2013 - 08:50

Se vanno avanti così ci sarà inevitabilmente un colpo di stato, ho sentito che diminuiranno 32 mld di spesa pubblica in 3 anni, il finanziamento pubblico ai partiti verrà eliminato in 3 anni, intanto a luglio si sono presi la trance, mi come possano non capire che gli italiani non possono più accollarsi aumenti di qualsiasi tipo, perché a gennaio deve aumentare la benzina? Un taglio immediato a tutti gli sprechi e agevolazioni a questa massa di deficienti? Perché bisogna pagare 30.000,00 a uno che invia le mail? E' una presa per il c**o spudorata, è impossibile non indignarsi!!!!!!

Ritratto di Dragon_Lord

Dragon_Lord

Sab, 23/11/2013 - 09:04

ormai è la Commissione Europea che decide e ordina ai vostri politici strapagati cosa fare e non. AVETE PERSO OGNI DIGNITA' E SOVRANITA' DI POPOLO ITALIANO, VI SIETE FATTI SVENDERE AL NUOVO ORDINE.

Ritratto di Dragon_Lord

Dragon_Lord

Sab, 23/11/2013 - 09:07

SONO CONVINTI CHE LA GENTE CONTINUERA' AD USARE L'AUTO COME PRIMA ? TANTI GIA' LA STANNO VENDENDO, POVERI ILLUSI E SCHIAVI DEL VOLERE EUROPEO.

a.zoin

Sab, 23/11/2013 - 09:22

Questa è la gente che non sà il valore della parola "DIRIGENTE", la cosa più semplice per loro è di aumentare le tasse. INVESTIRE PER UN DOMANI, "NON SANNO COSA VOGLIA DIRE". MA, il danaro NON LORO, lo sperperano per arricchirsi.

Ritratto di ilvillacastellano

ilvillacastellano

Sab, 23/11/2013 - 09:23

Ma che razza d'uomini, se così si possono definire, sono i Saccomanni, i Letta e tutta l'altra cerchia di esserini al governo di un paese da loro stessi distrutto, in quanto discendenti e continuatori di una genia di distruttori e di un'ideologia sinistra e sempre malsana, nonostante l'andar degli anni. Da sessant'anni sin'ancora ad oggi hanno solo un'idea fissa, tassare, tassare e sempre tassare questo popolo imbelle. Sì, è vero, si tassano anche le banche, ma alla fine queste si rivarranno sui poveri e ignari loro clienti, che sono l'ultima ruota del carro. Non ce la fanno proprio a tagliarsi i loro privilegi questi nobil'uomini di parlamentari da strapazzo. E che dire poi dei loro emolumenti da nababbi. E poi dicono pure di stare a stringersi la cinghia. Ma cosa si aspetta a buttarli fuori, non solo dal parlamento, ma anche dall'Italia, se occorre, questi cialtroni nobilitati da un titolo onorifico che non meritano, appunto da sessant'anni in qua.

Ritratto di martello carlo

martello carlo

Sab, 23/11/2013 - 09:25

Malnati figli, fratelli, padri di lobbisti e parassiti. Gentaglia che sta portando alla rovina il paese allo scopo di far diventare una COLPA il MERITO di BERLUSCONI di aver eliminato l' IMU. E' l'ultimo atto di un' azione ventennale che, pur di eliminarlo in quanto indipendente dalle cosche lobbistiche prima internazionali che nazionali che aspiravano a mantenere l' Italia SERVA di interessi stranieri con un governo antidemocratico di komunisti incalliti, l'hanno portata alla miseria. Quindi, UDITE, UDITE. Per aizzare ancor più l' odio del popolo bue contro di LUI, a cosa ricorre quel GENIO ALLA CARBONARA DI SACCOMANNI? Ma all' aumento delle accise sulla benzina naturalmente. QUESTO QUI VA MANDATO AL PIU' PRESTO A FARE COPPIA CON DI PIETRO.

Ritratto di massacrato

massacrato

Sab, 23/11/2013 - 09:35

«non è dovuta la seconda rata dell'imposta municipale fino a un importo pari alla metà dell'imposta calcolata applicando l'aliquota e la detrazione stabilite dal Comune per il 2012» - MI RIFIUTO DI CAPIRE - Scendete sulla terra, per favore.

Ritratto di mark 61

mark 61

Sab, 23/11/2013 - 09:42

oddio non è che finisce come con la prima rata ??? per soddisfare BRUNETTA oggi abbiamo l'IVA al 22 % e domani aumenta la benzina: insomma devo pagare io, meglio tutti che alcuni questa è il motto della destra .

angelovf

Sab, 23/11/2013 - 09:43

Insomma questi porci alle spese inutili dello Stato non vogliono mettere mani? Vogliono per forza ridurre alla fame il popolo, Quando lo cacciate,guardate solo la Cancelliere? Pensate anche a questi incapaci che non vogliono scontentare la casta ed andare a leccare il c....o alla Merkel. Se gli Italiani incominciano a pensare quanto siete falsi e insensibili dovete solo nascondervi, siete sporchi affaristi, non siete neanche un testicolo di Berlusconi.

terzino

Sab, 23/11/2013 - 09:44

Chi si è svegliato prima stamattina per impartire ordini? Letta ieri diceva che aumentando le tasse Grillo andrebbe al 51%, Sacco d'Italia si rimangia le parole del suo presidente e le promesse fatte e rimodula il pagamento dell'Imu mentre per quanto riguarda i tagli, soprattutto alla politica, non fanno nulla, i privilegi, le auto blu, sentito Cottarelli o verrà fagocitato pure lui? cosa hanno fatto? Rinvii, no nulla. Fanno solo chiacchiere e non si rendono conto che i fatti di Genova possono essere solo un inizio. Che geni!!!!

giovanni PERINCIOLO

Sab, 23/11/2013 - 10:17

Saccomanni super-tecnico?? no, super si, ma super-pasticcione!

enzo1944

Sab, 23/11/2013 - 10:31

La causa di tanti di questi guai è del napoletano che sta al Colle!...Ha portato con sè,e lui sta lì da 70 anni,(al governo PCI-PD+vecchia DC cattocomunisti) una manica di fenomeni/imbecilli(monti,lettino jr,saccomanni, e magistrati suoi complici)che hanno ridotto l'Italia nella situazione in cui ci troviamo!...Incapaci,falsi,bugiardi,amici delle Banche,maneggioni e servi delle massonerie internazionali(che li hanno arricchiti),cui obbediscono ogni giorno!...Povera Italia!.....Ha ragione da vendere Papa Francesco....."guai allo Stato che mette davanti i soldi e le banche,e per ultimi le famiglie,la gente,i poveri ed i bisognosi"!!

Ritratto di mark 61

mark 61

Sab, 23/11/2013 - 10:39

mortimermouse UNA SCATOLA DI valuim

Ritratto di mark 61

mark 61

Sab, 23/11/2013 - 10:40

meglio tutti che alcuni ............questa è il motto della destra .

Ritratto di moshe

moshe

Sab, 23/11/2013 - 10:44

Quella ridicola e patetica sentinella "alfano" dorme? Nel frattempo, per confermare la regola, i komunisti lo mettono ancora una volta nel c... agli italiani. VOTATELI ANCORA!

pedrosa

Sab, 23/11/2013 - 10:48

@ mortimermouse , l'ho scritto ieri , mi ripeto abbiamo un governo dalle LARGHE INTESE, se non sa cosa significa ,se lo faccia spiegare da chi sa, invece di profferire solo insulti.

Stingone Antonio

Sab, 23/11/2013 - 10:51

Lo Stato che, su 800 miliardi di spesa pubblica, non riesce a recuperare 2 miliardi per l'IMU è come un padre di famiglia che, su una disponibilità mensile di 800 euro, (e ce ne sono tanti!) non riesce a recuperare 2 euro per una nuova necessità. Questa è la proporzione! Come lo giudichereste? Non vi verrebbe voglia di togliergli la patria potestà?

guidode.zolt

Sab, 23/11/2013 - 11:00

Sor Tentenna tende il cappello e chiede solidarietà ai suoi concittadini che ci sputano dentro ... proprio non vuol capire che l'unico "grosso problema" qui è lui ed il suo cervellino..!

ferry1

Sab, 23/11/2013 - 11:08

Governo,faccia di palta,taglia le spese per le clientele,le banche e il mondo della finanza!Basta tasse,accise e compagnia varia ed applica i costi standard da subito alla sanità!Vogliamo il federalismo vero non quello fasullo di Prodi introdotto con furbizia dopo il referendum sulla devolution per colpire il concetto di federalismo.

ferry1

Sab, 23/11/2013 - 11:12

luigipiso serve tagliare i soldi alle clientele,ma capisco che questo ti risulti indigesto essendo la sinistra il beneficiario principale.Brunetta non c'entra

guidode.zolt

Sab, 23/11/2013 - 11:27

pedrosa - ...più che LARGHE INTESE sono larghe chiappe...!