Insulti e schiaffi dal figlio di una paziente, dottoressa contusa al pronto soccorso

L'episodio è accaduto al Vecchio Pellegrini di Napoli. Ennesimo caso di violenza nei nosocomi campani

Ha rimediato un trauma contusivo della regione occipitale, la dottoressa dell’ospedale Vecchio Pellegrini di Napoli, aggredita ieri pomeriggio al pronto soccorso dal figlio di una paziente 70enne. La chirurga di 40 anni è stata insultata e picchiata dal familiare della donna arrivata nella struttura ospedaliera per un dolore al torace.

Ennesimo caso di violenza nei nosocomi campani. Anche questa volta i parenti della paziente spingevano per accelerare le operazioni di soccorso. In particolare, seppure l’anziana lamentava dolori al petto, i congiunti pretendevano una visita neurologica, poiché la paziente soffriva di epilessia a seguito di un ictus cerebrale.

Dopo le prime operazioni per l’assegnazione del codice al Triage il figlio della donna ha iniziato a inveire contro la dottoressa e neppure le rassicurazioni di quest’ultima lo hanno calmato. Il 28enne ha preso a schiaffi la chirurga ed è stato bloccato prima da altri pazienti presenti al pronto soccorso e poi dalle guardie giurate.

L' aggressore è stato identificato dalla polizia ed è stato denunciato dal personale ospedaliero. In Campania sono tanti i casi di aggressioni al personale sanitario negli ospedali, ma anche in altre città d’Italia accadono episodi del genere. Un po’ di tempo fa, a Belluno, per esempio, un uomo ha picchiato un medico perché gli impediva di stare con la moglie morente.