Bucci rottama la sinistra: la liberazione di Genova

Il candidato azzurro rompe l'egemonia dei democratici. Il centrodestra dopo la Regione conquista pure il Comune

È la fine di un'epoca, forse l'inizio di una nuova. Genova la rossa non esiste più: la città da sempre col cuore a sinistra, cosi diversa dalla vicina Milano, si consegna alla destra in una notte caldissima d'estate. Dieci punti di distacco: 55 a 45. Un colpo da ko. Le memorie partigiane e le lotte operaie, la tradizione antifascista e gli scioperi contro il governo Tambroni. Il glorioso album della gauche finisce a pezzi dentro le urne che decretano il sacrilegio: l'«americano» Marco Bucci, 22 anni fra Minneapolis e New York ad occuparsi da manager di tecnologie informatiche, Tac e risonanze, sbaraglia il rivale Gianni Crivello, assessore nella giunta uscente del marchese Marco Doria, lanciato nella mischia per salvare il salvabile. Niente da fare: le lanterne non sono più rosse, nemmeno qui dove qualcuno pensava che il cambiamento non sarebbe mai arrivato.

E invece gli exit poll sono tutti. In linea: Bucci è avanti, con una forchetta che oscilla ma un margine rassicurante: 6-8 punti. Un divario che si allarga via via che arrivano le cifre dello scrutinio reale: dieci punti, 55 a 45. Una distanza incolmabile che diventa definitiva.

Le interviste all'uscita dei seggi confermano la svolta ora per ora: al mattino la tendenza è già consolidata e il sogno della grande remontada svanisce sotto il solleone; il pomeriggio non porta sorprese e la sera delinea la disfatta nella metropoli sotto la lente di esperti e analisti. Bucci è in testa, come lo era dopo il primo turno quando aveva raggiunto un clamoroso 38,8 per cento, più di cinque punti sopra Crivello, inchiodato ad uno striminzito 33,4 per cento.

La verità è che Bucci è sempre stato in vantaggio e tutti i tentativi della nomenklatura di ribaltare la situazione si sono infranti contro la stanchezza dei genovesi: meglio cambiare dopo decenni di crisi, dopo il tracollo della grande industria e la perdita di quasi un terzo della popolazione. Genova, un tempo Superba e ora smarrita, invecchiata e in declino. «Per tutta la giornata - conferma al Giornale il neosindaco - ho avuto ottime sensazioni. La gente veniva a salutarmi, a darmi il cinque, a incoraggiarmi. Io credo che due fattori abbiano contribuito a scardinare il vecchio sistema di potere: una parte dei grillini, rimasti fuori dal ballottaggio, ha deciso di votare per il sottoscritto e di rottamare un quarto di secolo di fallimentari giunte rosse. La stessa cosa deve aver pensato una quota dell'elettorato di centrodestra, tornato al voto dopo anni di disincanto e astensionismo. L'occasione era storica e non poteva essere sprecata».

Certo, quasi il 60 per cento degli elettori non è andato ai seggi, ma i dati, per quanto allarmanti, sono in linea con quelli di cinque anni fa: al secondo giro di valzer solo il 39 per cento dei genovesi era entrato nella cabina. Insomma, la disaffezione c'è ma è cronica e viene da lontano. Questo non cambia il senso di una sconfitta storica che Crivello ha provato a esorcizzare per tutto il giorno. Prudenza e disillusione per la fine di una rendita.

L'operazione al confine fra le diverse sinistre, con un candidato non renziano e mai entrato nel Pd, non è servita. Perde Crivello, ma prende una batosta anche l'ex premier che infatti si è tenuto alla larga dalla Lanterna ed è rimasto sul bordo della piscina paterna a Rignano, derubricando la sfida a questione locale. Vince, anzi stravince il modello Toti, il quasi partito unico del governatore che mette insieme azzurri, leghisti e fan della Meloni. E il governtaore festeggia: «Un risultato storico, auspico che la nostra coalizione sappia fare tesoro di questo risultato in Liguria». Dopo la Liguria infatti, anche Savona, Genova e La Spezia sperimentano il format, collaudato e però in crisi. Ora, fra Roma e Arcore, dovranno scegliere fra l'usato sicuro, che torna sotto la Lanterna liberata, e la grande coalizione con gli avversari del Pd. Ma contro il parere degli elettori.

Commenti

geronimo1

Lun, 26/06/2017 - 09:43

Complimenti bravissimo Marco Bucci, non hai praticamente fatto errori ed arrivi in un momento irripetibile di attesa di una citta' rovinata da troppi anni di kompagni..!!!!!! Attenzione pero' perche' ora dovete comandare ed agire, facendo piazza pulita degli sgherri messi nei punti chiave dai kompagni.... Gia' Biasotti non aveva fatto niente (e l' aveva pagata subito contro Burlando...) e toti sembra considerare la Regione piu' una passerella per Roma che un luogo di GOVERNO ED AZIONE...... Ricordate agite sulle PERSONE!!!! EPURAZIONI E RETROCESSIONI...!!!! Vi tradiranno SEMPRE...!!!!! Per dieci anni non si e' mossa una foglia nella sanita' ligure (nomine direttori sanitari, primari, che Burlando non volesse....!!!!)..!!! Dovete fare uguale....

Ritratto di JSBSW67

JSBSW67

Lun, 26/06/2017 - 10:24

Egregio Sindaco Bucci, le rivolgo un appello: provveda a far rimuovere il monumento al tentato omicida giuliani, che la sinistra in spregio al reato di istigazione a delinquere, ha eretto a imperituro ricordo di un delinquente che tentò di uccidere un carabiniere. Detto "monumento" non lorda solo la città di Genova, ma l'intera nazione. Grazie.

Ritratto di Memphis35

Memphis35

Lun, 26/06/2017 - 10:26

Io titolerei: Toti rottama la sinistra...malgrado Berlusconi.

peter46

Lun, 26/06/2017 - 11:13

Bucci...un ringraziamento ai grillini che si son voluti 'tenere fuori' dalla mischia onde almeno permettervi di lottare alla pari,maramaldeggiando,e con piacere,anche certo,non le sembra 'doveroso'?E senza ricordare ai soliti del 'così vincono i rossi',che l'astensionismo,benvenuto,semmai ha colpito proprio loro invece?E complimenti per l'intuizione di non permettere a Berlusconi di essere sul palco a chiusura della vs campagna elettorale come 'stampa prometteva'.Si vince senza personaggi 'divisivi':e Genova l'ha confermato.

Aleramo

Lun, 26/06/2017 - 12:12

geronimo1 ha ragione, Bucci ha ottenuto un mandato a governare e non deve ripetere in Comune l'errore che Viale ha compiuto in Regione, lasciando nei posti-chiave tutti i colonnelli dell'ex giunta rossa. La sanità ligure per questo motivo è ancora oggi comandata dai comunisti, il Comune non deve esserlo. Piazza pulita!

yulbrynner

Lun, 26/06/2017 - 12:15

ANCHE QUI LA MAGGIORANZA SILENZIOSA VINCE OVVERO CHI NON E' ANDATOA VOTARE i politicanti ignorano quest dato se ne accorgeranno quando un giorno alle politiche ci andra' meno del 50% allora saranno azzi amari

vottorio

Lun, 26/06/2017 - 12:34

finalmente Genova si è liberata dall'oppressione comunista che l'ha martoriata sin dal 1945. indispensabile fare pulizia di tutti i "parassiti rossi" infiltrati ovunque nei posti pubblici (anche gli uscieri).

LostileFurio

Lun, 26/06/2017 - 13:02

mi unisco alla richiesta di JSBSW67 Caro Sindaco.

Ritratto di lentiacontatto

lentiacontatto

Lun, 26/06/2017 - 13:45

Ero pessimista, però senza perdere la speranza, pensavo che prima o poi qualcosa sarebbe successo.I genovesi ormai stanchi hanno capito che era tempo di cambiare cosi hanno reagito.Buon lavoro al Sindaco di Genova Marco Bucci

ciruzzu

Lun, 26/06/2017 - 14:00

Ho votato lega, ma devo dire che se si fosse ripresentato Doria lo avrei votato.

Ritratto di ateius

ateius

Lun, 26/06/2017 - 14:36

signori..se il 60 percento degli elettori non è andata a votare..vuol dire che il 60 percento non ha l'interesse, non ha la competenza.. non ha la minima idea per chi votare, o lo fa per protestare contro.. i mulini a vento. e dunque piuttosto che votare A Caso.. è molto meglio che il 60 percento se ne stia a casa.- come avviene d'altronde nei paesi a democrazia evoluta, e come avviene negli Usa.

Ritratto di Memphis35

Memphis35

Lun, 26/06/2017 - 14:37

#ciruzzu - 14:00 Il tuo è un caso da manuale...di psichiatria.

ControTutti

Lun, 26/06/2017 - 14:45

Bucci è un manager che ha bellamente vissuto negli USA, ..e adesso arriva fresco fresco qui a voler fare il sindaco di Genova? Perchè non se ne rimaneva lì, visto che ci è stato così bene ed ha avuto così tanti successi fino ad adesso? A parte aver fatto il capo deo boy-scout (..ridicolo!..) qual è la sua discendenza politica? Dove ha militato finora? Perchè, se è vero che non ha mai militato in nessun partito, vuol dire che non ha alcuna etica politica e crede di poter amministrare una società civile con le sole regole dell'azienda! Voi, massa di lavoratori dipendenti, siete proprio sicuri che un manager, cioè uno di quelli che licenzia e determina le vostre sorti nelle aziende dove lavorate, possa veramente stare dalla vostra parte?

ControTutti

Lun, 26/06/2017 - 14:47

(segue) Gente come lui ha solo la velleità di chiudere in bellezza la propria carriera assumendo una carica istituzionale, non avendo però alcuna caratura politica che lo autorizzi moralmente a farlo! Io sono elettore di centro-destra, ma trovando insopportabile la candidatura di uno così, a votare non ci sono nemmeno andato. La vittoria del centrodestra così è "zoppa". Mi sono stufato del sistema maggioritario per l'elezione del sindaco! Voglio un proporzionale in cui il sindaco sia espresso dal partito di maggioranza della coalizione vincente, in questo caso la Lega, un militante, convinto, e collaudato in politica! Solo così si rispetta la volontà predominante dei cittadini!

ciruzzu

Lun, 26/06/2017 - 15:22

Menphis 35, mi piace il ruo commento . devo dire che è simpatico e sincero

peter46

Lun, 26/06/2017 - 15:28

Memphis35...no,è uno che va ancora con 'l'asino' in giro per genova,che se avesse la macchina col ca...volo che l'avrebbe votato con tutte le buche a cielo aperto non tappate.NB:Più il resto, s'intende.NB2:Magari i genovesi,sperano...avranno posto la speranza nella scheda giusta?

peter46

Lun, 26/06/2017 - 15:52

ControTutti...benvenuto,comunque ed innanzitutto.Certo è strano che uno con un nick così 'esprimente' il suo pensiero possa alla fine 'giungere' alla conclusione che un sindaco della Lega (partito),uscito da un proporzionale,magari con 1(uno)solo voto di scarto da un altro 'coalizzabile',a 'scatole' aperte,possa essere in cima ai suoi desideri,ma...tagliamo la testa al toro e giacchè non ti sei chiesto(e scritto)se simile conclusione possa andar bene anche alla 'controparte desiderata'...deleghiamo a chi più disponibile e più 'DI grado' a rispondere...Non diamo specifico incarico a Memphis35 che già ho 'importunato',ma domandiamolo a Hernando45-Leonida55-Zio beppe 1951:il 1° che vorrà dare il suo responso vince...?Domanda:Può il qui presente,nuovo arrivato, ControTutti, essere accettato nel vs schieramento politico(Lega Salviniana)pur con nick non 'attestante' alcuna voglia 'partitica' ?

gneo58

Lun, 26/06/2017 - 16:13

per CIRUZZO 14,00 h - Ho votato lega, ma devo dire che se si fosse ripresentato Doria lo avrei votato" poche idee ma veramente ben confuse !

gneo58

Lun, 26/06/2017 - 16:21

per "controtitti" - le diro' avesse vinto anche un gatto randagio mi sarebbe andato benissimo basta non avere piu' tra i piedi certi soggetti che dal dopo-guerra ad oggi hanno rovinato questa citta'.

OttavioM.

Lun, 26/06/2017 - 17:00

A far perdere Renzi nelle grandi città è stato soprattutto il problema dell'immigrazione,che la sinistra per ideologia rifiuta proprio di affrontare,con tutti i problemi che hanno gli italiani,tirare poi fuori lo ius soli come grande priorità nazionale,è stato un affronto pure per gli elettori moderati o storicamente di sinistra.Se la sinistra passa le giornate a baloccarsi su come riempire l'Italia di immigrati,dove alloggiarli,dove trovare miliardi per mantenerli o come dare la cittadinanza facile,è ovvio che poi gli elettori,pure di sinistra votano altrove.Forse speravano di raccattare voti a sinistra,ma nel 2013 il PD a furia di proporre lo ius soli e l'abolizione della Bossi/Fini perse parecchi punti di vantaggio e non vinse le elezioni.Se vanno avanti così alle prossime elezioni spariscono.

Ritratto di ateius

ateius

Lun, 26/06/2017 - 17:06

controtutti... non si ancora accorto? che la Sua cara sinistra ha preso a cuore i diritti dei nuovi proletari provenienti dall'africa.. e li Contrappone alla classe borghese composta da Noi Italiani? è la loro nuova Lotta di classe.- scenda in piazza per i diritti degli immigrati e voti a sinistra.- noi che rivendichiamo i Nostri diritti. votiamo a Destra.

ControTutti

Lun, 26/06/2017 - 18:24

@ateius: guardi che ha preso lucciole per lanterne. Io NON sono di sinistra, avendo spiccate simpatie per la Lega! Devo tuttavia rilevare che, nell'attuale contingenza storico/politica, in effetti non mi dispiacerebbe fossero adottati principi cari alla estrema sinistra (..e identicamente cari all'estrema destra..), tipo sbattere fuori tutti i privati dalle aziende che forniscono servizi essenziali e riconferirle al settore pubblico! Certo che Bucci sarà pro-privati al 100%, figuriamoci! ..Altro motivo per non averlo votato!