Pace fatta tra le toghe milanesi La Boccassini vice di Greco

Il capo sceglie Ilda come braccio destro e la riempie di elogi. Ma l'incarico è a tempo: tra 10 mesi lei torna pm

Milano «Esperienza, capacità professionale, efficacia nel coordinamento del Dipartimento affidatogli, correttezza, autorevolezza e prudenza nei rapporti con la Polizia giudiziaria e le autorità locali, riservatezza assoluta, costante informativa al Procuratore di ogni dato rilevante riguardante sia l'ufficio che le indagini in corso». Un magistrato perfetto, praticamente: che risponde al nome di Ilda Boccassini. Ed è per questo che da dopodomani la Boccassini assumerà l'incarico più prestigioso della sua carriera giudiziaria: sarà lei a tutti gli effetti il «vice» di Francesco Greco, procuratore della Repubblica di Milano, che il 29 dicembre l'ha designata come proprio vicario con le motivazioni che abbiamo appena citato tra virgolette.

Pace fatta, dunque, dopo le tensioni palpabili che accompagnarono pochi mesi fa l'insediamento di Greco alla guida della Procura milanese. Quel giorno Ilda Boccassini se ne restò chiusa nel suo ufficio, disertando la cerimonia: e furono in molti a leggere il gesto come una silenziosa protesta della dottoressa contro la decisione del Csm, che aveva bocciato con zero voti a favore la sua autocandidatura al posto di procuratore capo, nominando Greco quasi all'unanimità. Nonostante la comune provenienza dalle fila di Magistratura democratica, i due magistrati erano entrati in concorrenza per lo stesso posto, appena lasciato libero da Edmondo Bruti Liberati; Greco aveva prevalso alla grande; e la Boccassini sembrava averla presa piuttosto male.

Ora invece Greco la chiama al suo fianco come procuratore vicario, designandola a svolgere le sue funzioni in «caso di assenza o impedimento». Certo, oggi tra i procuratori aggiunti la Boccassini è quella con maggiore anzianità, e quindi la sua nomina poteva essere quasi un atto dovuto. Ma Greco va ben più in là, e motiva la sua scelta con giudizi che definire positivi è assai poco: anche perché vanno controcorrente rispetto a alcuni clichè che circondano la dottoressa. La «efficacia nel coordinamento del dipartimento affidatogli», cioè il pool antimafia, non è condivisa da alcuni dei pm più esperti, che in questi anni se ne sono andati in polemica con la dottoressa; e un grande vecchio come Ferdinando Pomarici ebbe a stigmatizzare i criteri con cui la collega sceglieva i suoi collaboratori. Nella gestione delle inchieste antimafia ci sono stati molti successi, ma anche pasticci come l'inchiesta sull'uccisione del procuratore torinese Bruno Caccia, riaperta senza rispettare le regole. Ed è rimasto memorabile lo scontro con la Procura nazionale antimafia, cui - secondo il pm Filippo Spiezia - la Boccassini tenne nascoste in ben 49 casi le informazioni che era tenuta a trasmettere.

Ciò nonostante, diventa il braccio destro del procuratore Greco: ma solo per dieci mesi. Il 10 ottobre scadrà dall'incarico di procuratore aggiunto e di vicario del capo, e Ilda tornerà semplice pm.

Commenti

chebruttaroba

Sab, 31/12/2016 - 12:40

Che tristezza pensare che in Italia ci siano certi magistrati. Anche l'Italia avrebbe bisogno di magistrati con professionalità e che basino il loro lavoro su "La legge è uguale per tutti". Ci vuole un cambio generazionale, una scuola nuova che crei magistrati nuovi e bravi.

Ritratto di Leon2015

Leon2015

Sab, 31/12/2016 - 13:01

"e Ilda tornerà semplice pm." sarebbe meglio se andasse in una casa di riposo, mi sembra che di casini ne ha fatti anche troppi.

agosvac

Sab, 31/12/2016 - 13:31

Sarei curioso di sapere l'età sia del procuratore greco, sia della vice boccassini. Credo che debbano essere vicini ai 70 anni. Non sarebbe ora che si godessero una "lieta" pensione???

Ritratto di gammasan

gammasan

Sab, 31/12/2016 - 14:59

@agosvac: Wikipedia dice 67 anni.

steacanessa

Sab, 31/12/2016 - 15:08

Che coppia raccapricciante! Ma non vanno mai in pensione?

Duka

Sab, 31/12/2016 - 15:26

Sopra ogni cosa è ricevere SEMPRE E COMUNQUE l'abbondante BUSTA PAGA.

Ritratto di ilvillacastellano

ilvillacastellano

Sab, 31/12/2016 - 16:18

E' meglio astenersi dal fare un sia pur minimo commento su questi tizi. Soprattutto in quest'occasione particolare. E' proprio vero, comunque, che al peggio non c'è mai fine. Mai una promozione per meriti, quelli veri.

giovanni PERINCIOLO

Sab, 31/12/2016 - 16:29

E poi i cittadini dovrebbero rispettare la magistratura???

bundos

Sab, 31/12/2016 - 19:26

meglio che restino a far danni a milano piuttosto che a roma come senatori o deputati, oramai è scontato il loro finale

sale.nero

Sab, 31/12/2016 - 19:28

Bah! Sarà più chiara questa scelta solo l'11 di ottobre quando decadrà dall'incarico e potremo avere un resoconto di come ha operato e in che direzione

lawless

Sab, 31/12/2016 - 21:50

Non è un mistero, la stragrande maggioranza degli italiani vedrebbe la Boccassini fuori dal circuito giudiziario. Purtuttavia dovranno ingoiare il rospo visto che i giochi si fanno in casa e che gli italiani purtroppo non hanno voce in capitolo. La giustizia in italia è sospesa e così rimarrà finchè la gente comune ed onesta stanca e vessata non reagirà in modo inconsulto.

scalette

Dom, 01/01/2017 - 00:09

il CSM eletto dal popolo. questa è la vera riforma della giustizia.questi signori devono essere giudicati dal popolo che in democraziA è SOVRANO.

Libero1

Dom, 01/01/2017 - 13:57

La cricca si e' rifatta.I lupi fanno finta di scannarsi ma poi alla fine si scopre che si leccano.

Ritratto di Pettir45

Pettir45

Dom, 01/01/2017 - 14:23

"Mamma li turchi"!

Ritratto di Gianfranco Robert Porelli

Gianfranco Robe...

Dom, 01/01/2017 - 15:37

Andrà bene per indagare comunisti come lei, ma per i normali è incline alle visioni e alla falsa testimonianza, come quells volta dell'assalto militare dell'eletto capo del Governo Berlusconi contro la Questura di Milano ... come un terrorists Isis.