Schulz, la colomba con gli artigli: ora è la sinistra a chiamarlo kapò

Quando Berlusconi lo chiamò così fu scandalo Ma ora che attacca Tsipras gli dicono di peggio

La severità tedesca non ha solo il volto granitico del ministro Wolfgang Schäuble, il falco raffigurato nei manifesti dell'«Oxi» (No) come un Dracula, ma anche quello più rotondo di Martin Schulz, presidente del Parlamento Ue, socialista, finora una delle (poche) colombe teutoniche nel negoziato con Atene.

Ma alla colomba sono spuntati gli artigli, e ancora ad urne aperte ha iniziato a bombardare pesante: «Se vince il No i greci devono uscire dall'euro. Come faranno a pagare gli stipendi? Come faranno a pagare le pensioni?». Poi, incassato l'esito del referendum, in un videomessaggio ha prefigurato scenari tremendi: «Dovremmo discutere un piano di aiuti umanitari per la Grecia: pensionati, bambini, gente comune». Pure dalle fila del Partito socialista europeo, che annovera tra i partiti del centrosinistra molti fautori della linea morbida con Tsipras (c'è persino l'europarlamentare Cofferati, filo-Syriza), Schulz si è allineato al sentimento maggioritario nell'opinione pubblica tedesca, dove l'inflessibile Schäuble tocca record di popolarità (l'ultimo sondaggio lo dà al 70%), superiori alla Merkel.

I giornali tedeschi sono molto critici verso Atene («Festeggiano la loro rovina» titola la Bild , «La Grecia rifiuta di modernizzarsi» scrive il Frankfurter Allgemeine Zeitung , «La Grecia sceglie un futuro incerto, la aspettano settimane amare» commenta Der Spiegel ), e anche la vox populi mostra cittadini tedeschi propensi alla severità («Devono crescere e assumersi le proprie responsabilità e non far pagare gli altri al loro posto» è un'opinione riportata come esemplare da Euronews ). Schulz, autorevole esponente del Spd che governa in una larga coalizione con la Cdu, non si discosta da quel che l'elettorato tedesco vuol sentire, cioè linea dura con Tsipras e compagni. Troppo dura per le più accomodanti orecchie italiane, tanto che per Schulz è immediatamente riaffiorato, nei talk show e sui social network, il marchio di «kapò» che gli aveva affibiato Berlusconi nel 2003. Berlusconi fu massacrato dalla stampa italiana, i Ds chiesero scuse ufficiali, la sinistra estrema lo definì «ignobile», la stessa che ora si indigna per la sua durezza con la Grecia. Ma se Schulz si scaglia contro un premier di sinistra, la definizione di «kapò» sembra appropriata e per nulla offensiva. Su Twitter è tutto un rivalutare il Cavaliere, mentre l'europarlamentare Barbara Spinelli, eletta sotto le insegne di Tsipras, chiede le dimissioni di Schulz, definendolo «parziale, brutale, ottuso». Insomma un mostro, e pure fesso. Ma questo è un giudizio politico, mica un insulto.

Commenti
Ritratto di manasse

manasse

Mar, 07/07/2015 - 08:58

volete mettere la superiorità dei sinistri e la volgarità dei bananas le stesse parole o ingiurie se dette dai sxxxxxxxxxi sono vangelo se dette da destra sono solo offese becere

FRANZJOSEFF

Mar, 07/07/2015 - 09:16

MA NON E' STATO BERLUSCONI A CHIAMARLO PER PRIMO KAPO' E TUTTI IN ITALIA SONO INTERVENUTI A DIFENDERE IL NOVELLO KAPO'. ALLORA LA SINISTRA SI CONTRADDICE E BERLUSCONI AVEVA ED HA RAGIONE, E' VERO?

Ritratto di Dreamer_66

Dreamer_66

Mar, 07/07/2015 - 09:40

ma a parte il Berluska... chi è stato a dare del kapò a Schulz? Come al solito leggo titoloni ma nessun nome...

Ritratto di BenFrank

BenFrank

Mar, 07/07/2015 - 09:46

I compagni che ora gli danno, seppur a ragione, del Kapò nazista, andranno dal Berlusca a chiedergli scusa? Che il Giornale riporti i nomi di coloro, che allora sedevano al parlamento europeo e urlarono contro Berlusconi, e le loro dichiarazioni attuali riguardo Kapò-Schulz.

Pia 59

Mar, 07/07/2015 - 09:54

Non ci sono dubbi, Schulz é un grandissimo politico anzi il migior politico dell#Ue. Kapó o non Kapó.

Ritratto di orcocan

orcocan

Mar, 07/07/2015 - 10:23

Se qualcuno avesse la pazienza di seguire qualche ospite tedesco in Italia, il politico in Europa, i giornali e le TV in Germania, si accorgerebbe che il tedesco a prescindere dalla religione, dal partito di appartenenza e da chi lo governa, difende sempre e comunque la propria Nazione. Giusto o sbagliato è la loro cultura. Gli italiani invece sono esattamente il contrario: reciproci pesci in faccia e critiche pesanti contro L'Italia 24 ore al giorno. Da una parte sono esagerati, ma dall'altra (noi) come possiamo essere credibili agli occhi del mondo?

unosolo

Mar, 07/07/2015 - 10:45

che cretini a suo tempo invece di appoggiare il Berlusconi che lo aveva accennato loro hanno collaborato alla rovina della nostra Nazione , i comunisti se ne fregano se il popolo perde soldi per loro contano i stipendi propri e il partito .

info@licht-ital...

Mar, 07/07/2015 - 10:52

Schulz é un tedesco orgoglioso del suo pancione pieno di birra di scadente qualitá e della sua testa di cemento ( Betonkopf in tedesco). Ovviamente Berlusconi ha sempre avuto ragione nei riguardi di questo elemento, ma non é mai riuscito a farsi rispettare negli ambienti EU e loro lo hanno poi fatto fuori, come tutto püurtroppo abbiamo dovuto osservare !

MEFEL68

Mar, 07/07/2015 - 11:54

Pensavo che poi la storia avrebbe dato ragione a Berlusconi. Mi sbagliavo. Non occorre aspettare la storia perchè già la cronaca sta smentendo tutte le accuse e critiche fatte all'ex Presidente del Consiglio. Uno dei migliori della nostra travagliata storia repubblicana. Questo lo dico valutando i fatti e non sotto la spinta della simpatia politica.

franco-a-trier-D

Mar, 07/07/2015 - 11:56

vogliamo la Merkel non Schulz,comunque anche da qui potete capire e vedere come è unito il popolo tedesco non chiaviche come voi.Si venite qui a dar del nazista o parlare del nazismo e vedrete che scherzo vi fa la polizia certo in Italia potete dire anche questo visto che siete in un paese governato e votato dai comunisti come voi ma non qui.Poi prima di scrivere cxxxxxe sarebbe bene vi faceste un viaggetto qui vedere conoscere e poi parlare, con il cu.lo incollato alla seggiola tutto potete scrivere visto che il cervello non lo usate.

Ritratto di Gianfranco Robert Porelli

Gianfranco Robe...

Mar, 07/07/2015 - 12:14

Shulz-testa di wurstel è un rozzo, ignorante, emerito sindacalista.

Ritratto di orcocan

orcocan

Mar, 07/07/2015 - 14:36

@franco: non ho mai interloquito con te perché non amo gli estremismi. Purtroppo anche tu fai parte di quella schiera che danno SOLO lezioni agli altri, condite da insulti, e non prendono minimamente in considerazione di fare una disamina pacata. Mi spiace perché ho un sacco di amici austriaci e tedeschi, perfino miei vicini di casa, e con loro ho un rapporto pacifico, amichevole, moderato e ragionevole. Diversamente da te che nonostante ti dichiari un tedesco duro e puro (importato) hai un atteggiamento peggiore di quelli che ti hanno adottato. Buone cose.

angelomaria

Mer, 08/07/2015 - 00:02

sicuramente si devono essere accorti che come molti abituati al bere tendono a diventare irrispettosi eprepotenti alle lunghe li conoscevano i suoi vizi abitudini ed idee ma come al solito???ahhche europa!!buonaseraa tutti voi cari lettori e direzione!