Record di votazioni in Sardegna

Con il primo turno delle elezioni comunali che ieri ha coinvolto 28 comuni dell’Isola, i sardi sono tornati alle urne per la terza volta dalle Regionali dello scorso febbraio. Saranno quattro con gli eventuali ballottaggi

Record di votazioni in Sardegna. Con il primo turno delle elezioni comunali che ieri ha coinvolto 28 comuni dell’Isola, i sardi sono tornati alle urne per la terza volta dalle Regionali dello scorso febbraio.

La Sardegna è, infatti, una Regione a Statuto Speciale e, in quanto tale, ha potuto scegliere di votare in un giorno diverso dal 26 maggio, data in cui in Italia si sono svolte le elezioni europee e le amministrative in oltre 3800 comuni. Le città principali in cui si votava erano Cagliari, Sassari e Alghero e in ognuna di queste tre città ci potrebbe essere il ballottaggio il prossimo 30 giugno. E così sarebbero quattro le volte che i sardi sono dovuti entrare in una cabina elettorale. Cinque per i cagliaritani che il 20 gennaio scorso hanno dovuto scegliere il successore del deputato grillino Andrea Mura, fatto dimettere dal Movimento Cinque Stelle quando si è scoperto che passava più tempo in barca a vela che a Montecitorio. Come ricorda Youtrend si sono, dunque, svolte delle elezioni suppletive che sono state vinte dall’ex giornalista di Videolina, Andrea Frailis candidatosi col Pd.

Le elezioni Regionali del 24 febbraio scorso hanno, invece, visto il trionfo del senatore “leghista” Christian Solinas, segretario del Partito Sardo d’Azione sostenuto da tutto il centrodestra. Il 26 maggio, infine, si sono svolte le Europee, nelle quali la lista più votata è stata la Lega (27,6%), seguita dal Movimento 5 Stelle (25,7%) e dal Partito Democratico (24,3%). Nessun eurodeputato sardo, però, è stato eletto (a fronte di 3 sardi uscenti) in quanto nella Circoscrizione Italia Insulare sono stati eletti soltanto candidati siciliani.