Beppe Fiorello si sfoga: "Mia fiction su Riace bloccata e nessuno dei miei colleghi si fa sentire..."

L’attore protesta a difesa della serie sull’integrazione di Riace, che forse non andrà in onda sulla Rai

"Non è la prima volta che una mia #fiction viene bloccata, anni fa le #foibe, il governo di allora non gradì, poi la storia di #graziellacampagna, l’allora Min. della Giustizia si indignó, ora #Riace, bloccata perché narra una realtà e nessuno/a dei miei colleghi si fa sentire". Lo sfogo di Beppe Fiorello arriva via social ed è durissimo.

L’attore manifesta tutto il suo rammarico su Twitter, lamentandosi per il fatto che la Rai abbia messo in stan-by la sua serie tv Tutto il mondo è paese sul modello di Riace, piccolo paese della Calabria esempio virtuoso di integrazion grazie al sindaco Mimmo Lucano.

Un lavoro televisivo che forse rimarrà lì a prendere la polvere, senza vedere mai la messa in onda. In precedenza, Beppe Fiorello aveva già protestato con veemenza, parlando anche di censura. E sempre su Twitter, infatti, aveva scritto: "Sono tanti, intellettuali, registi, scrittori, attori, attrici giornalisti che si indignano per l’esclusione di una giurata da un talent show, pochi invece pronunciano parole di denuncia per questa vicenda che rischia di trasformarsi in censura, #iostoconriace".

Commenti

il corsaro nero

Lun, 10/09/2018 - 14:27

"esempio virtuoso di integrazione" de che che? il sindaco e la giunta sono indagati per corruzione e falso!!!