Fabio De Nunzio: "Così Mingo truccava i servizi"

L'ex inviato di "Striscia" volta le spalle all'ex collega (e amico) Mingo: "Lui e sua moglie truccavano i servizi"

Dopo anni di servizi e di lavoro insime, scoppia la coppia Fabio e Mingo. Adesso è Fabio De Nunzio ad accusare il suo ormai ex amico Mingo. E lo fa senza giri di parole puntando il dito contro l'ex inviato di Striscia e la moglie: "Partiamo dal fatto che io e Mingo, da qualche anno, non andavamo d’accordo, come succede a tante coppie che stanno insieme da tanti anni sia nel mondo dello spettacolo, sia nella vita. Infatti, negli ultimi anni, erano Mingo e sua moglie che si occupavano dell’organizzazione dei servizi. Di conseguenza io ero tenuto all’oscuro di ciò che veniva organizzato e venivo avvisato soltanto nel momento della registrazione, essendo oltretutto a disposizione ogni giorno. Mi comunicavano il luogo e l’ora e io arrivavo pronto a registrare", spiega a Leggo.

Poi parla anche di quei servizi che sarebbero stati inscenati da Mingo e dalla moglie: "Non potevo accorgermene. Faccio un esempio: prendiamo uno di quei servizi, quello della maga sudamericana. Le cose funzionavano così: arriviamo nel paese dove era presente questa maga, facciamo l’incursione per chiedere spiegazioni alla donna. Lei, tra le reazioni che ha, mi dà anche una sonora bastonata alla schiena, tant’è che poi ho avuto forti dolori per diversi giorni. Come potevo pensare che la maga che mi stava bastonando era invece un’attrice? Impossibile. Come pure un altro servizio, quello del falso avvocato che avevamo “beccato” a Casamassima, in un bar. Una volta fatta l’incursione, il falso avvocato, ebbe una reazione abbastanza brusca, scaraventando Mingo contro un muro in maniera molto violenta e fuggendo da questo bar dove erano presenti diverse persone. Come potevo pensare che si trattasse di un falso avvocato? Posso solo…fare i complimenti agli attori che sono stati molto bravi".