Il Brescia fa festa: il club lombardo torna in Serie A dopo otto anni

Il Brescia di Corini torna in Serie A dopo otto anni passati nella serie cadetta. Decisiva la vittoria di misura sull'Ascoli: lombardi promossi con due turni d'anticipo

Il Brescia di Massimo Cellino, allenato egregiamente da Eugenio Corini, è riuscito a tornare in Serie A dopo ben otto stagioni passate in Serie B. La vittoria sull'Ascoli, per 1-0 con la firma di Dessena ,ha permesso così ai lombardi di ottenere la promozione con due giornate d'anticipo. L'ex tecnico di Chievo Verona e Palermo ai microfoni di Dazn ha espresso tutta la sua soddisfazione per il traguardo raggiunto: "Chi ha provato l'esperienza di essere un calciatore e di conquistare una promozione, sa che è stupenda. Da allenatore l'emozione è ancora più grande perché sono maggiori le responsabilità".

Corini ha poi continunato: "Per me è un obiettivo straordinario, devo ringraziare il mio Presidente. Ho dato tutto per ripagare la fiducia, ringrazio i miei splendidi calciatori e i miei collaboratori. Questa è stata una stagione complicata, tutta la tifoseria meritava la promozione". Se il Brescia ha centrato la promozione in Serie A sfruttando il primo dei tre match point disponibili, la stessa cosa non ha fatto il Lecce di Fabio Liverani che ha perso, con merito, per 2-1 in casa del Padova di Centurioni ultimo in classifica.

I salentini riposeranno nel prossimo turno di campionato e si giocheranno l'accesso alla massima serie nella giornata successiva. Ecco i tre scenari possibili: 1) i salentini battono lo Spezia nell'ultimo turno di campionato, 2) in caso di pareggio con i liguri al Lecce basterà che il Palermo, staccato di quattro punti, vincerà solo una partita delle due da giocare. 3) In caso di sconfitta con lo Spezia, il Lecce sarà promosso in Serie A se il Palermo perderà una delle ultime due partite.[[