Palermo, femministe in piazza bruciano bandiera della Lega

Durante una manifestazione dell'otto marzo a Palermo, alcune ragazze hanno bruciato una bandiera della Lega. "Un'azione simbolica", spiegano le attiviste. Per il deputato Rizzotto. "Il gesto evoca tempi bui"

Un corteo di circa tremila persone, secondo le stime fornite dagli organizzatori, è sfilato nel pomeriggio di ieri in occasione della ricorrenza dell'8 marzo per le strade di Palermo. L'iniziativa è stata promossa dall'associazione "Non Una di Meno Palermo". Quando il corteo è giunto nella centralissima via Maqueda, due attiviste dell'Assemblea contro la violenza maschile sulle donne hanno bruciato una bandiera della Lega. "Un'azione simbolica - spiegano -, in assoluto dissenso nei confronti del Ddl Pillon, disegno di legge sulla revisione delle norme in materia di separazione, divorzio e affido. Si tratta di un modo per portare l’attenzione sulla manifestazione nazionale contro le Grandi opere inutili e in difesa del territorio che si darà a Roma il 23 marzo. A tale manifestazione, in occasione della quale è stato organizzato un pullman che partirà da Palermo, le donne dell’Assemblea hanno deciso di partecipare perché fermamente convinte che la lotta per libertà delle donne, che l’emancipazione femminista, passi necessariamente anche attraverso l’autodeterminazione dei territori".

Non si sono fatte attendere le repliche del mondo politico. "Il fatto che durante la manifestazione dell'otto marzo alcune ragazze abbiano bruciato la bandiera della Lega, è triste per le ragazze che hanno compiuto il gesto - dice Tony Rizzotto, deputato regionale della Lega a Palazzo dei Normanni -. Ognuno è libero di esprimere il proprio consenso o dissenso rispetto alle posizioni politiche della Lega o di qualsiasi partito, ma bruciarne il simbolo evoca tempi bui che nessuno di noi si augura. È un fatto ancora più grave considerando che la Lega è oggi il principale partito italiano e quel gesto è quindi un'offesa per milioni di elettori e militanti".

Commenti
Ritratto di mortimermouse

mortimermouse

Sab, 09/03/2019 - 12:53

come vedete la lega non fa troppo bene il suo mestiere. annacqua le leggi che sono di fi e spacciate per m5s....

TitoPullo

Sab, 09/03/2019 - 13:04

KOMUNISTE!!NIENTE DI PIU' NIENTE DI MENO!!

Ritratto di hernando45

hernando45

Sab, 09/03/2019 - 13:23

Siccome a casa loro, contano una beata MAZZA!!! Si illudono di essere valorizate bruciando una bandiera!!!!jajajajaja.

venco

Sab, 09/03/2019 - 13:38

Queste non vogliono il codice rosso proposto dalla lega.

HARIES

Sab, 09/03/2019 - 14:22

Sicuramente femministe di Forza Italia e Partito Democratico, con qualche infiltrata del movimento MeToo.

MEFEL68

Sab, 09/03/2019 - 14:27

Se mai ce ne era bisogno, questa è la prova che la festa della donna è solo una manifestazione politica della sinistra. Perchè bruciare la bandiera della Lega? Credo che non lo sappiano neanche le variopinte manifestanti. Se c'è un partito che più di tutti è deciso ad inasprire le pene di chi delinque è proprio la Lega. I partiti di sinistra, basta riflettere, sono quelli più buonisti. Quelli che finora hanno fatto in modo che non ci fosse la certezza della pena; che maniaci violenti o solo violenti non marciscano (orribile parola contestata a Salvini) in galera. L'otto marzo è la festa delle donne sveglie, che per fortuna sono tantissime, non per chi si fa strumentalizzare da chi non le vuole difendere.

Ritratto di indicazionediconfine

indicazionediconfine

Sab, 09/03/2019 - 14:33

E poi accusano la Lega di seminare odio. Ma cosa c'entrano le grandi opere con il divorzio e l'affido? Dev'essere che qualsiasi cosa faccia la Lega, è sbagliata a prescindere. Ah, ecco.

Ritratto di bracco

bracco

Sab, 09/03/2019 - 15:05

Si rendessero utili queste perditempo andando a raccogliere la sporcizia che inonda la loro città

VittorioMar

Sab, 09/03/2019 - 16:25

..le BANDIERE sono dei SIMBOLI e BRUCIALI vuol dire "BRUCIARE TUTTI QUELLI CHE LA SCELGONO PER RAPPRESENTARLI !!...poi i picchiatori e prepotenti FASCISTI sono gli altri !!...SALVINI E' TEMUTO ANCHE A PALERMO da chi organizza queste CARNEVALATE !!!

maurizio-macold

Sab, 09/03/2019 - 16:36

Beh, che a scandalizzarsi siate voi leghisti e' davvero un controsenso. Signori leghisti, ve lo siete dimenticato che il vostro capo ideologico, tale signor Bossi, dichiaro' che con la bandiera italiana ci si sarebbe pulito il sedere ? Per non parlare delle piazzate da osteria in parlamento. Abbiate il pudore di starvene zitti.

VittorioMar

Sab, 09/03/2019 - 17:04

...ognuno ha il suo CADAVERE nascosto...in altri tempi si bruciavano BANDIERE USA..ITALIANE e....ISRAELIANE oltre a "RISCALDARE" le CAMIONETTE DELLA CELERE con le MOLOTOV...e chi manifestava negli anni '70 ??..e qualcuno di quelli è arrivato a Palazzo Chigi ricevuto alla CASA BIANCA !!...quello è RINNEGARE SE STESSI !!

ziobeppe1951

Sab, 09/03/2019 - 18:18

MACOLD...gnurant..un conto è dichiarare..un altro è distruggere come fanno le tue “bellezze” rosse col cervello all’ammasso

Ritratto di hernando45

hernando45

Sab, 09/03/2019 - 20:42

Ci Riprovooo!!! hai ragione caro Maurizio 16e36 ma. Ma in quel caso l'Umberto fu giustamente, denunciato e condannato!! Ora staremo a vedere se succedera la stessa cosa, per quelle 4 SMANGRUPPATE che ti piacciono tanto!!!!!jajajajajaja.

al59ma63

Sab, 09/03/2019 - 23:02

Vorrei sapere QUANTE DI QUESTE erano a manifestare in piazza per PAMELA e per la loro liberta'...avanti con i nomi...