In Basilicata il mare vietato ai cani

Un'ordinanza della Regione rende off limits le spiagge agli amici a quattro zampe. Ma c'è chi protesta

Se andate in vacanza in Basilicata e volete raggiungere le splendide spiagge di Maratea o dello Ionio ricordate di lasciare il cane in buone mani. Perché il mare è vietato ai vostri amici a quattro zampe.

Un'ordinanza, datata ma ancora in vigore, sull’uso delle spiagge e delle zone di mare destinate alla balneazione della Regione, pubblicata sul Bollettino ufficiale della Regione il 16 luglio del 2012, stabilisce che “sulle spiagge del litorale jonico e tirrenico, durante tutta la stagione balneare nelle zone destinate, è vietato condurre o far permanere qualsiasi tipo di animale compreso i cani muniti di museruola o al guinzaglio. Fanno eccezione al divieto animali domestici di media-piccola taglia se ben custoditi e curati al fine di non apportare disagio a terzi e nocumento all’ambiente.

Sono altresì esclusi dal divieto i cani guida per i non vedenti quando accompagnano il non vedente, i cani di salvataggio muniti di brevetto se accompagnati da un conduttore, anch’esso munito di brevetto “assistente bagnanti”, i cani utilizzati per la guardiania delle strutture balneari censiti e in regola con le normative sanitarie; i proprietari/custodi degli animali che possono accedere sulle spiagge sono obbligati ad avere quanto necessario per l’eliminazione e porto a discarica delle deiezioni".

Lo stile è in perfetto burocratese, ma la sostanza vieta ai cani di avvicinarsi al mare, tranne eccezioni necessarie e con una ambiguità di fondo. Quali sono gli animali domestici accettati in spiaggia “ben custoditi e curati”? Il dilemma è di quelli che non lascia scampo alla contraddizione.

Un quotidiano locale fa presente come ci sia già una denuncia da parte del Centro studi turistici Thalia che ha raccolto la segnalazione di una coppia di Potenza che, in spiaggia a Pisticci, in provincia di Matera, non ha potuto accedere agli stabilimenti balneari perchè con loro c'era il cane di piccola taglia. Secondo alcuni monitoraggi del centro “solo il 2 per cento dei lidi attrezzati del Metapontino accetta l’ingresso di cani”, ma probabilmente non sono a conoscenza di questa rigida ordinanza che ha fatto il suo tempo e va modificata. Lasciare il proprio cane sia pure in buone mani per i padroni è una sofferenza. Meglio vederlo che sguazza tra le onde. O tira il costume come nella famosa pubblicità degli abbronzanti di una volta.

Commenti

blackindustry

Mar, 02/08/2016 - 20:23

Guarda caso ancora una volta vietano cio' che ai musulmani non piace... Infatti per loro il cane e' animale "impuro"...e sapete il perche'??? Perche' aveva morso il profeta pedofilo psicopatico assassino, sicuramente gli aveva sentito puzza di pedofilo, dato che si era COMPRATO E SPOSATO UNA BAMBINA DI 9 (qualcuno sostiene addirittura di 6) ANNI!

Ritratto di gammasan

gammasan

Mar, 02/08/2016 - 21:41

Io amo gli animali, ma l'idea di avere vicino al mio ombrellone una bestia che si sgrulla l'acqua di dosso, che fa i suoi bisogni (anche se poi diligentemente raccattati), che alza la graziosa zampina per pisciare e magari abbaia festosamente no sorride affatto. Cambierei stabilimento balneare...

Paolorux

Mar, 02/08/2016 - 21:43

Perché i cani in spiaggia No ... e i vucumprà Si? Perché Loro in spiaggia possono stare, senza permessi di vendita ambulante, senza rilasciare scontrini, senza pagare tasse. Possono persino FARLA in spiaggia senza raccoglierla col sacchettino!

BiBi39

Mer, 03/08/2016 - 01:53

Ho due cani ma concordo assolutamente con "gammasan" e non li porterei mai in spiaggia per rispetto degli altri bagnanti. Inoltre e' da tener presente che i cani dopo ogni "gita" al mare devono essere sciacquati per pulirli dalla sabbia e per togliergli la salsedine se si sono bagnati, ma ben pochi proprietari lo fanno quindi e' meglio ladciarli a casa.

seccatissimo

Mer, 03/08/2016 - 05:52

x gammasan Mar, 02/08/2016 - 21:41 Comprensibile. Ma ogni zona balneabile dovrebbe avere anche un'area sufficientemente grande (non solo un francobollo di area) riservata a turisti, bagnanti, frequentatori con cani!

Ritratto di giorgio.peire

giorgio.peire

Mer, 03/08/2016 - 06:53

Ben fatto !

dondonatino

Mer, 03/08/2016 - 07:53

finalmente una buona ordinanza, chi vule tenere un cane e' liberissimo di farlo, ma non deve rompere le scatole a quelli che non li vogliono. I luoghi pubblici devono essere aperti per gli uomini non per gli animali.

scimmietta

Mer, 03/08/2016 - 08:15

Gli animali in spiaggia ,oltretutto se affollata, creano indubbiamente problemi. Spesso le povere bestie non hanno colpe, i loro padroni sicuramente si.

Ritratto di Andrea B.

Andrea B.

Mer, 03/08/2016 - 08:41

A dire la verità credevo che la legge fosse così in tutta la penisola ( a parte la solita eccezione- vedi permesso per i cani di piccola taglia- fumosa ed imprecisa, che nelle leggi e regolamenti italioti non manca mai e crea sempre confusione e discrezionalità a seconda di chi incontri). In ogni caso ho sempre pensato che il divieto fosse cosa sensata, con buona pace dei "canisti".

ripper

Mer, 03/08/2016 - 09:18

Embè? e dove sta il problema?...sulle spiagge ci va pure chi gli animali non li sopporta. Per quale motivo debbono subire quelli degli altri? Per i proprietari di cani, o gatti, come probabilmente è l'articolista, il loro animale non dà fastidio, non abbaia, non morde e non fa bisogni, piuttosto scoppiano. Io se sto in acqua a vedo vicino un cane mi alzo e me ne vado, così come al ristorante. Vadano nelle spiagge attrezzate per loro, se ci sono sennò li lascino altrove. Ricordo all'articolista che c'è pure la libertà degli altri esseri umani, quelli che non hanno e non vogliono animali, che comunque dovrebbe contare più di quella degli animali.

Ritratto di mariosirio

mariosirio

Mer, 03/08/2016 - 10:30

Mai ho visto un cane felice con sabbia negli occhi, naso, orecchie, e coi rami spinosi nel pelo fanno nodi da rasatura totale...ovunque è vietato ma nessuno legge le ordinanze balneari soprattutto nelle cosiddette spiagge "libere" dove la balneazione sarebbe pure vietata per mancanza di soccorsi e controlli ma i comuni manco mettono cartelli o vengono distrutti. È sbagliato ed egoistico portare il cane in spiaggia: ci sono insetti e parassiti che inevitabilmente attaccano l'animaletto e collari e veleni non sempre sono efficaci; la sabbia è sempre rovente e lui è costretto per conformazione fisica a starci attaccato; manca acqua fresca specialmente in aree "selvagge" spesso c'è ombra solo sulle dune e nelle pinete dove la gente parcheggia e si sente costretta/autorizzata a insozzare; abbiaiano facendo chiasso per loro natura, a volte se infastiditi mordono ma nessuno se ne cura.

Ritratto di mbferno

mbferno

Mer, 03/08/2016 - 10:36

Scommettiamo che trattasi di ennesimo inchino al volere dei musulmani per i quali il cane è impuro e pertanto inquina l'ambiente e gli esseri umani?