Cassino, una stele per i parà tedeschi nazisti. L'Anpi: "È uno sfregio"

A Cassino l'inaugurazione di un monumento ai paracadutisti tedeschi caduti nel 1944. Zingaretti: "Gesto grave". Anpi pronta alla denuncia

A Cassino l'inaugurazione di un monumento ai paracadutisti tedeschi, caduti nel 1944, innesca un vespaio di polemiche e dure critiche. "Si tratta di un'iniziativa di riconciliazione", frenano gli organizzatori assicurando che il monumento non ha "alcuna valenza politica" ma serve a ricordare tutte le vittime. Giustificazioni che non bastano a placare gli animi della sinistra. E così nella Città Martire, che durante la Seconda guerra mondiale ha pagato un prezzo durissimo, è scoppiato il putiferio. Il presidente della Regione, Nicola Zingaretti, parla di "gesto grave" mentre l'Anpi accusa gli organizzatori di "sfregio alla guerra di liberazione" e si dice pronta "a fare denuncia". E alla fine l'associazione ha deciso di annullare l'inaugurazione.

L'iniziativa è stata portata avanti dall'associazione "Albergatori Parco di Montecassino e Linea Gustav" che, recependo le richieste di un'altra associazione, quella dei "Paracadutisti Tedeschi di Nagold", ha installato una stele con il paracadute, simbolo delle truppe tedesche che contrastarono l'avanzata degli Alleati sulla Linea Gustav, nel punto esatto della Grotta di Foltin, la caverna che divenne posto di medicazione e comando tedesco e del Capitano Ferdinand Foltin nella Seconda Guerra Mondiale. Contro l'iniziativa si sono schieratele associazioni partigiane e combattentistiche ma le critiche sono arrivate da più versanti. Tanto che il sindaco Carlo Maria D'Alessandro ha subito comunicato che non avrebbe partecipato all'iniziativa e ha invitato a sospenderla.

Di ora in ora gli attacchi e le prese di posizione si sono fatti sempre più duri. "È un gesto grave - ha tuonato l'Anpi locale - una ferita alla memoria della guerra di liberazione e un'offesa alla comprensione della storia perché non si tiene conto delle stragi e delle violenze compiute nel territorio della nostra regione dai paracadutisti che si vorrebbe omaggiare". Anche Zingaretti è intervenuto per condannare l'iniziativa. "Non si possono confondere meriti e responsabilità, mettere sullo stesso piano liberatori e oppressori, sostituire le ragioni della libertà con quelle dell'odio", ha detto il governatore della Regione Lazio invitando tutti i cittadini a "onorare i caduti, i morti di tutte le guerre e le violenze senza umiliare la storia, senza fare a pezzi un passato comune, un patrimonio che ci appartiene". Alla fine, l'associazione albergatori ha accolto l'invito del sindaco a sospendere l'inaugurazione del monumento.

Mappa

Commenti
Ritratto di Maximilien1791

Maximilien1791

Dom, 18/03/2018 - 09:14

La storia la fanno i vincitori e a volte anche chi è salito sul carro dei vincitori e prima dell'8 Settembre 43' brillava per la sua assenza.

routier

Dom, 18/03/2018 - 09:16

Quelli dell'AMPI mi stanno cordialmente antipatici ma sul monumento ai tedeschi nell'Italia del 1944, hanno ragione.

Dordolio

Dom, 18/03/2018 - 09:19

Quando non rispetti i morti (chiunque essi siano, qualsiasi la loro uniforme e il loro credo) e il loro ricordo sei maledetto per l'eternità.

Mogambo

Dom, 18/03/2018 - 09:59

Questi fetenti dell'Anpi, devono necessariamente rinfocolare odii e mantenere artificiose divisioni fra gli italiani, altrimenti hanno il terrore di perdere i sostanziosi finanziamenti statali.Solo in una società in perenne conflitto,incancrenita, purulenta e sofferente, l'Anpi sguazza felice e gioiosa, come se fosse nel proprio elemento naturale, ovvero nel fango più putrido.

Dordolio

Dom, 18/03/2018 - 10:03

L'imbecillità di certa gente è immensa. Sul Grappa ogni anno vengono commemorati i morti della 1 GM. E vengono ospitate (rispettatissime) rappresentanze d'Arma austro-ungariche. E la guerra allora ebbe caratteri di autentica barbarie, e non solo per gli aspetti di vera macelleria (gli austriaci finivano a colpi di mazza i nostri soldati feriti). E nessuno ha giustamente mai avuto nulla da dire su quelle celebrazioni CIVILISSIME. Nuovi barbari (ANPI e loro sodali) nella loro nequizia e ignoranza poi non comprendono che nessuno celebra fasti nazisti. Ma paracadutisti tedeschi, soldati caduti in battaglia e in un'epoca - poi - dove lo spirito del tempo era completamente diverso.

cir

Dom, 18/03/2018 - 10:04

partigiani = assassini.

Massimom

Dom, 18/03/2018 - 10:06

Sono d'accordo. Meglio un bel monumento ai piloti alleati che hanno allegramente bombardato e raso al suolo Cassino. Naturalmente non solo Cassino, hanno ben altri meriti, Palermo, Napoli, Cosenza, Foggia, Salerno, Crotone, Taranto, Roma, Viterbo, Genova, Avellino, Lecce, Bari, Orte, Cagliari, Carbonia, Civitavecchia, Benevento, Frascati, Pescara, Firenze, Treviso, Gorla, Milano, Torino etc. etc. etc. etc. etc. !!!!!!!!! Se parliamo di numeri e di civili altro che le stragi tedesche!!!!!!!!

gianrico45

Dom, 18/03/2018 - 10:11

E l'ANPI con la battaglia di Montecassino che cosa c'entra? Ai tempi della battaglia di Montecassino i partigiani le battaglie la facevano contro gli animali da cortile.

amedeov

Dom, 18/03/2018 - 10:25

Onore ad ogni soldato che ha pagato con la vita il proprio ideale a torto o a ragione

Ritratto di bonoitalianoma

bonoitalianoma

Dom, 18/03/2018 - 10:52

Però dell'ingiuria al Monastero di S. Benedetto nessuno versa un anatema ... La fortuna di essere vincitori.

TONI-GARATTI

Dom, 18/03/2018 - 10:52

Che infami lo zingaretti, rieletto grazie a sorriso Durbans e i suoi vanneggiamenti, e quella feccia dell'anpi, i parà tedeschi sono stati un fulgido esempio di eroici combattenti per la propria Patria, hanno tenuto in scacco forze enormemente superiori e mai sconfitti, ritiratisi alla fine solo perchè aggirati , ma dopo aver fatto strage dei nostri nemici!! E gli eroici alleati hanno anche eliminato a freddo per vendetta e frustrazione tutti i feriti intrasportabili lasciati sul posto. Manca quindi anche un monumento alla viltà!!!

btg.barbarigo

Dom, 18/03/2018 - 11:00

I paracadutisti tedeschi hanno scritto a Cassino pagine di alto e inim- maginabile eroismo e consentito inoltre il trasporto in Vaticano,con numerose autocolonne attraverso la via Casilina,della maggior parte delle opere d'arte e antichi documenti benedettini che altrimenti sarebbero andati distrutti per i bombardamenti angloamericani.

paco51

Dom, 18/03/2018 - 11:02

c'è a chi i tedeschi di cassino non danno problemi: l'anpi forse....

VittorioMar

Dom, 18/03/2018 - 11:09

..SAREBBE COSA DA PRENDERE IN SERIA CONSIDERAZIONE, ELIMINARE IL 25 APRILE O ACCUMULARLO AL 2 GIUGNO !! SAREBBE UN VANTAGGIO ANCHE PER L'ECONOMIA....!!! ANACRONISTICO E ANTI STORICO !!...CHE BUGIARDI CHE SONO !!

c'eraunavoltal'Uomo

Dom, 18/03/2018 - 11:13

MAXIMILIEN 1791: HAI PERFETTAMENTE RAGIONE: L'ATTACCO GIAPPONESE A PEARL HARBOUR E' PER ANTONOMASIA "PRODITORIO", L'ATTENTATO DI VIA RASELLA PERPETRATO DA DIETRO UNA FINESTRA CONTRO POVERI GIOVANI CHE FACEVANO ( GIUSTAMENTE O NON ) IL PROPRIO DOVERE, UN "LUMINOSO MOMENTO DELLA RESISTENZA" L'UNICO EROE ITALIANO VITTIMA DEI TEDESCHI CHE RIESCO A RICORDARE E' SALVO D'ACQUISTO, CHE FU SOLO MATERIALMENTE FUCILATO DAI TEDESCHI, MA FU IN EFFETTI SACRIFICATO DAI VIGLIACCHI CHE NON SI AUTODENUNCIARONO ( LA STORIA NON L'HO STUDIATA SUI "TESTI UFFICIALI "CHE PER ANNI CI HANNO IMPOSTO A SCUOLA...)

Ritratto di rosario.francalanza

rosario.francalanza

Dom, 18/03/2018 - 11:19

Se Zingaretti & C. facessero così anche verso il terrorismo e contro certi 'ex' che oggi si presentano come 'vecchi saggi'!

emulmen

Dom, 18/03/2018 - 11:24

Come al solito quelli dell'ANPI nascondono la verità...i parà tedeschi di Student che difendevano Cassino non era volgari assassini come le SS,erano soldati valorosi che anche gli alleati elogiarono per il loro coraggio. Fu il comandante tedesco di cassino che stabilì col diacono dell'abbazia un cerchio di300 metri attraverso il quale i parà tedeschi non dovevano assolutamente passare, e gi stessi monaci giurarono che ilpatto venne rispettato fino a quando quel farabutto di Freyberg dicendo che vedeva luccicare qualcosa nell'abbazzia ordinò il mostruoso bombardamento che rase al suolo il sacro monumento. Furono i parà tedeschi ad organizzare la fuga dei monaci di civili terrorizzati dll'inferno e si insediraono allora sì nelle rovine dell'abbazzia fino a i primi di maggio inchiodando al suolo gli alleati. ANPI VERGOGNATI! LEGGETE LA STORIA VERA, SINISTRATI!

DRAGONI

Dom, 18/03/2018 - 11:24

OGNI OCCASIONE E' BUONA PER RIPRENDERSI DALLA BATOSTA ELETTORALE NAZIONALE.ZINGARETTI E SOCI DELL'ANPI CERTAMENTE NON SI SREBBERO OPPOSTI AD UN MONUMENTO COMMEMORATIVO AI CADUTI "MAROCCHINI" CHE DI SICURO NON HANNO LASCIATO UN BUON RICORDO NELLE POPOLAZIONI LOCALI SIA DI SESSO FEMMINILE CHE MASCHILE.UN RICORDO CHE , COME E' NOTO, RIMASE STAMPATO NEI CORPI DEI COSI' DETTI "MAROCCHINATI" A CUI , SE SOPRAVVISSUTI AL TRATTAMENTO, FU POI CONCESSA LA RELATIVA PENSIONE RIPARATRICE!!

rmazzol

Dom, 18/03/2018 - 11:29

Anpi....... i parà tedeschi erano dei SOLDATI che hanno combattuto con coraggio!!!! Che cosa dice l'Anpi sulle foibe e su tutte le persone sterminate dal comunismo nei gulag??? Il rispetto va dato a tutti tutti coloro che hanno combattuto con eroismo indipendentemente dalla loro bandiera!!! Al contrario il rispetto non va dato a tutti coloro che uccidevano civili inermi (vari partigiani compresi)!!!!!

cir

Dom, 18/03/2018 - 11:36

barbarigo : verissimo .

gavello

Dom, 18/03/2018 - 11:55

nel marzo del 2018 a questi nostalgici rabbiosi fa paura un pezzo di ferro che ricorda ragazzotti che nel 1944 comunque stavano dando la vita nel compimento del loro dovere, giusta o sbagliata che fosse la causa, ma questo non lo decisero loro. A me fanno molta piú paura i dirigenti tedeschi di oggi che stanno comprandosi il nostro paese con tutte le cose sublimi che ha, a prezzo di saldo e spesso con la connivenza o incapacitá di personaggetti come sto Montalbano bis

snips

Dom, 18/03/2018 - 12:04

Ma perchè stiamo tutti a prendersela? Qualc'uno fà ora qualche divisione tra Vercingetorige e Cesare? Oppure tra gli Assiri ed i Babilonesi? Suvvia tra un migliaio di anni divisioni,comunioni,etc.etc. tutto sarà =.Punto.

Ritratto di Rudolph65

Rudolph65

Dom, 18/03/2018 - 12:13

i famosi Fallschirmajager tedeschi,meritano il massimo rispetto.Hanno combattuto contro forza soverchianti alleate e ancora adesso le forze inglesi,polacche e marocchine stanno correndo giu' per la vallata terrorizzate dalla difesa dei PARA' del Generale Kurt Student.MA STA anpi consa vuole? Neanch ei morti si possono ricordare?ABBIAMO I BRIGATISTI CHE VANNO A TENERE LEZIONI NELLE SCUOLE/ATENEI... QUESTO VA BENE? Chiudere utte queste anpi e mandarli a lavorare,altro che sussidio nazionale a questi porci anpi.

routier

Dom, 18/03/2018 - 12:24

Doveroso e ovvio rispetto per i caduti in guerra, senza badare alla bandiera di appartenenza, ma con i monumenti ci rifletterei su un pochino.

Ritratto di Nahum

Nahum

Dom, 18/03/2018 - 12:47

snips, c'é una cosa che fa la differenza, qualcuno é una parola e non si scrive "Qualc'uno"... Per il resto ricordo che gli stessi tedeschi hanno deciso di evitare questi monumenti e hanno raggruppato tutti i loro morti in pochi grandi cimiteri come quello della Futa. Un simile monumento non serve e sarabbe inopportuno se non piazzato appunto nel cimitero di guerra tedesco.

Ritratto di Pippo1949

Pippo1949

Dom, 18/03/2018 - 12:51

ROUTIER e troppi altri,ignorano che la città di Cassino,da tempo,ebbe già a riconoscere onorificenze al generale Von Senger,Comandante del "XIV Panzerkorps" di Cassino nel 44 per il suo esemplare comportamento a favore dei civili. Strano vero ? Quindi che i soliti compagnucci della parrocchietta,starnàzzino pure ! Al contrario,i cittadini di Cassino che conoscono bene la Storia (quella vera) sanno il perchè di questa seconda testimonianza a favore dei paracadutisti della Divisione Fallschirmjäger..........

ducadibrabante

Dom, 18/03/2018 - 12:58

Zingaretti ed ANPI come sempre storici a senso unico...I Fallschirmjaeger o Gruene Teufele che hanno combattuto sul fronte di Cassino e altrove sono fra le tante truppe "straniere" che hanno combattuto sul suolo italiano. Al passo della Futa tra BO e FI c'è un cimitero militare tedesco, come ce n'è uno polacco vicino a BO ed uno nei pressi di AN, uno indiano in città a Forlì. Tutti i caduti in guerra che indossavano un'uniforme meritano onore e rispetto.

ducadibrabante

Dom, 18/03/2018 - 13:04

La storiografia commemorativa della 2a guerra mondiale tende ad accomunare vincitori e vinti in un discorso di fratellanza. Qualcosa del genere vi è a Gemmano vicino Rimini con una lapide trilingue. Zingaretti non lo sa.

ducadibrabante

Dom, 18/03/2018 - 13:06

Mi sembra che tedeschi e polacchi abbiano entrambi un loro cimitero, da quelle parti, mentre i Goumier maghrebini non hanno lasciato un buon ricordo laggiù e non è caso di parlarne. Zingaretti lo sa?

Ritratto di Nahum

Nahum

Dom, 18/03/2018 - 13:14

Von Sengwr non era un fanatico nazista ma una persona di profonda fede che non fa mai nazista ... non e la,stessa cosa ...

Una-mattina-mi-...

Dom, 18/03/2018 - 13:15

L'ANPI E' UNA SCONCERIA CHE VA CHIUSA: NON C'E' GIORNO CHE NON CERCHI VISIBILITA' CON CRETINAGGINI OBSOLETE

Ritratto di bracco

bracco

Dom, 18/03/2018 - 13:30

L'ANPI ormai una associazione innutile da cancellare visto i pochi rimasti e magari malati ormai dell'alzheimer visto che continuano a vedere e combattere i fascisti che si possonono trovare solamente nei libri di storia. La finiscanoi di dire coglionate e si guarassero gli schelitri che hanno negli armadi, via Rasella e il vile attentato , il triangolo emiliano della morte per citarne solo alcuni di qui scheletri ben costuduiti dai partigiani....se ne stassero zitti e pensassero a vivere sereni i pochi anni che gli rimane !!!

Ritratto di I1-SWL527

I1-SWL527

Dom, 18/03/2018 - 14:08

I sottomarini italiani di classe Todaro sono tra i migliori a livello mondiale fra le unità a propulsione convenzionale. Si tratta della versione – pensata per operare prevalentemente nel Mediterraneo – dell’U-212 tedesco, un battello diesel-elettrico dotato di sistema Aip che ne estende sensibilmente l’autonomia (la Marina tedesca detiene il record di navigazione in immersione fra i sottomarini convenzionali).

Ritratto di I1-SWL527

I1-SWL527

Dom, 18/03/2018 - 14:10

dordolio anche i soldati usa in Iraq mentre pisciavano su un civile prima ammazzato si?

Ritratto di mariosirio

mariosirio

Dom, 18/03/2018 - 14:30

Nello stesso posto hanno operato i marucchini che hanno stuprato bambini, ragazze e anziani spaccando ogni dente per divertirsi in di più. E quelli lì vogliono far polemica? Che se avevano scarpe e aerei i partigiani rimanevano camice nere.

giosafat

Dom, 18/03/2018 - 14:32

Ma lasciate che l'anpi starnazzi al vento. Possibile che ogni decisione debba passare per il vaglio di questi sorveglianti speciali? Ma fottetevene e fate quello che vi pare, i giudizi verranno dopo.

Ritratto di LANZI MAURIZIO BENITO

LANZI MAURIZIO ...

Dom, 18/03/2018 - 16:00

ANPIA ASSOCIAZIONE NAZIONALE PARASSITI INUTILI

Controcampo

Dom, 18/03/2018 - 16:16

Da vincitori, i partigiani hanno sempre una voce in capitolo e soprattutto la possibilità di occultare le loro nefandezze commesse durante e nell'immediato dopoguerra. Non che io sia a favore di questo tipo di celebrazioni, ma si parla molto dei crimini commessi dai nazisti e quasi nulla di quello commessi da loro stessi!

Ritratto di gattomannaro

gattomannaro

Dom, 18/03/2018 - 16:30

Non so se i paracadutisti tedeschi abbiano commesso atrocità nei confronti della popolazione civile. Non mi risulta, e se ciò fosse, chiedo venia. Mi risultano, invece, con assoluta certezza, le barbarie commesse dalle truppe marocchine del francese Juin, le famose marocchinate, quando, per premio e per sfregio, ebbero il permesso, anzi, l'incitamento a violentare donne, vecchie, bambine, uccidendo chi si ribellava. E fu inutile barbarie anche il bombardamento dell'Abbazia, voluto da un generale neozelandese. Invece che negare il ricordo a soldati, ora alleati che, comunque, si batterono con senso del dovere, sopportiamo quotidianamente i crimini, piccoli o grandi, dei clandestini marocchini. Fuori dall'Italia, questa gente!!

Ritratto di do-ut-des

do-ut-des

Dom, 18/03/2018 - 17:21

i soldati ricevono solo degli ordini, non centrano per niente con le carognate dei superiori. Poi ci sono tra loro anche carogne, ma sono da dimostrare, che quei morti abbiano fatto cose al di fuori del loro codice. Perchè allora non odiano i marocchini che hanno violentato migliaia di donne durante il loro cammino. Di questi non ne parlano, anzi sono amici.

Ritratto di do-ut-des

do-ut-des

Dom, 18/03/2018 - 17:28

In tempo di record gli americani hanno ricostruito pari pari il convento di Montecassino, peccato che non ci fosse stata già l'autostrada Salerno ReggiuCalabria, altrimenti l'avrebbero ricostruito anche quella in un anno a 6 corsie.

Happy1937

Dom, 18/03/2018 - 17:31

Più che un'iniziativa di riconciliazione mi sembra l'iniziativa di uno sciagurato ixxxxxxxe. Detesto quelli del'ANPI ma questa volta hanno ragione.

stevenson46

Dom, 18/03/2018 - 18:01

L'ANPI è un'associazione inutile e anacronistica: quanti sono gli iscritti che hanno combattuto nella guerra civile tra il 1943 e il 1945? L'ANPI impedisce la storicizzazione e la pacificazione tra gli italiani strumentalizzando una guerra civile in cui furono commesse atrocità da tutte le parti in causa. Invito i sostenitori dell'ANPI a leggere i libri scritti sull'argomento da storici e giornalisti non comunisti, per esempio i libri di Gianpaolo Pansa e di Giorgio Pisanò che raccontano la verità dei vinti di quella guerra fratricida. Spero che vengano sospesi i finanziamenti pubblici all'ANPI.

Ritratto di I1-SWL527

I1-SWL527

Dom, 18/03/2018 - 21:14

chi combatte senza una divisa è un bandito terrorista..e i tedeschi lo sapevano bene.

dare 54

Dom, 18/03/2018 - 23:45

Erano uomini. Come noi. Come i nostri padri, e per molti, come i loro nonni. E sono morti. Per quello in cui credevano. Buoni o cattivi che fossero, sono morti. Riposino.

Gianni11

Lun, 19/03/2018 - 01:00

L'invasione anglo-americana ( non "liberazione") del '43 ci ha portato oggi l'invasione dal terzo mondo. E gli stessi traditori che hanno collaborato con gl'invasori nel '43 oggi sono a favore dell'invasione dal terzo mondo. La guerra contro l'Italia non e' finita nel '44; continua fino ad oggi.

ESILIATO

Lun, 19/03/2018 - 02:19

Basta con queste false affermazioni fatte dall'ANPI che merita di essere smantellata. Le truppe tedesche difendevano la linea Gustav dagli alleati e combattevano con onore e non come a Roma in Via Rasella dove in abiti borghesi i "ladri di polli" fecero una strage innescando le Fosse Ardeatine. Non dimentichiamo le "marocchinate"commesse dopo il crollo della linea Gustav. Dove erano i gloriosi partigiani ? Troppo indaffarati che non potevano venire a proteggere le madri e le sorelle.....

Ritratto di babbeipersempre

babbeipersempre

Lun, 19/03/2018 - 08:08

Dordolio vale anche per i migranti che muoiono mentre cercano di arrivare qui e per i terroristi islamici che combattono la loro jihad... giusto?

Ritratto di Ardente

Ardente

Lun, 19/03/2018 - 09:30

La nostra recente storia è sempre stata un'esclusività della sola sinistra come se fossero state solo le loro formazioni partigiane a liberare l'Italia. La storia la riscrive chi vince, come gia' commentato, e le inesattezze,le omnissioni e le falsità pure. La stele commemorativa ai paracadutisti e' solo un ricordo per chi mori'nella battaglia di Cassino non ha una valenza celebrativa. Dai dati storici narrati dagli studiosi(nn di sinistra)delperiodo non è mai emerso che i para' tedeschi si siano macchiati di stragi a danno della popolazione italiana in quella zona. Tutto il resto è frutto del monopolio arrogante ed ideologico che i comunisti italiani hanno sempre avuto nel voler gestire in esclusiva la storia di quel periodo storico