"Io, stuprata in crociera". 17enne britannica denuncia italiano ma la Spagna lo libera: "Non abbiamo competenza in acque internazionai"

Una studentessa britannica minorenne ha accusato un italiano 18enne di averla violentata in cabina: lui viene arrestato e poi subito rilasciato. Ecco perché

Una studentessa britannica ha denunciato di essere stata stuprata in crociera da un italiano. Diciassette anni lei e diciotto anni lui: l'abuso sessuale si sarebbe verificato in cabina, a bordo della nave in viaggio per le acque del Mar Mediterraneo, con oltre tremila persone a bordo.

Il giovane è stato accusato e dunque arrestato dalle autorità spagnole – la crociera stava procedendo verso Valencia –, ma subito dopo è stato rilasciato. Il motivo? Questioni di competenza territoriale.

Già, perché la nave stava navigando in acque internazionali, motivo per il quale i giudici spagnoli non hanno competenza e dunque potere. Per intervenire, infatti, occorre un mandato di cattura firmato da un Paese con potere di giurisdizione, come la Gran Bretagna o Panama.

Come spiegano gli esperti di diritto internazionale, così come riportato dal Corriere della Sera, esiste infatti "giurisdizione concorrente di più Stati", ma non quello in cui è stata arrestata la persona accusata: se la ragazza denuncia nel Regno Unito, è necessario un mandato d'arresto internazionale, o può chiedere di farlo a Panama, stato di bandiera della nave. Mentre l'Italia può intervenire, ma solo se il sospettato rientra in patria.

E dunque il caso rimane sospeso e aperto, oltre che intricatissimo intrigo internazionale.

Commenti
Ritratto di E5150

E5150

Gio, 18/04/2019 - 13:55

"Io, stuprata in crociera" 17enne denuncia italiano...". ITALIANO??? Ma che succede... riportate la nazionalità dello stupratore italiano giusto per farmi dispetto???